Saturday, Oct 19th

Last update07:06:58 AM GMT

Sei qui: Area Legislativa

Area Legislativa

WiFi4EU, il bando per i Comuni per l'accesso a Internet gratuito in piazze, parchi pubblici, biblioteche

Al via il "buono WiFi4Eu", il bando della Commissione Europea rivolto ai Comuni per installare gli hotspot gratuiti in luoghi pubblici. Per accedere al contributo di 15 mila euro si può presentare domanda tra le ore 13 del giorno 19 settembre e le ore 17 del giorno 20.

Per gli enti, anche associati, è previsto il contributo per coprire le spese per le attrezzature e per l'installazione dei punti di accesso senza fili, mentre ai Comuni spetta il pagamento della manutenzione e della connettività per almeno tre anni.

La candidatura prevede una prima fase di registrazione e una seconda con la candidatura formale.

Relativamente alle caratteristiche tecniche richieste, è necessaria una velocità di almeno 30Mbps e la zona individuata dal Comune non dovrà essere beneficiaria di altri progetti simili.


Allegati:
Scarica questo file (Bando_wifiUe.pdf)Bando_wifiUe.pdf[ ]3217 Kb

Fondo nazionale per la montagna, il documento con la ripartizione di 21,7 milioni di euro

Il Fondo nazionale per la montagna, ripartito per quattro annualità (dal 2016 al 2019), ammonta a un importo di 21.701.376 euro, come stabilito nella Conferenza Stato Regioni dello scorso 25 luglio.

In tale occasione, le Regioni, esaminata la proposta di riparto del Fondo nazionale della montagna (annualità 2016, 2017, 2018, 2019) hanno espresso parere favorevole con le seguenti raccomandazioni: la necessità che nei prossimi anni la ripartizione avvenga in modo regolare, sulla base degli stanziamenti annuali di bilancio; l’esigenza di incrementare ulteriormente la dotazione del Fondo, assicurando la dovuta attenzione alle aree montane; la necessità di provvedere celermente alla erogazione delle risorse, dando tempi certi, in modo da permettere ai Comuni di programmarne l’utilizzo.

Nel dettaglio, la ripartizione è stabilita in queste cifre: Piemonte: € 1.836.814,00; Valle d’Aosta: € 332.565,00; Lombardia: € 1.784.902,00; Provincia Autonoma di Bolzano - ; Provincia Autonoma di Trento - ; Veneto: € 763.028,00; Friuli-Venezia Giulia: € 474.077,00; Liguria: € 552.300,00; Emilia-Romagna: € 1.210.557,00; Toscana: € 1.329.551,00; Umbria: € 749.991,00; Marche: € 679.116,00; Lazio: € 1.277.639,00; Abruzzo: € 1.201.787,00; Molise: € 535.945,00; Campania: € 1.678.235,00; Puglia: € 785.072,00; Basilicata: € 1.080.897,00; Calabria: € 1.775.895,00; Sicilia: € 1.431.477,00; Sardegna: € 2.221.528,00; Italia: € 21.701.376,00.

Comuni costieri, al via le domande per i contributi regionali

Sono stati pubblicati sul Bollettino Ufficiale i criteri e le modalità di concessione di contributi regionali ai comuni costieri e lacunari per l'acquisto di apposite carrozzine e sedie mare per lo spostamento in spiaggia e in acqua di persone con disabilità.

Nel 2019 lo stanziamento previsto è di 200.000 e, per ciascun comune interessato, è di 1.500 euro. La domanda di contributo, sottoscritta dal legale rappresentante del comune, dovrà indicare l'estensione della superficie demaniale con finalità turistica dedicata alla balneazione, nonché il relativo numero di ausili ritenuto congruo per garantire la vivibilità alle spiagge e dovrà essere inviata entro 9 giorni da oggi.

La stessa domanda dovrà essere inviata nei termini alla Direzione regionale per l'inclusione sociale, esclusivamente a mezzo pec all'indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

Allegati:
Scarica questo file (delibera 564 2019.pdf)delibera 564 2019.pdf[ ]120 Kb

Comuni, più fondi per minori stranieri non accompagnati

Con il nuovo decreto del Ministero dell'Interno, siglato dal ministro lo scorso 25 luglio, si dà il via libera all'apertura di 20 nuovi centri di accoglienza per minori stranieri non accompagnati. Contestualmente, sarà previsto anche l'ampliamento della capacità di altri 13 progetti per 728 nuovi posti per i minori.

Lo stresso decreto autorizza, inoltre, l'aumento o la diminuzione della capacità dei posti per altri progetti di accoglienza per adulti già attivi, con relativa rimodulazione dell'entità del finanziamento. Non vengono ammessi al finanziamento i progetti presentati da nuovi enti locali interessati a entrare nella rete Siproimi per l'accoglienza degli adulti. Sono stati ammessi, inoltre, alcuni progetti con riserva, mentre sono stati rideterminati i contributi da corrispondere ad alcuni enti.


Al via il bando Girls 4 STEM della Commissione EU, aperto anche agli Enti locali

La Commissione Europea ha lanciato 'Girls 4 STEM': il bando ideato con l'obiettivo di colmare il divario di genere attraverso l'educazione digitale e imprenditoriale attraverso lo sviluppo di competenze digitali pertinenti per la trasformazione digitale.

È previsto uno stanziamento di 350 mila euro per superare il divario di genere che in Europa riguarda il settore, a partire dall'istruzione e per proseguire fino alle carriere lavorative inerenti le discipline scientifiche, ingegneristiche, tecnologiche e matematiche.

Al bando possono partecipare anche gli enti locali presentando le proprie proposte entro il 27 agosto 2019, per richiedere copertura per il 70% delle spese ammissibili.


Biblioteche comunali del sud, al via il bando per valorizzarle

Un bando per valorizzare il ruolo delle biblioteche comunali quale luogo di incontro e di coesione sociale, incentivando l'utilizzo degli accessi agli spazi e la diffusione di una concezione delle biblioteche quali luogo di ritrovo e di confronto delle comunità.

Il finanziamento ammissibile può raggiungere un massimo di cento mila euro per ciascun progetto  presentato, che sia della durata di 24 mesi. In totale, per il bando è previsto un finanziamento di un milione di euro, di cui un massimo di 500 mila euro sono messi a disposizione dal Centro per il libro e fino a un massimo di 500 mila euro sono messi a disposizione di Fondazione CON IL SUD.

Informazioni e/o chiarimenti sul procedimento possono essere richiesti, fino a 5 giorni dalla scadenza del presente bando, il 23 settembre 2019, al seguente indirizzo email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

Allegati:
Scarica questo file (Bando_bibliotehe_comunali.pdf)Bando_bibliotehe_comunali.pdf[ ]530 Kb

Prevenzione incendi, in GU il decreto che modifica la regola per campeggi e villaggi turistici

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 162 del 12 luglio 2019 il decreto 2 luglio 2019 del Ministero dell'Interno che apporta "Modifiche al decreto 28 febbraio 2014 in materia di regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l’esercizio delle strutture turistico-ricettive in aria aperta (campeggi, villaggi turistici, ecc.) con capacità ricettiva superiore a 400 persone”.

Dal 13 luglio 2019, giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, il decreto è entrato in vigore. Con questo provvedimento è approvato l’allegato 1 che modifica la regola tecnica.

L’allegato 1 sostituisce integralmente l’allegato al decreto del Ministro dell’interno del 28 febbraio 2014.

MODIFICHE AL DECRETO DEL MINISTRO DELL’INTERNO DEL 28 FEBBRAIO 2014. Ai fini dell’applicazione delle disposizioni previste all’articolo 6, comma 2, lettera a) del decreto del Ministro dell’interno del 28 febbraio 2014, il termine «B.4.4» è sostituito da «B.4.2».

Comuni montani, le domande per il Fondo integrativo

I progetti di sviluppo socio-economico per i Comuni montani potranno essere finanziate anche quest'anno dal Fondo integrativo, istituito dalla legge 24 dicembre 2012, n. 228, Legge di stabilità 2013, art. 1 commi 319, 320, 321.

In data 11 giugno 2019, il presidente del Consiglio dei ministri ha autorizzato il Fondo integrativo per i Comuni montani. Nel Bando sono definite le modalità di presentazione delle richieste di finanziamento dei progetti da parte dei Comuni totalmente montani.

Entro il 6 settembre 2019, i Comuni possono presentare le domande, utilizzando la Dichiarazione e la Scheda del Progetto allegate al Bando.

Comuni, necessario richiedere abilitazione al Mef per processo telematico

Il processo telematico è d'obbligo anche per i Comuni relativamente ai giudizi tributari instaurati con ricorsi notificati dal 1 luglio 2019. La novità deriva dal Decreto fiscale (dlgs 118/2019) che introduce l'obbligo della modalità telematica per la notifica e il deposito degli atti processuali, dei documenti e dei provvedimenti giurisdizionali presso le commissioni tributarie provinciali e regionali, per i ricorsi notificati alla controparte dal 1 luglio. La modifica interessa il Codice del processo tributario (articolo 16 del dlgs 546/1992).

È necessario, però, registrarsi al Sigit (Sistema Informativo della Giustizia Tributaria), disponibile sul portale www.giustiziatributaria.gov.it, per poter attivare il Processo tributario telematico (Ptt).

Per poter procedere, gli enti locali devono richiedere l'abilitazione al ministero dell'Economia, con l'elenco dei propri dipendenti da abilitare. Sarà consentita, così, l'interazione telematica tra le commissioni tributarie e le parti coinvolte e la sostituzione della modalità cartacea interamente con strumenti informatici.

Pag 1 di 75