Wednesday, Apr 24th

Last update08:10:33 AM GMT

Bandi e avvisi

Regione Lazio: incentivi per innovazione e competitività

La Regione Lazio ha approvato l'Avviso pubblico "LIFE 2020" (POR FESR Lazio 2014-2020 Asse I – Ricerca e innovazione e Asse 3 – Competitività; Pubblicato sul B.U.R. n. 62 del 4 agosto 2016).

Obiettivo dell'avviso è favorire la riqualificazione settoriale, lo sviluppo delle filiere e a rafforzare la competitività del tessuto produttivo laziale, in coerenza con le aree di specializzazione della Smart Specialisation Strategy (S3) regionale, Scienze della vita e Agrifood, attraverso il sostegno di progetti imprenditoriali realizzati da imprese, singole e associate, che, anche mediante integrazione di filiere, scambio di conoscenze e competenze, abbiano ricadute significative sugli ambiti strategici individuati tramite la Call for Proposal "Sostegno al riposizionamento competitivo dei sistemi imprenditoriali territoriali".

Gli ambiti nei quali dovranno essere conseguiti risultati significativi, con conseguente impulso e crescita delle filiere collegate alle aree di specializzazione intelligente suddette e, dunque, al riposizionamento dell'intero comparto anche rispetto ai mercati internazionali, sono quello farmaceutico, biomedicale, del benessere e wellbeing, agroalimentare, progetti semplici e progetti integrati.

Per le informazioni relative all'avviso pubblico e agli adempimenti è necessario contattare gli indirizzi: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. e Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

Riforma mercati e fiere: al via i bandi comunali

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonomie ha approvato, con un nuovo documento unitario, i facsimile dei bandi che i Comuni dovranno emanare per l'assegnazione dei posteggi per il commercio su aree pubbliche, alias mercati e fiere.

Vengono forniti anche tutti i chiarimenti utili ai Comuni relativamente ai criteri e parametri da inserire nei bandi al fine di poter valutare le domande presentate dagli operatori commerciali in vista della prossima scadenza fissata a maggio e luglio 2017. Scadenza entro la quale i Comuni dovranno resettare il commercio su aree pubbliche.

Dalla Conferenza vengono fornite indicazioni anche circa le finestre temporali per l'avvio e la conclusione delle procedure di selezione, che dovrà cadere con largo anticipo rispetto alla scadenza fissata per prevenire situazioni di impasse.

Al fine di uniformare a livello nazionale le procedure selettive, la Conferenza ha approvato e messo a disposizione dei Comuni un modello unico di bando per mercati e fiere, con relativi facsimili di domande.

Inoltre, tenendo conto dell'assoluta novità della disciplina e dell'imminenza dell'applicazione (maggio 2017), nonché delle eventuali difficoltà operative in cui potrebbero ritrovarsi i Comuni nella gestione delle procedure di evidenza pubblica, il Documento suggerisce la seguente sequenza temporale per adottare gli atti necessari e cioè:

• tra il 1° ottobre e il 31 dicembre 2016: pubbblicazione del Bando da parte del Comune,

• tra il 1° novembre 2016 e il 31 gennaio 2017: presentazione delle domande degli operatori,

• tra il 1° gennaio e il 31 marzo 2017: esame delle domande da parte del Comune con redazione della graduatoria provvisoria,

• tra il 15 marzo e il 15 aprile 2017: presentazione integrazioni o chiarimenti da parte degli operatori,

• tra il 1° e il 30 aprile 2017: approvazione graduatoria finale,

• tra il 15 aprile e il 7 maggio 2017: rilascio concessioni di posteggio e autorizzazioni per l'attività

Acqualatina, bando appalti di manutenzione per 8,1 milioni

Al via il bando per opere di riparazione per Acqualatina del valore complessivo di 8,1 milioni.

Acqualatina, gestore unico del servizio idrico integrato del ciclo delle acque nel comune pontino, apre una gara per lavori di manutenzione ordinaria delle rete idriche, fognarie, dei depuratori e degli impianti ad essi collegati. I lavori di manutenzione ordinaria riguardano l'area Centro nord, mentre i lavori di manutenzione straordinaria delle reti idriche, fognarie, dei depuratori e degli impianti riguardano l'area Sud, ricadenti nel territorio dell'Ato 4 - Lazio meridionale.

Il lotto 1, area Centro Nord (importo 4,5 milioni) comprende gli impianti ricadenti nei Comuni di Latina, Sezze, Sabaudia, Pontinia, Sonnino, Priverno, Roccagorga, Amaseno, Roccasecca, Prossedi, Villa S. Stefano, Giuliano di Roma, Maenza. Il lotto 2 da 3,6 milioni interessa i territori di Gaeta, Itri, Castelforte, Formia, Minturno, Santi Cosma e Damiano, Spigno Saturnia, Ponza e Ventotene. Il termine per il ricevimento delle offerte è fissato al 18 ottobre.

Consulta i documenti di gara.

Regione Lazio, il bando per la ricollocazione di donne con figli minori

È stato indetto dalla Regione Lazio il bando rivolto alle donne disoccupate con figli minori a carico. Il bando è denominato "Adesione al Contratto di ricollocazione per le donne con figli minori" (determinazione dirigenziale del 4 agosto 2016, pubblicata il 9 agosto 2016) ed è stato progettato al fine di creare nuove opportunità di lavoro mediante lo strumento del "Contratto di Ricollocazione" utile ad agevolare l'uscita dallo stato di disoccupazione nel minor tempo possibile.

Tale strumento politico volto ad incidere sulla condizione occupazionale delle donne con figli minori a carico è reso pubblico con l'Avviso pubblico "Candidatura per i servizi del Contratto di ricollocazione per le donne con figli minori" (Determinazione dirigenziale G07099 del 22 giugno 2016).

La domanda di adesione potrà essere presentata a partire dal 26 settembre 2016 fino alle ore 12 del 20 dicembre 2016. La candidatura dovrà avvenire per via telematica, seguendo la procedura indicata sul sito della Regione Lazio.

È stato messo a disposizione anche un indirizzo email al quale sarà possibile rivolgersi per la richiesta di chiarimenti relativi all'Avviso, fino ai tre giorni precedenti alla scadenza di presentazione della domanda: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

Piano periferie, da oggi il bando per gli enti locali

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di oggi il Dpcm sul Piano periferie unitamente al bando che prevede 500 milioni di euro per il finanziamento di progetti di recupero sociale e urbanistico.

Gli enti locali potranno presentare i progetti nell'arco di 90 giorni, dopo di che sarà un nucleo di tecnici (composto dal segretariato generale della Presidenza del Consiglio e altri sei esperti) a valutare a selezionare i progetti.

Le richieste di finanziamento dovranno riguardare iniziative di miglioramento del decoro, progetti di manutenzione, riuso e rifunzionalizzazione di aree pubbliche e di edifici esistenti, progetti mirati all'accrescimento della sicurezza territoriale e della «resilienza urbana». Nel bando sono ammessi anche progetti per lo sviluppo della mobilità sostenibile, per l'adeguamento di infrastrutture destinate a servizi sociali e culturali, educativi e didattici

Il finanziamento sarà concesso agli enti locali con una modulazione a seconda della dimensione dello stesso ente locale.

Per quanto riguarda la graduatoria, la precedenza sarà garantita ai progetti di «tempestiva esecutività» e sarà premiata l'innovatività del progetto sotto vari aspetti. Ai comuni è stato concesso di poter partecipare anche senza disporre necessariamente di un progetto a livello di particolare dettaglio.

Il contributo pubblico potrà essere utilizzato per finanziare sia la progettazione, sia le procedure di gara sia la realizzazione.

Bando 2000 posti letto migranti, ancora pochi giorni alla scadenza

Il bando di Palazzo Valentini per aprire nuovi centri di accoglienza per profughi va deserto per due terzi. Risale all'8 novembre scorso l'avviso pubblico che invitata coop e consorzi a presentare manifestazioni di interesse per trovare alloggio a più di tre mila migranti, ma a conclusione della procedura, dopo il vaglio delle commissioni di gara e le altre verifiche ispettive, la Prefettura si ritrova soltanto poco più di 1.130 posti disponibili, quindi quasi due mila in meno rispetto a quanto progettato.

Il fallimento della gara è determinato, innanzitutto, dalla decisione di escludere dal bando quei territori che già ospitano un numero di posti letto per richiedenti asilo «superiore a 200 a fronte di una popolazione superiore alle 50 mila unità». Pertanto, non hanno potuto presentare offerte tutte quelle coop che lavorano in territori già sovraffollati come il VI municipio, il IV, il V e il XIII.

L'importo della gara è di 18,2 milioni di euro e il giorno ultimo per la presentazione delle offerte è giovedì.

Salva la tua lingua locale: il bando 2016

L’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia e Legautonomie Lazio, in collaborazione con il Centro di documentazione per la poesia dialettale “Vincenzo Scarpellino”, il Centro Internazionale Eugenio Montale e l’EIP – “Scuola Strumento di Pace” indicono la quarta edizione del Premio Salva la tua lingua locale.

Il Premio è aperto a tutti gli autori e si articola nelle seguenti sezioni tutte a tema libero in una delle lingue locali d’Italia:

SEZIONE A – Poesia Edita – Libro di poesia edito a partire dal 1 gennaio 2014.

SEZIONE B – Prosa Edita (storie, favole, racconti inediti, dizionari, rappresentazioni teatrali) – Libro di prosa edito a partire dal 1 gennaio 2014.

SEZIONE C – Poesia Inedita.

SEZIONE D – Prosa Inedita.

Composizione della Giuria: Prof. Pietro Gibellini (Presidente), Prof. Ugo Vignuzzi, Prof. Cosma Siani, Franco Loi, Angelo Lazzari, Vincenzo Luciani, Luigi Manzi.

Presidente onorario del Premio: Prof. Tullio De Mauro

NOTE AGGIUNTIVE:

La SCHEDA DI ADESIONE per tutte le sezioni è disponibile cliccando qui di seguito (Scheda Adesione – SALVA LA TUA LINGUA LOCALE 2016) o richiedendola via email all’indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

Per le sezioni A e B, ogni autore deve inviare n. 5 copie di un solo libro. Il plico postale dovrà essere inviato a: UNPLI via Ancona 40 00055 Ladispoli (RM), entro lunedì 5 settembre 2016.

Per la sezione C ogni autore può inviare fino a tre poesie inedite, con relativa traduzione in italiano, massimo 90 versi in totale. Ogni poesia dovrà essere inviata entro lunedì 5 settembre 2016 all’indirizzo di posta Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. assieme alla specifica scheda di partecipazione allegata al Bando. E’ obbligatoria la registrazione dei lavori inviati in file audio oppure audio-video.

Per la sezione D, si accettano storie, favole, racconti inediti di massimo 3600 battute (spazi bianchi inclusi), corredate di traduzione. Dovranno essere inviati entro lunedì 5 settembre 2016 all’indirizzo di posta Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. assieme alla specifica scheda di partecipazione allegata al Bando. E’ obbligatoria la registrazione dei lavori inviati in file audio oppure audio-video.

Gli elaborati di cui alle sezioni C e D dovranno essere inediti in volume e non premiati in altri concorsi letterari.

Ogni autore partecipando al Premio attesta che le opere sono inedite e non già premiate e sarà responsabile del contenuto dei materiali inviati. Gli elaborati non verranno restituiti.

La partecipazione è gratuita. Per l’iscrizione non si ammettono pseudonimi, nomi di fantasia o diversi dalla reale identità dell’autore pena l’invalidazione dell’iscrizione.

PREMI. Ai vincitori delle 4 sezioni (A, B, C e D) sarà offerto un soggiorno gratuito per 2 giorni per 2 persone a Roma in occasione della premiazione. Sono previsti inoltre riconoscimenti e menzioni d’onore per le opere che la Giuria, a suo insidacabile giudizio, riterrà particolarmente meritevoli.

PREMIAZIONE. I premi dovranno essere ritirati personalmente nel corso della Premiazione che avverrà a Roma in data che sarà comunicata in tempo utile a tutti i partecipanti. I risultati saranno resi noti per email a tutti i partecipanti, attraverso i social network, la stampa e sui siti internet www.unpli.info, www.legautonomielazio.it, www.poetidelparco.it, www.eipitalia.it.

La partecipazione al concorso implica la piena accettazione di questo regolamento e, per i vincitori ed i finalisti, la divulgazione del proprio nome, cognome e premio vinto su qualsiasi pubblicazione. L’organizzazione si riserva infatti la facoltà di pubblicare i lavori pervenuti per tutte le sezioni inserite in questo Bando. Gli autori, partecipanti alle sezioni C e D, per il fatto stesso di partecipare al premio, cedono il diritto di pubblicazione delle proprie opere, senza aver nulla a pretendere come diritto d’autore, all’interno della volume che sarà realizzato a cura del Premio e della propria registrazione audio sul canale YouTube “Memoria Immateriale” allo scopo di contribuire alla costituzione di un archivio nazionale dei dialetti e delle lingue locali sul web.

La proclamazione dei vincitori è prevista nel mese di gennaio 2017 a Roma.

Le opere saranno valutate a giudizio insindacabile e inappellabile della Giuria. Qualsiasi comunicazione o variazione ufficiale delle disposizioni del presente bando e l’eventuale variazione della data indicata per la premiazione saranno comunicate a tutti gli iscritti tramite il sito internet www.unpli.info e la newsletter appositamente creata.

MUSICA – Sarà assegnata una menzione speciale per i materiali ritenuti più interessanti dalla speciale Giuria della sezione. Il concorrente dovrà far pervenire il materiale audio relativo a: canti d’amore, di sdegno, di lontananza, di vendetta; serenate; ninna-nanne; scioglilingua; giochi fanciulleschi; canti politici, di lavoro e d’emigrazione; indovinelli; canti natalizi, pasquali; leggende di santi e diavoli; maldicenze paesane; indovinelli. I partecipanti dovranno inviare il materiale registrato su file Mp3 oppure su CD, avvalendosi della sola voce o accompagnato da un qualsiasi strumento musicale. Assieme al file Mp3 o CD dovranno inviare il testo in dialetto con traduzione in italiano, oltre ad una scheda (se possibile) con note storiche sul testo inviato. La selezione sarà curata dal responsabile Toni Cosenza. Il materiale dovrà essere inviato entro lunedì 5 settembre 2016 all’indirizzo di posta Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. assieme alla specifica scheda di partecipazione allegata al Bando (Scarica qui la Scheda_per la sezione MUSICA 2016) oppure, in caso di invio su supporto CD/DVD, inviato all’indirizzo: “PREMIO SALVA LA TUA LINGUA LOCALE – Via Ancona, 40 – 00055 LADISPOLI (RM)”.

SEZIONE SCUOLA

L’UNPLI, in collaborazione con l’ONG Ecole Instrument de Paix Italia promuove la Sezione per le scuole del Concorso “Salva la tua lingua locale”. Il concorso si propone di stimolare la creatività espressiva dei giovani nell’ età della formazione a tutti i livelli scolastici; possono infatti partecipare gli studenti della scuola primaria e secondaria di I° e II° grado, ed esprimere sentimenti, esperienze, vicende nel loro dialetto e lingua locale, in prosa o in poesia.

I primi tre classificati nelle Sezioni C e D (Poesia e prosa inedita) saranno premiati con una targa e la pubblicazione sul volume finale. L’ E.I.P Italia, Ente riconosciuto dal MIUR per la formazione, rilascerà agli studenti delle ultime due classi della Scuola Secondaria Superiore un attestato di credito formativo ai sensi del D.M n.49 del 24/2/2000 MIUR (valevole per l’esame di maturità) e ai docenti coordinatori un attestato di credito professionale ai sensi del D.M 90/2003.

Regolamento

Ogni autore può inviare fino a tre poesie di massimo 90 versi (con traduzione italiana) o lavoro in prosa (racconto, storia, favola, con relativa traduzione in italiano) di non più di due cartelle. I lavori dovranno essere inviati entro il 31 ottobre 2016 su supporto CD/DVD, con annessa copia cartacea dei testi, con facoltativa registrazione file audio, all’indirizzo Segreteria del Premio “Salva la tua lingua locale” Via Edoardo Maragliano, 26 – 00151 ROMA, compilando la scheda di partecipazione allegata al Bando, con lettera di trasmissione del Dirigente scolastico della scuola firmata e timbrata (Scheda Adesione – SCUOLA – SALVA LA TUA LINGUA LOCALE). Una Giuria di specialisti, coordinata dall’EIP Italia, valuterà gli elaborati e formulerà i giudizi finali. GIURIA SEZIONE SCUOLA: Elio Pecora Presidente, Anna Paola Tantucci coordinatore, Catia Fierli, Teresa Lombardo, Loredana Mainiero, Luigi Matteo, Antonio Mongillo, Adele Terzano.

Regione Lazio lancia il "Fondo della creatività 2016"

È stato pubblicato il secondo bando della Regione Lazio "Fondo della creatività 2016": un bando da 1,2 milioni di euro per rilanciare la cultura e la creatività, incentivando l'attività di almeno 40 imprese creative con un finanziamento massimo di 30 mila euro a fondo perduto, cofinanziando i costi di avvio e di primo investimento.

Un ulteriore passo, quindi, verso le imprese creative: dalle startup innovative nei settori dell'audiovisivo, delle tecnologie applicate ai beni culturali, dell'artigianato artistico, del design, dell'architettura e della musica, cofinanziandone fino all'80 per cento i costi di avvio e di primo investimento. I progetti ritenuti idonei e finanziabili a seguito delle procedure di istruttoria e di valutazione sono stati 41.

La Regione investe, quindi, nella nuova programmazione circa 100 milioni di fondi europei e regionali per le startup innovative e creative e altri 20 milioni destinati a e-commerce e manifattura digitale. Nel 2017, la Regione investirà un milione di euro in più sul fondo creatività.

Il bando è disponibile sulla piattaforma Gecoweb e le domande possono essere presentate a partire dal 16 febbraio fino al 31 marzo. I progetti finanziati saranno massimo 40 per un totale di 30 mila euro per ognuno.

Regione Lazio per le imprese creative 2016

Primo Bando Regione Lazio per sviluppo territori rurali

È in partenza il primo bando della Regione Lazio del Programma di sviluppo rurale (Psr) 2014-2020 che prevede finanziamenti per 60 milioni di euro a sostegno della valorizzazione dei territori rurali. Le finalità del bando riguardano, tra le altre cose, la realizzazione di azioni innovative di sistema nella erogazione di servizi essenziali alle popolazioni rurali, la valorizzazione del patrimonio storico, culturale, architettonico e ambientale delle aree rurali e strategie di sviluppo rurale, nonché di inclusione sociale.

Entro il 31 maggio 2016 i soggetti beneficiari, ovvero associazioni sotto forma di partenariati pubblici-privati (12 gruppi di azione locale - Gal) dovranno presentare le proposte, che dovranno essere focalizzate su almeno tre dei seguenti ambiti tematici: sviluppo e innovazione delle filiere produttive e dell'energia rinnovabile; cura e tutela del paesaggio, del suolo e della biodiversità; valorizzazione e gestione delle risorse ambientali, naturali, dei beni culturali e del patrimonio artistico; accesso ai servizi pubblici e inclusione sociale di gruppi svantaggiati, riqualificazione urbana, reti e comunità intelligenti.

Pag 4 di 22