Saturday, Oct 20th

Last update08:13:31 AM GMT

Sei qui: Area Legislativa Avvisi Sicurezza, prorogata al 9 maggio la scadenza del bando usura rivolto ai Comuni

Sicurezza, prorogata al 9 maggio la scadenza del bando usura rivolto ai Comuni

Con determinazione 4 aprile 2018, n. G04342 pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio di questa mattina è stata prorogata alle ore 12.00 del 9 maggio la scadenza del bando regionale da 1 milione e 50 mila euro destinato ai Comuni del Lazio per i progetti di sostegno alle vittime di usura e per la prevenzione del fenomeno del sovraindebitamento .

La Regione ha preso questa decisione per venire incontro alle sollecitazione di numerosi sindaci che in questi giorni hanno chiesto al Presidente Zingaretti di prorogare i termini del bando.

Obiettivo dell'avviso pubblico è quello di promuovere l'azione degli Enti locali per il reinserimento delle vittime di usura nel circuito dell'economia legale, per il sostegno di chi, per difficolta' di accesso al credito, è una vittima potenziale di questo reato, e più in generale per l'attività di prevenzione. I Comuni che otterranno il finanziamento regionale potranno aprire o potenziare gli sportelli e i centri operativi antiusura: attraverso questi servizi sarà possibile prendere in carico vittime e potenziali vittime, offrire loro assistenza legale, amministrativa, commerciale, bancaria e d'impresa, e sviluppare una rete di prevenzione sul territorio. Gli Enti locali dovranno presentare i propri progetti in collaborazione con uno degli Enti iscritti all'elenco regionale delle associazioni e delle fondazioni antiusura.

"Nel 2015 abbiamo approvato una nuova legge  con il contributo decisivo dell'opposizione e in questi anni abbiamo investito complessivamente  6 mln di euro nel contrasto all'usura - spiega il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti - lavorando con tutti gli attori coinvolti per aiutare quelli che denunciano e le loro famiglie. Con il bando per gli sportelli antiusura, da oltre 1 mln, facciamo un ulteriore passo avanti anche sul fronte della prevenzione. Investiamo su sicurezza e legalità rompendo il muro della solitudine delle vittime e coinvolgendo i sindaci e le associazioni.”

Lo stanziamento del bando prevede inoltre una quota di finanziamento di 300 mila euro destinata esclusivamente ai 15 Comuni del cratere sismico del 2016, un'area che a causa dei pesanti contraccolpi del terremoto sul tessuto sociale e produttivo del territorio presenta un rischio estremamente alto di diffusione del reato di usura.

In questi anni le associazioni antiusura finanziate dalla Regione sono state in grado di prendere in carico 2399 vittime di usura o sovraindebitamento e di fornire assistenza a 1180 tra imprese ed esercizi commerciali. Un risultato straordinario frutto di un'azione amministrativa mirata e di una forte sinergia con le realtà che operano quotidianamentesul territorio per aiutare chi si trova a vivere questa autentica piaga sociale che ha anche pesanti risvolti legati alla criminalità organizzata. "Dall'usura si esce solo con una denuncia, e non bisogna aver paura di denunciare, perché la legge è dalla parte delle vittime e lo Stato offre tutela e sostegno a chi decide di compiere questo passo", conferma il presidente dell'Osservatorio legalità e sicurezza della Regione Lazio, Gianpiero Cioffredi.

 

Ufficio Stampa Regione Lazio