Wednesday, Jun 23rd

Last update08:04:02 AM GMT

Sei qui: Area Legislativa Avvisi Cultura, pubblicate le graduatorie per contributi spettacoli dal vivo 2021

Cultura, pubblicate le graduatorie per contributi spettacoli dal vivo 2021

Sono 23 i progetti annuali di spettacolo dal vivo che la Regione sosterrà nel 2021: produzioni teatrali, orchestre ed ensemble musicali, progetti per favorire l’accesso dei giovani allo spettacolo dal vivo prosa, laboratori formativi, performance di danza, produzioni musicali, orchestre giovanili in collaborazione con le istituzioni scolastiche ma anche progetti di educazione e formazione musicale, teatrale e coreutica. Un fitto calendario di eventi che abbraccerà tutti i linguaggi, anche i più contemporanei.

Sono 36, invece, i progetti triennali sostenuti dalla Regione Lazio: festival teatrali e di arte di strada, manifestazioni musicali, rassegne di danza, spettacolo per bambini, teatri di figura e centri produzione. Un’offerta d’eccellenza che animerà i luoghi della cultura del Lazio a Roma e nelle province.

Con il nuovo Piano Operativo 2021 per lo Spettacolo dal Vivo, agli 1,9 milioni di euro stanziati per il Regolamento, si aggiunge oltre 1 milione dedicato al settore e così suddiviso: 600 mila euro per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale attraverso lo Spettacolo dal Vivo destinati alle associazioni che operano nel settore per la realizzazione di progetti in specifici luoghi della cultura del Lazio; 200 mila euro per le Officine culturali e di teatro sociale; 91 mila euro per le Residenze artistiche a cui si aggiungono 120 mila euro di risorse del Ministero della Cultura, 100 mila euro per le bande musicali, i cori, la coreutica e il teatro amatoriale e altri 100 mila per i festival del folklore nel Lazio.

Il Programma 2021, inoltre, prevede la predisposizione di nuove misure per venire incontro alle difficoltà dei tanti operatori del settore derivanti dalle misure per il contenimento della pandemia. Sono allo studio, infatti, ulteriori forme di sostegno e, come già avvenuto nel 2020, verrà valutata la possibilità di concedere deroghe al regolamento regionale e agli avvisi in corso.