Tuesday, May 21st

Last update07:25:01 AM GMT

Sei qui: Area Legislativa Delibere Banda ultralarga, primi fondi alle Regioni

Banda ultralarga, primi fondi alle Regioni

È in arrivo una prima tranche dei fondi alle Regioni per lo sviluppo della banda ultralarga. Saranno distribuiti in base ai fabbisogni dei territori, 1.557 miliardi sbloccati dal Cipe lo scorso 8 agosto utili a mettere in campo le strategia Ue sulla diffusione dell’ultrabroadband entro il 2020. Cifre alle quali vanno a sommarsi quelle dei fondi regionali europei (Fesr e Feasr) per un totale di 3,5 miliardi.

L’accordo sui fondi da erogare segue la necessità di recuperare i ritardi che il nostro Paese ha accumulato con il resto d’Europa sulla banda ultralarga. Gli interventi riguarderanno le zone cosiddette ‘a fallimento di mercato’, ovvero circa 7300 Comuni con una copertura totale di 18 milioni di italiani.

La rete resterà pubblica nelle aree non appetibili per il mercato, nella possibilità di una comproprietà con le Regioni.

Intanto, stanno partendo o sono già partiti in gli interventi in 700 Comuni di otto Regioni, tra cui Abruzzo, Calabria, Marche, Lazio, Puglia, Lombardia, Toscana, utilizzando ancora risorse della vecchia programmazione.