Tuesday, May 21st

Last update07:25:01 AM GMT

Sei qui: Area Legislativa Delibere Opere pubbliche, consultazione comunità locali per ottimizzare tempi e costi

Opere pubbliche, consultazione comunità locali per ottimizzare tempi e costi

L'articolo 1, lettera qqq) della legge delega per la riforma degli appalti introduce una nuova forma di partecipazione popolare, delineandone il campo di applicazione e alcuni profili procedurali, mediante «l'introduzione di forme di dibattito pubblico delle comunità locali dei territori interessati dalla realizzazione di grandi progetti infrastrutturali e di architettura di rilevanza sociale aventi impatto sull'ambiente, la città o sull'assetto del territorio, prevedendo la pubblicazione online dei progetti e degli esiti della consultazione pubblica; le osservazioni elaborate in sede di consultazione pubblica entrano nella valutazione in sede di predisposizione del progetto definitivo».

La nuova disposizione normativa è finalizzata, innanzitutto, ad ottimizzare i tempi di realizzazione delle più importanti opere pubbliche e, nel contempo, a contenerne i costi. Tenendo presente la situazione degli ultimi tre anni, i tempi di realizzazione sono aumentati passando da 4,4 a 4,5 anni. L'aumento cresce al crescere dell'importo complessivo delle opere, i cui tempi di realizzazione sono sempre più lunghi: per le opere di importo superiore ai 100 milioni di euro sono passati da 11,1 a 14,6 anni.

Quest'ultimo fenomeno è stato messo in evidenza anche dalla Corte Costituzionale che ne ha rintracciato le cause nella presa di posizione da parte delle popolazioni locali e dei portatori di interessi diffusi durante il procedimento di esecuzione dell'opera da realizzare. La stessa Corte fa presente che «la comprensibile spinta, spesso presenta a livello locale, a ostacolare insediamenti che gravino il rispettivo territorio degli oneri connessi non può tradursi in un impedimento insormontabile alla realizzazione di impianti necessari per una corretta gestione del territorio e degli insediamenti al servizio di interessi di rilievo ultraregionale».

Pertanto, la nuova norma introdotta garantisce una consultazione delle comunità locali prima e al di fuori del procedimento amministrativo attraverso il quale si concretizza l'opera pubblica.