Tuesday, Nov 24th

Last update10:15:44 AM GMT

Sei qui: Area Legislativa Normative

Normative

Ministero Pa, fondamentale avviare la trasformazione digitale nell'amministrazione

I ministri Dadone e Pisano, con una nota congiunta, hanno ricordato che a partire dal prossimo 28 febbraio 2021 tutte le pubbliche amministrazioni sono tenute ad avviare i progetti di trasformazione digitale necessari affinché siano resi disponibili i propri servizi su AppIO, ovvero il canale di accesso ai servizi della Pa gestito dalla Presidenza del Consiglio dei ministri. Le Pa avranno anche l'obbligo di completare l'integrazione della piattaforma PagoPa nei propri sistemi di incasso. Investire nella trasformazione digitale delle amministrazioni consente la realizzazione di diversi benefici. Tra questi, in primis, la riduzione dei costi di gestione dei sistemi di identificazione e pagamento. Per cittadini e imprese, i benefici riguarderebbero la semplificazione nell'accessibilità ai servizi pubblici online.

Il Dipartimento della funzione pubblica e il Dipartimento per la transizione digitale hanno messo in campo iniziative mirate, alcune delle quali specificamente destinate ai piccoli Comuni.

Ministero dell'Interno: accordo con Anac per la revisione dei bandi tipo per accoglienza migranti

Nei giorni scorsi il Ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, e il presidente dell'Autorità Nazionale Anticorruzione, Giuseppe Busia, hanno siglato un accordo di collaborazione nel settore delle modalità di accoglienza dei migranti e dei richiedenti asilo in Italia. L'obiettivo è quello di favorire le migliori pratiche negli affidamenti per la fornitura di beni e servizi. La collaborazione istituzionale, che ha la validità di un anno, è finalizzata alla modifica e all'aggiornamento dello schema di Capitolato-tipo. Quest'ultimo prevede la possibilità di formulare vari schemi di bandi-tipo e delle varie disposizioni che regolano i rapporti con gli enti gestori, variabile in base anche alla tipologia del centro di accoglienza.

Per quel che riguarda la collaborazione dell'Anac, questa sarà relativa al supporto, all'assistenza, all'ausilio tecnico al ministero per l'attività di revisione del Capitolato-tipo e degli allegati.

Scarica l'accordo del 16 novembre.

Allegati:
Scarica questo file (Accordo_Anac_MinInt_16nov.pdf)Accordo_Anac_MinInt_16nov.pdf[ ]157 Kb

Ambiente, pubblicato il decreto per finanziare i progetti delle città metropolitane per 30 mln

Con la pubblicazione del Decreto del Ministero dell'Ambiente e della tutela del Territorio e del mare 9 ottobre 2020, nella Gazzetta ufficiale n. 281 dell'11 novembre 2020, entra in vigore la legge Clima che regola le modalità per la progettazione degli interventi e il riparto delle risorse per il finanziamento del programma sperimentale per la creazione di foreste urbane e periurbane nelle città metropolitane.

Sono previsti 15 milioni di euro di finanziamento per ogni anno per il biennio 2020-21, destinati alle aree metropolitane. Per ciascun progetto presentato dalle città metropolitane è previsto un finanziamento massimo di 500 mila euro. Entro 120 giorni dalla data di pubblicazione del decreto (e, quindi, entro 120 giorni dall’11/11/2020) le città metropolitane possono presentare i loro progetti che saranno verificati e validati dal Ministero dell’Ambiente entro 90 giorni.

Le priorità della progettazione degli interventi sono: assicurare la tutela della biodiversità, l’aumento della superficie delle infrastrutture verdi e il miglioramento della funzionalità ecosistemica e incrementare la salute e il benessere dei cittadini.

Scuola, Di Berardino: "3,5 milioni per la connettività e la didattica a distanza"

"Tre milioni e mezzo di euro per potenziare la connettività delle scuole e garantire a tutti gli studenti l'accesso alla didattica a distanza. Si apre oggi il bando dedicato alle scuole superiori, alle istituzioni formative e agli studenti con l'obiettivo di garantire il diritto allo studio in questa difficile fase legata all'emergenza sanitaria. Come già fatto la scorsa primavera, supportiamo le istituzioni scolastiche e formative della nostra Regione per rispondere alle esigenze dettate dal ricorso all'apprendimento su internet. I fondi, in particolare, permetteranno di potenziare la connettività delle scuole di II grado e degli istituti formativi, e per l'acquisto di modem e connessioni per gli studenti. Questi ultimi saranno individuati dai dirigenti scolastici secondo il fabbisogno. Il bando interviene in modo complementare alle iniziative promosse a livello nazionale, concentrandosi anche per prevenire la dispersione scolastica, favorendo formazione e l’acquisizione di competenze degli studenti che più degli altri rischiano di essere penalizzati dalla condizione emergenziale che si sta vivendo".

Così in una nota Claudio Di Berardino, assessore al Lavoro, Scuola e Formazione della Regione Lazio.

Ministero dell'interno, inviata ai prefetti la circolare sulle misure del Dpcm del 3 novembre

É stato inviato ai prefetti la circolare del capo di Gabinetto del ministero dell'interno, Bruno Frattasi, in cui vengono specificate le indicazioni da seguire sui profili attuativi del decreto del presidente del consiglio dei ministri del 3 novembre scorso. Il Dpcm introduce nuove misure più restrittive sulla base delle criticità valutate nei territori, tenendo conto dei dati legati alla diffusione del virus e al grado di tenuta dei servizi sanitari. La suddivisione in tre aree diverse (gialla, arancione, rossa) corrisponde ad altrettanti scenari di rischio, per ognuno dei quali sono state introdotte disposizioni diverse.

Antitrust, non solo PagoPA per il pagamento alle amministrazioni pubbliche

In una segnalazione l’Autorità evidenzia che modifiche, deroghe e proroghe hanno creato incertezza e condotto alcune amministrazioni a restringere le modalità ammesse per i versamenti, tra cui l’uso della domiciliazione bancaria per il pagamento della TARI.

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha formulato alcune osservazioni sulla disciplina delle modalità di pagamento alle Amministrazioni Pubbliche che - soprattutto per quanto riguarda l’identificazione dei metodi di versamento veicolati attraverso la piattaforma PagoPA e la tempistica di attuazione - è stata oggetto di modifiche, deroghe e proroghe che hanno creato incertezza nei soggetti coinvolti.

L’Autorità ha rilevato che, nonostante il Codice dell’Amministrazione Digitale preveda un obbligo generalizzato di utilizzo esclusivo della piattaforma PagoPA, le relative Linee Guida precisano che si possano affiancare anche altri metodi di pagamento, tra cui la domiciliazione bancaria (Sepa Direct Debit o SDD). Allo stesso tempo il d.l. n. 34/2020 (cd. Decreto Rilancio) prevede che gli enti territoriali possano addirittura “premiare” i cittadini che per i pagamenti s’avvalgano della domiciliazione bancaria, applicando una riduzione fino al 20% dell’aliquota. Inoltre, ci sono state deroghe e proroghe relative al giorno di decorrenza dell’obbligo, che è stato dapprima prorogato al 30 giugno 2020 e poi al 28 febbraio 2021.

Un quadro del genere, secondo l’Autorità, ha generato incertezza nelle Amministrazioni Pubbliche, tanto che alcune, anche importanti dal punto di vista demografico, hanno ristretto al solo sistema PagoPA le modalità ammesse per i pagamenti (escludendo, ad esempio, la domiciliazione bancaria per il pagamento di tasse come la TARI).

Fonte: Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato

Dpcm: Lazio zona gialla, il testo integrale del decreto firmato dal presidente del consiglio

Con la conferenza stampa di mercoledì 4 novembre, il presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte ha illustrato i contenuti dell'ultimo Decreto del presidente del Consiglio dei ministri per il contrasto alla diffusione della pandemia da Covid-19.  Il presidente ha chiarito la classificazione delle regioni tra gialle, arancioni e rosse sulla base delle criticità legate ai contagi e a diversi parametri.

La Regione Lazio è stata inserita nella lista delle regioni gialle, scelta determinata dal calo del valore Rt della regione, sceso nei giorni scorsi da 1,49 a 1,29. A partire da venerdì 6 novembre, entreranno, quindi, in vigore tutte le misure previste dal nuovo Dpcm. Nel Lazio, dalle 22 alle 5 scatterà il coprifuoco, ovvero il divieto di uscire dalle proprie abitazioni nelle ore notturne salvo comprovati motivi di lavoro o necessità. Per uscire di casa dalle 22 alle 5, insomma, sarà necessaria l’autocertificazione.

Le lezioni per le scuole secondarie saranno al 100% online, per tutte le altre sarà obbligatorio l’uso della mascherina per i bambini di età superiore ai 6 anni.

Bar e ristoranti potranno restare aperti dalle 5 del mattino fino alle 18. La consumazione al tavolo è consentita a un massimo di 4 persone, a meno che non siano conviventi. È consentito il cibo da asporto fino alle 22 e il servizio a domicilio senza limiti di orario.

Fino al 3 dicembre saranno chiusi musei, mostre, sale scommesse e sale giochi. Nei festivi e prefestivi saranno chiusi i centri commerciali, tranne le farmacie, tabacchi, edicole e negozi di alimentari al loro interno.

Come per il resto dell’Italia, nel Lazio sarà ridotta la capienza massima dei mezzi pubblici al 50%.

In allegato il Dpcm del 4 novembre 2020.

Allegati:
Scarica questo file (DPCM_4_novembre.pdf)DPCM_4_novembre.pdf[ ]11814 Kb

Agricoltura, nuove risorse per la produzione di prodotti da apicoltura

La Regione Lazio ha aperto una nuova raccolta di domande per l’OCM (Organizzazione Comune del Mercato) miele per il miglioramento della produzione e della commercializzazione dei prodotti dell’apicoltura laziale che prevede lo stanziamento di 184.000 euro.

Le finalità del sostegno sono quelle di incentivare la formazione dei neoapicoltori o di giovani che vogliono avvicinarsi al settore, nonché l’aggiornamento di apicoltori professionali; favorire lo sviluppo della pratica del nomadismo tra gli apicoltori laziali, attraverso l’acquisizione di arnie, attrezzature e materiali idonei; favorire il ripopolamento del patrimonio apistico regionale, lo sviluppo e la specializzazione dell’attività di allevamento, di miglioramento genetico e moltiplicazione delle api regina.

Le risorse finanziarie previste dal decreto ministeriale per la Regione Lazio sono di 184.000 euro e sono così suddivise: 25.000 euro per corsi di aggiornamento e formazione ai privati (azione A.1.2); 15.000 euro per seminari e convegni tematici (azione A.2); 104.000 euro per acquisto arnie e acquisto macchine, attrezzature e materiali vari per l’esercizio del nomadismo (azioni C.2.1 e C.2.2); infine 40.520,97 euro sono destinate all’acquisto di sciami e di materiale per la conduzione dell’azienda apistica da riproduzione (azioni E.1 e E.2). Sono previsti meccanismi finanziari per eventuali compensazioni tra le Azioni. I soggetti beneficiari del bando sono: gli Enti pubblici e di ricerca per le azioni A.1.2 e A.2; gli apicoltori in regola per le azioni C.2, E.1 e E.2.

Il termine di scadenza per la presentazione delle domande è il 10 dicembre 2020 per le Azioni A.1.2 e A.2 e il 12 gennaio 2021 per le Azioni C.2.1., C.2.2, E.1 e E.2.

Per tutte le informazioni in merito alle procedure è possibile consultare il sito della Regione Lazio http://www.regione.lazio.it/rl_agricoltura/.

Lo comunica in una nota l’Assessorato all’ Agricoltura, Promozione della Filiera e della Cultura del Cibo, Ambiente e Risorse Naturali della Regione Lazio.

Coronavirus, il modello di autocertificazione della Regione Lazio per gli spostamenti

Sul sito della Regione Lazio è on line il modulo di autocertificazione che potrà essere esibito durante i controlli di polizia a giustificazione degli spostamenti nella Regione Lazio durante gli orari in cui è stata adottata l’ordinanza di divieto degli spostamenti dalle ore 24 alle ore 5.

L'ordinanza avrà effetto a partire dalla notte di venerdì 24 ottobre.

Fonte: Regione Lazio

Allegati:
Scarica questo file (autocertificazione_Lazio.pdf)autocertificazione_Lazio.pdf[ ]626 Kb

Pag 1 di 40