Wednesday, Jun 23rd

Last update08:04:02 AM GMT

Sei qui: Area Legislativa Normative

Normative

Turismo, l'avviso pubblico della Regione per contributi alle imprese del settore

La Regione Lazio ha pubblicato l'Avviso pubblico sulla concessione dei contributi a fondo perduto in seguito ai danni causati dall'emergenza Covid-19, a favore di imprese del settore turistico del Lazio.

Allegati:
Scarica questo file (A.P TURISMO NUMERATA.pdf)A.P TURISMO NUMERATA.pdf[ ]1177 Kb

Fase 2, la nuova ordinanza della Regione Lazio in vista della riapertura attività

La nuova ordinanza del Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, emessa nella giornata di oggi ordina:

A decorrere dal 13 maggio 2020 alle attività commerciali sospese, o parzialmente sospese ovvero limitate, in base al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 26 aprile 2020, è consentito eseguire gli interventi necessari alla predisposizione delle misure di prevenzione e contenimento del contagio finalizzati alla riapertura;

2. allo scopo di eseguire gli interventi di cui al punto 1, è consentito l'accesso alle strutture e agli spazi aziendali esclusivamente al personale impegnato in attività di manutenzione, ristrutturazione, montaggio, pulizia e sanificazione nonché a operatori economici ai quali sono commissionate tali attività e che, pertanto, devono rientrare tra quelle non sospese;

3. gli interventi di cui ai punti 1 e 2 sono consentiti anche ai gestori di strutture e circoli sportivi, allo scopo di eseguire gli interventi necessari ad assicurare lo svolgimento di attività sportiva individuale nel rispetto del distanziamento fisico tra i singoli atleti;

4. per semplificare la messa in opera degli interventi di cui alla presente ordinanza, la Regione pubblica progressivamente sul sito istituzionale www.regione.lazio.it linee guida per tipologia di attività economica, definite in confronto con le organizzazioni di categoria e basate sulle indicazioni contenute:

a. negli allegati del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 26 aprile 2020;

b. nei documenti tecnici elaborati dall¶INAIL;

c. nel "Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus COVID-19 negli ambienti di lavoro" sottoscritto il 14 marzo 2020 fra il Governo e le parti sociali, successivamente integrati in data 24 aprile 2020.

d. nelle linee guida nazionali in materia di sanificazione;

e. nell'ambito della disciplina degli orari di apertura delle attività commerciali, artigianali e produttive eventualmente stabilite con provvedimento del Sindaco del comune di riferimento.

Allegati:
Scarica questo file (Ordinanza_Z00040_2020 (2).pdf)Ordinanza_Z00040_2020 (2).pdf[ ]376 Kb

PA, la direttiva della Funzione pubblica per lo svolgimento del lavoro nella fase 2

Con la Direttiva n. 3/2020, il Ministro per la pubblica amministrazione chiarisce le modalità di svolgimento del lavoro nella pubblica amministrazione durante la 'fase 2'.

"Le misure finora adottate rispetto all’intero territorio nazionale per il contenimento della situazione epidemiologica non hanno previsto la sospensione dell’erogazione dei servizi da parte delle pubbliche amministrazioni, pur essendo finalizzate a ridurre la presenza dei dipendenti negli uffici e ad evitare il loro spostamento." Spiega la direttiva emanata nella giornata di ieri.

"Anche nel citato DPCM 26 aprile 2020 l’attività svolta dalla amministrazione pubblica continua ad essere inserita nell’allegato 3 ossia tra le attività non sospese, fermo restando il richiamo al predetto articolo 87 che, come detto, definisce il lavoro agile come modalità ordinaria di svolgimento della prestazione lavorativa. Nello scenario attuale, dunque, la disciplina normativa applicabile alle pubbliche amministrazioni continua a rimanere quella contenuta nell’articolo 87 che, tuttavia, deve essere letta alla luce delle misure di ripresa della fase due introdotte dallo stesso DPCM 26 aprile 2020 che ha ampliato il novero delle attività economiche (Ateco) non più soggette a sospensione (4). In quest’ottica, le pubbliche amministrazioni continuano a garantire l’attività amministrativa e a tal fine possono rivedere le attività indifferibili, ampliando il novero di quelle individuate in prima battuta, e quelle da rendere in presenza anche per assicurare il necessario supporto all’immediata ripresa delle attività produttive, industriali e commerciali secondo quanto disposto dal citato DPCM 26 aprile 2020 e dalle future misure normative. Alla luce delle misure necessarie ad assicurare la ripresa, tra i procedimenti amministrativi da considerare urgenti ai sensi dell’articolo 103 (5) del decreto-legge n. 18 del 2020, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2020, n. 27, rientrano quelli connessi alla immediata ripresa delle citate attività produttive, industriali e commerciali rispetto alle quali le pubbliche amministrazioni, per quanto di competenza, ricevono e danno seguito alle istanze e alle segnalazioni dei privati.Resta fermo che le attività che le amministrazioni sono chiamate a garantire possono essere svolte sia nella sede di lavoro – anche solo per alcune giornate, nei casi in cui il dipendente faccia parte del contingente minimo posto a presidio dell’ufficio – sia con modalità agile. Nella fase attuale, le amministrazioni dovranno valutare, in particolare, se le nuove o maggiori attività possano continuare a essere svolte con le modalità organizzative finora messe in campo ovvero se le stesse debbano essere ripensate a garanzia dei servizi pubblici da assicurare alla collettività.

Ove le fasi di riapertura dei settori e delle attività economiche – anche nei termini che saranno definiti con le prossime misure – renderanno necessario un ripensamento delle modalità organizzative e gestionali al fine di potenziare il ruolo propulsivo delle amministrazioni, sarà cura delle stesse assicurarne la compatibilità con la tutela della salute e sicurezza dei lavoratori. Le pubbliche amministrazioni dovranno essere in grado di definire modalità di gestione del personale duttili e flessibili, tali da assicurare che il supporto alla progressiva ripresa delle attività sia adeguato e costante tale da ad assicurare comunque la ragionevole durata e la celere conclusione dei procedimenti. Le amministrazioni pubbliche sono invitate a comunicare, con ogni mezzo idoneo, le modalità di erogazione dei servizi al fine di garantire la massima e tempestiva informazione dell’utenza.

Monitoraggio e misure organizzative di incentivazione del lavoro agile

Gli esiti del monitoraggio che il Dipartimento della funzione pubblica ha avviato attestano che le pubbliche amministrazioni hanno ampiamente utilizzato il lavoro agile, dimostrando come il settore pubblico abbia saputo reagire con prontezza all’emergenza. Lo scenario che si é delineato con la situazione emergenziale dovrà auspicabilmente rappresentare un’occasione utile per individuare gli aspetti organizzativi da migliorare, con particolare riguardo alla digitalizzazione dei processi e al potenziamento della strumentazione informatica, che non sempre si è rivelata adeguata nelle singole realtà amministrative.Sotto tale aspetto, é necessario che, già nella fase attuale, le amministrazioni programmino i propri approvvigionamenti ricorrendo alle misure di ausilio allo svolgimento del lavoro agile da parte dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni e degli organismi di diritto pubblico di cui all’articolo 75 del citato decreto-legge n. 18 del 2020, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2020, n. 27, con l’obiettivo di migliorare la connettività e di acquisire le necessarie dotazioni informatiche mobili, servizi in cloud e licenze per attivare il lavoro agile. Contestualmente le amministrazioni sono invitate ad individuare ogni misura utile a consentire la dematerializzazione dei procedimenti (ad es. provvedere, mediante il personale in presenza, alla scansione e all’invio della documentazione al personale in modalità agile; provvedere all’utilizzo di cloud, offerti gratuitamente anche in questa fase da provider privati, per l’archiviazione di documentazione), di modo tale che tutti i dipendenti possano svolgere la propria prestazione a pieno regime. É inoltre fondamentale il ricorso all’attività formativa come strumento di accompagnamento del proprio personale nel processo di trasformazione digitale dell'amministrazione e di diffusione della capacità di lavorare in modalità agile per il raggiungimento degli obiettivi assegnati, limitando al massimo il rischio di stress correlato alle nuove modalità di lavoro e garantendo il diritto alla disconnessione.

Nell’ottica di accelerare l’innovazione organizzativa come presupposto per incrementare il ricorso al lavoro agile nella fase successiva all’emergenza, ciascuna amministrazione è chiamata ad implementare azioni di analisi organizzativa, di monitoraggio e di semplificazione delle procedure, oltre a quelle sopra indicate di investimento nelle tecnologie informative e di sviluppo delle competenze.

In sintesi, la sfida che dovranno affrontare le amministrazioni è rappresentata dalla necessità di mettere a regime e rendere sistematiche le misure adottate nella fase emergenziale, al fine di rendere il lavoro agile lo strumento primario nell’ottica del potenziamento dell’efficacia e dell’efficienza dell’azione amministrativa.

Le misure organizzative di prevenzione e protezione dell’articolo 87 del d.l. 18/2020 (legge 27/2020) in materia di prestazione lavorativa nella fase due.

In considerazione di quanto evidenziato nei precedenti paragrafi, le pubbli che amministrazioni, in relazione al rischio specifico ed anche sulla base dell’integrazione al documento di valutazione dei rischi, identificano misure organizzative, di prevenzione e protezione adeguate al rischio di esposizione a SARS-COV-2, nell’ottica sia della tutela della salute dei lavoratori sia del rischio di aggregazione per la popolazione, coerentemente con i contenuti del documento tecnico “Ipotesi di rimodulazione delle misure di contenimento del contagio da SARS-CoV-2 nei luoghi di lavoro e strategie di prevenzione” approvato dal CTS nella seduta n. 49 del 09/04/2020 e pubblicato da INAIL (al seguente link: https://www.inail.it/cs/internet/comunicazione/pubblicazioni/catalogogen... pubbl-rimodulazione-contenimento-covid19-sicurezza-lavoro.html).

Le pubbliche amministrazioni continuano a diffondere in tempo reale o comunque con la massima celerità tra i propri dipendenti, anche utilizzando gli strumenti telematici di comunicazione interna (come ad esempio: sito internet, intranet, newsletter, messaggistica per telefonia mobile), le informazioni disponibili, con particolare riferimento alle misure di protezione personale rinvenibili sul sito del Ministero della Salute, verificandone costantemente gli aggiornamenti. Infine, è fondamentale che le amministrazioni realizzino un’incisiva ed efficace attività di informazione e formazione, con particolare riferimento al complesso delle misure adottate cui il personale deve attenersi."

Fonte: funzionepubblica.gov.it

Allegati:
Scarica questo file (DIR_3_2020.pdf)DIR_3_2020.pdf[ ]374 Kb

Coronavirus, il MIT pubblica le linee guida per il trasporto pubblico

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha pubblicato, allegate al DPCM del 26 aprile, le "Linee guida" del trasporto pubblico e le misure organizzative per il contenimento del Covid-19. Vengono rese note agli utenti le misure organizzative da adottare nelle stazioni, negli aeroporti e nei porti, al fine di consentire il passaggio alla successiva fase del contenimento del contagio, che prevede la riapertura scaglionata delle attività industriali, commerciali e di libera circolazione delle merci e delle persone.

Nel documento sono riportate anche tutte le informazioni e le raccomandazioni per gli utenti del servizio di trasporto pubblico.

Coronavirus, le raccomandazioni della Regione Lazio per la prevenzione della diffusione dei contagi

La Regione Lazio ha emesso, nella giornata di oggi, l'ordinanza "Ulteriori misure per la gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-2019: prevenzione, contenimento e gestione dei focolai da SARS - COV-2 nelle strutture sanitarie ospedaliere, nelle strutture residenziali e semiresidenziali sanitarie, sociosanitarie e socio assistenziali".

L’obiettivo - si spiega nel documento -  è quello di diffondere le raccomandazioni di Prevenzione e Controllo delle Infezioni (Infection Prevention and Control, di seguito IPC) che devono essere adottate, sulla base delle evidenze scientifiche e delle indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (di seguito OMS), per prevenire e/o limitare la diffusione del SARS‐CoV‐2 e della patologia correlata (COVID‐19).

In allegato l'Ordinanza.

Allegati:
Scarica questo file (2020-2804 (1).pdf)2020-2804 (1).pdf[ ]1384 Kb

Coronavirus, la finalizzazione dei 19 milioni ai Comuni del Lazio per le famiglie in difficoltà

La Regione Lazio ha divulgato i dettagli della finalizzazione della somma di 19 milioni di euro a favore dei Comuni del Lazio quale sostegno economico alle famiglie in situazione di contingente indigenza economica causata dalla emergenza epidemiologica Covid-19. Gli aiuti saranno erogati sotto forma di buoni spesa, pacchi di generi alimentari e spese per medicinali.

Nel documento (in allegato) viene definita, per Comune per Comune, la ripartizione dei finanziamenti predisposti.

Coronavirus, la nuova ordinanza della Regione Lazio sui rifiuti urbani per contrastare il contagio

L'Amministrazione regionale ha emanato un'ordinanza sulla gestione dei rifiuti urbani in virtù dell'emergenza sanitaria da Covid-19. Il nuovo provvedimento prevede il blocco della raccolta differenziata per le utenze con persone in isolamento per rischio contagio e l'obbligo di protezione per tutti gli operatori del settore, oltre alle modalità di gestione dei rifiuti da parte dei Comuni e di lavorazione negli impianti di trattamento.

Gli enti locali potranno organizzare un circuito di raccolta separata dei rifiuti a rischio contaminazione, ma non ci saranno disagi perché sono già stati individuati gli impianti che tratteranno questi scarti in forma separata, seguendo un flusso di gestione autonomo e in piena sicurezza per la tutela di lavoratori e cittadini.

"Questa ordinanza si è resa necessaria per fare chiarezza sulla gestione dei rifiuti urbani durante il periodo di emergenza sanitaria con l'obiettivo di contrastare la diffusione del virus e assicurare la salute pubblica", dichiarano Daniele Leodori, vicepresidente della Regione Lazio, e Massimiliano Valeriani, assessore regionale al Ciclo dei Rifiuti.

Coronavirus, l'ordinanza che regola l'attività di volontariato nel Terzo settore

In che modo i volontari che operano nel Terzo Settore potranno continuare ad esercitare la propria attività e, al contempo, rispettare le disposizioni vigenti in materia di prevenzioni dei contagi da Covid-19, come stabiliti dal governo? Quali accortezze dovranno seguire e quali diritti vengono loro riconosciuti nella propria attività di volontariato?

Lo chiarisce la Regione Lazio con l'ordinanza emessa nella giornata di oggi che dispone le indicazioni sulle attività e mobilità dei volontari del Terzo Settore.

Allegati:
Scarica questo file (Ordinanza terzo settore.pdf)Ordinanza terzo settore.pdf[ ]448 Kb

Coronavirus: a Roma stop controlli a campione, blocchi per tutti

Verificare tutti i veicoli con specifici posti di blocco e non più solo con i normali controlli a campione effettuati fino ad oggi. E' la nuova disposizione per le pattuglie della Polizia Locale del Campidoglio che sara' operativa "a partire da questo fine settimana" e "fino a nuova diversa disposizione" contenuta in delle circolari dirette ai singoli gruppi territoriali. "I veicoli devono essere tutti accodati e sottoposti al controllo, la eventuale fila di vetture deve interrompersi solo in presenza di evidente situazione di pericolosità per la sicurezza della circolazione", si legge nel testo di una dei queste circolari. Al servizio vengono assegnate, per le giornate di sabato e domenica, pattuglie per turno con orario 7-13 e 14-20. L'obiettivo del provvedimento, specifica uno dei documenti, e' "di far capire a tutti che la Polizia Locale e nazionale sta eseguendo in concreto controlli mirati, senza ovviamente ingenerare paura ingiustificata o altro ma timore e rispetto per i controlli certamente si'".

Fonte AGI.

Pag 6 di 42