Thursday, Jun 20th

Last update11:42:36 AM GMT

Convegni

Camminando per il Patrimonio Culturale Immateriale

E-mail Stampa PDF

Prosegue il ricco calendario delle iniziative legate alle Settimane dei Cammini Italiani dell’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia. Sabato 10 ottobre alle ore 10 nell’ambito dell’evento fieristico internazionale Agri Travel & Slow Travel EXPO presso Fiera di Bergamo si svolgerà il convegno “Camminando per il Patrimonio Culturale Immateriale”.

Le Settimane dei Cammini italiani stanno interessando gran parte delle regioni italiane impegnate a promuovere tutti i percorsi: un vero patrimonio per il territorio italiano considerando il grande valore storico, ambientale, culturale e religioso che racchiudono. I volontari delle Pro Loco sono impegnati in queste settimane a valorizzare in maniera sistematica queste realtà, mediante un’opera di promozione dei territori e dei patrimoni locali, che da sempre caratterizza lo spirito delle associazioni.

L’iniziativa più importante organizzata dall’UNPLI è la Staffetta da Assisi a Roma di 261 km, denominata “Da Francesco a Francesco”.

«L’appuntamento di Bergamo sarà l’occasione per illustrare e analizzare tutti gli aspetti positivi del camminare, che sono tra le finalità stesse del progetto dell’UNPLI – ha dichiarato il Presidente Claudio Nardocci - “Cammini Italiani”, coinvolgendo ogni giorno l’intera rete delle Pro Loco, sta costruendo la base di un movimento che intende valorizzare numerosi aspetti della nostra vita: dalla salute, al benessere psico-fisico, all’alimentazione di qualità,alla riscoperta di sé stessi».

Parteciperanno al convegno: l’On. Luigi Massa, segretario nazionale Città del Bio; Ambra Garancini, Presidente Rete dei Cammini; Anastasia Klimova, Responsabile Izi.Travel; Flavia Fagotto, Responsabile Fourtourism e Giuliana Rocca, Gruppi di Cammino ASL di Bergamo.

“La presenza della Rete dei Cammini, unica Associazione italiana che raccoglie le Associazioni italiane impegnate nella valorizzazione dei cammini storici italiani, vuole essere un valido aiuto al progetto UNPLI “Cammini Italiani”. Nulla come il “viaggiar leggero” a piedi, sulle antiche vie, infatti, promuove il turismo culturale, stimola interesse per ilpatrimonio culturale, materiale e immateriale, e incoraggia i cittadinia scoprire le proprie radici culturali attraverso un modo diviaggiare rispettoso dell’ambiente, del patrimonio naturale e culturale e delle tradizioni locali.” commenta Ambra Garancini.


Tutte le informazioni sono disponibili sul sito www.camminitaliani.it

Camminando per il Patrimonio Immateriale Italiano

E-mail Stampa PDF

Continuano gli incontri del progetto Camminitaliani.it. L’appuntamento è per domenica 27 settembre a Vicoforte (CN) nella Sala Convegni Beata Paola nella Casa Regina Montis Regalis (Piazza C. Emanuele I° n. 4) con il convegno dal titolo “Camminando per il Patrimonio Immateriale Italiano”. Di seguito pubblichiamo il programma del Convegno:

Ore 9.30 – Saluto autorità:

Bruno Verri, Presidente Unpli Piemonte

Giuliano Degiovanni, Presidente provinciale Unpli Cuneo

Valter Roattino, Sindaco Città di Vicoforte

Don Meo Bessone, Rettore del Santuario di Vicoforte

Interventi di:

Claudio Nardocci, Presidente UNPLI, Camminando per il patrimonio culturale immateriale

Massimo Tedeschi, Presidente AEVF, La Via Francigena in Europa

Franco Grosso, Dal sentiero al cammino: evoluzione dell’escursionismo nel nuovo millennio Gaia Ferrara, Il cammino da Francesco a Francesco

Dott. Emanuele Rovella, Una proposta per i cammini d’Italia

Prof.ssa Maria Grazia Orlandini, I cammini del Monregalese

Antonio Ferrentino, Presidente Nazionale Città del Bio, L’importanza delle produzioni locali nelle reti dei cammini

Lido Riba, Accordo UNCEM-UNPLI PIEMONTE

 

La chiusura dei lavori è prevista per le 13:00

I Comuni che servono all'Italia

E-mail Stampa PDF

Il prossimo 22 settembre, presso la Sala Perin del Vaga dell’Istituto Luigi Sturzo, in Via delle Coppelle 35 a Roma, si svolgerà il convegno organizzato dalla Fondazione IFEL “I Comuni che servono all’Italia. Responsabilità e autonomia: fattori imprescindibili per una riforma dei sistemi locali”.

L’incontro, in programma a partire dalle 14:30, si concentra sull’analisi di quelle caratteristiche che vanno necessariamente riconosciute alle amministrazioni comunali italiane all’interno di un disegno di riforma dei sistemi locali. Il binomio responsabilità-autonomia, nel rispetto del principio di sussidiarietà, sarà il nodo cruciale dell’incontro al quale interverranno numerosi esponenti di spicco del mondo accademico e istituzionale.

Dopo l’apertura dei lavori, affidata a Pierciro Galeone (Direttore della Fondazione IFEL) e a Maurizio Bernardo (Presidente Commissione Finanze della Camera dei Deputati), seguiranno i contributi di Franco Gallo (Presidente emerito della Corte costituzionale), Andrea Ferri (Capo Dipartimento Finanza locale Fondazione IFEL), Stelio Mangiameli (Università di Teramo, Direttore ISSiRFA), Livia Salvini (Università LUISS – Guido Carli di Roma), Fabio Fiorillo (Università Politecnica delle Marche, Assessore Comune di Ancona) e Luca Antonini (Università di Padova, Presidente Copaff).

L’incontro terminerà con le conclusioni di Guido Castelli, Presidente della Fondazione IFEL e Sindaco di Ascoli Piceno.

Con questo convegno la Fondazione IFEL vuole farsi promotrice di un’importante occasione di approfondimento e dibattito che abbia come elemento centrale il fondamentale ruolo svolto dai Comuni, in qualità di primi e più diretti rappresentanti e interlocutori del territorio italiano.

Si ricorda che per poter partecipare all’evento è necessario inviare una mail di conferma all’indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Dizionario della Sicurezza Stradale: obiettivo riduzione 50% della mortalità sulle strade

E-mail Stampa PDF

È stato presentato nella sala Cenacolo della Camera dei Deputati il “Dizionario della sicurezza stradale”. Il libro è nato da un’idea della Fondazione Luigi Guccione, Ente Morale per le Vittime della Strada, che da anni si impegna per ridurre del 50% la mortalità sulle strade entro il 2020. Termine fissato dalla Fondazione e dalle organizzazioni internazionali in materia, che hanno indetto il periodo 2011-2020 come secondo “decennio della sicurezza stradale”.

Nel primo decennio di lotta all’insicurezza stradale (2001-2010) è stato registrato un calo del 42% di morti sulle strade italiane: dai 7.096 morti del 2001 ai 4.114 del 2010. I dati sulla rilevazione stradale sono stati forniti dalla responsabile Servizio salute, responsabilità e accoglienza dell’ISTAT, Silvia Bruzzone, che ha sottolineato come questi numeri siano direttamente collegati ad un calo sensibile dei consumi di carburanti dal 2008 al 2013. Per l’esattezza, un calo della produzione di benzina del 50,8% tra il 2002-2014. Relativamente ai dati dell’incidentalità tra il 2013 e il 2014, il calo risulta pari a -1,6%.

Il Presidente della Fondazione, Giuseppe Guccione, ha espresso la necessità di presentare una proposta di legge in cui le vittime della strada siano riconosciute quali “vittime di reato stradale”, ribadendo inoltre l’importanza della direttiva 29/2012 sulle vittime di reato. «Un aspetto rilevante su cui sarebbe necessario intervenire è la questione legata ai finanziamenti e ai controlli, che in Italia sono fermi a un milioni e mezzo, rispetto ai sette milioni della Francia, ai dieci milioni investiti in Germania». Necessario, per Guccione anche una revisione del codice della strada, relativamente ai limiti di velocità e al valore limite legale del tasso di alcolemia.

Nel corso dell’iniziativa è intervenuto l’On. Emiliano Minnucci, il quale ha sottolineato l’importanza della dimensione associativa: «In questo anno di lavoro da parlamentare ho avuto modo di scoprire un mondo interessante legato alla dimensione associativa: vera e propria rete di rappresentanza forte della società civile, tra cui va menzionata l’Associazione famigliari vittime della strada. Minnucci ha proseguito menzionando i punti di maggior rilievo, che costituiranno oggetto di lavoro della Commissione nei prossimi mesi: «Sulla base di uno studio sul tema della sicurezza stradale condotto in quest’ultimo periodo, si può dedurre che vi sono essenzialmente due piani cui tener conto: un primo legato alle risorse economiche e un secondo legato alla parte normativa, due argomenti prioritari. Il lavoro della Commissione parlamentari verterà verso la traduzione e il recepimento della direttiva 29/2012 nell’ordinamento nazionale, da portare a termine entro il prossimo novembre. Vorrei dare concretezza – ha proseguito Minnucci - all’idea di definire una grande Conferenza nazionale, promossa dal Ministero delle Infrastrutture, che faccia assurgere non solo il tema in sé, ma riesca a darne la giusta risonanza mediatica e mettendo in rete tutti i soggetti. Credo che da parte delle forze parlamentari ci sia la massima disponibilità a fare un lavoro congiunto e unitario». Minnucci ha fatto presente la necessità di concertare, d’accordo con i comuni, una «via d’uscita» nella questione dei proventi delle sanzioni amministrative, che andrebbero reinvestiti nella sicurezza e manutenzione stradale Il deputato ha concluso ricordando l’importanza di istituire una Giornata della memoria delle vittime della strada.

Il volume è strutturato come un vero e proprio dizionario, diviso in 40 schede, ordinate alfabeticamente, scritte da autori italiani e di altri Paesi europei. Inoltre, altre 40 pagine di analisi, strategie, obiettivi sul Decennio d’Azione per la Sicurezza Stradale 2011-2020. Obiettivo è la riduzione del 50% dei morti.

IV Incontro Nazionale dei Giornali Pro Loco: "Comunicazione locale e cittadinanza attiva"

E-mail Stampa PDF

Nel fine settimana del 20 e 21 giugno prossimo la città di Ruvo di Puglia, ospiterà con grande onore il IV convegno nazionale dei giornali editi delle Pro Loco d'Italia (G.E.P.L.I.) dal tema "Comunicazione locale e cittadinanza attiva".

Pag 2 di 24