Sunday, Aug 25th

Last update07:19:26 AM GMT

Sei qui: News

News

Lazio, Manzella: bene il Distretto dell'economia della scienza, la Regione in prima linea

E-mail Stampa PDF

“Sono molto soddisfatto per questa iniziativa del Miur e del viceministro Lorenzo Fioramonti per costituire il “Distretto dell'economia della scienza e della conoscenza”. Un'iniziativa che andrà ad insistere su un'area della Regione Lazio che è unica in Italia per ricchezza di centri di ricerca, università e agenzie governative, nazionali e internazionali: dall'Enea, all'Asi, all'Esa, per citarne solo alcune. In un mondo in cui l’innovazione è sempre più centrale per lo sviluppo economico e sociale, dobbiamo fare di tutto per trasformare in realizzazioni concrete questi potenziale. Noi come Regione Lazio siamo in prima linea su questo: con il finanziamento a singoli progetti, tra cui spicca il DTT di Frascati, con azioni per il trasferimento tecnologico e con collaborazioni per far nascere nuove imprese innovative come quelle strette con Agenzia Spaziale Italiana e Agenzia Spaziale Europea per lo sviluppo di startup con vocazione per la space economy. Sono solo alcuni esempi dell'azione messa in campo in questi anni dalla Regione e proprio giovedì riuniremo tutti gli oltre 400 beneficiari dei fondi europei dedicati all'innovazione per il lancio della “Comunità degli Innovatori”. Sono sicuro che grazie a questo accordo potremo fare ancora di più e meglio su una strada, quella della ricerca e dell'innovazione, che è sempre più obbligata”.

Così l’Assessore allo Sviluppo Economico della Regione Lazio Gian Paolo Manzella sul protocollo d’intesa per il “DIstretto dell’Economia della Scienza” presentato oggi al Miur.

Foto: ANSA

Cultura, targhe Tenco: il progetto di 'Officina Pasolini' vince la sezione album collettivo

E-mail Stampa PDF

“Dal Club Tenco arriva un importante riconoscimento agli artisti dell’HUB culturale e laboratorio di alta formazione della Regione Lazio ‘Officina delle Arti Pier Paolo Pasolini’: l’album ‘Viaggio in Italia. Cantando le nostre radici’ del collettivo AdoRiza ha vinto la Targa Tenco 2019 per la sezione Miglior album collettivo a progetto. I giovani artisti lo hanno realizzato nell’ambito del biennio 2016/2017, un percorso corale curato da Tosca, Felice Liperi e Paolo Coletta, con la supervisione musicale di Piero Fabrizi, che attraversa l’Italia da nord a sud raccogliendo canzoni popolari di differenti periodi storici.

L’assegnazione della targa Tenco ci riempie di orgoglio e ci dimostra quanto il laboratorio artistico di alta formazione musicale e teatrale finanziato dalla Regione Lazio stia dando risultati importanti. Grazie ai bandi regionali, tanti giovani tra i 16 e 29 anni possono partecipare gratuitamente ai corsi di musica, canto e teatro. Contribuiamo così a far crescere talenti e a formare professionalità artistiche di livello. Un doveroso ringraziamento ai direttori dell’officina delle arti Pier Paolo Pasolini, Tosca e Massimo Venturiello, per aver voluto e saputo portare avanti progetti di rilevante spessore culturale”.

Così in una nota Claudio Di Berardino, assessore al Lavoro, alla Scuola e alla Formazione della Regione Lazio.

Lazio in Tour, Regione: "i giovani potranno scoprire le bellezze del Lazio"

E-mail Stampa PDF

“Nel 2018 sono stati ben 26mila i ragazzi che hanno aderito alla prima edizione di ‘Lazio in Tour Gratis’ usufruendo gratuitamente del servizio di trasporto pubblico per visitare la nostra regione.

Grazie all’accordo con Cotral e Trenitalia, da oggi l’iniziativa sarà riproposta proprio all’interno delle promozioni della Youth Card. L’obiettivo è quello di continuare a invogliare le nuove generazioni a utilizzare il trasporto pubblico locale per conoscere e vivere il proprio territorio, accrescere le relazioni e sviluppare quel senso di appartenenza e identificazione che è alla base dello spirito di cittadinanza di ogni abitante di questa regione, anche dei più giovani”, ha spiegato Mauro Alessandri, assessore ai Lavori Pubblici e Tutela del Territorio, Mobilità della Regione Lazio.

“Vogliamo una regione sempre più accessibile e interessante da visitare, soprattutto da parte del pubblico giovane. Lazio in tour consente a tutte le ragazze e ai ragazzi di scoprire e godere del grande patrimonio di natura, arte, storia e tradizioni che il Lazio offre. La mobilità e l’accessibilità sono parametri fondamentali per promuovere il turismo e il successo in termini di adesioni riscontrato l’anno scorso ci dicono che Lazio in Tour è un progetto che funziona, la scelta giusta per promuovere il Lazio delle Meraviglie”.

Ha dichiarato Lorenza Bonaccorsi, assessora al Turismo e alle Pari Opportunità della Regione Lazio.

Fusioni di Comuni, reso pubblico il riparto delle risorse 2019

E-mail Stampa PDF

Taglio dei contributi alle fusioni di Comuni per il 2019. Ê quanto si evince dal comunicato stampa pubblicato nei giorni scorsi dalla direzione centrale della Finanza locale, in cui viene reso noto il riparto del contributo erariale del 2019 per le fusioni e incorporazioni dei Comuni.

A disposizione delle fusioni dei Comuni vengono messi 46,5 milioni, importo inferiore a quello dello scorso anno e insufficiente a coprire l'intero importo stabilito dalla legge. In un comunicato stampa a data 26 giugno 2019, il ministero dell'Interno provvede all'ulteriore ripartizione integrativa che spetta agli enti istituiti con fusione nel corso del 2018. Con l'assegnazione di 58,8 miliardi, a monte dei 47,5 milioni assegnati lo scorso anno, viene soddisfatto il contributo previsto dalla normativa.

Ma i dati fanno rilevare come la diminuzione delle risorse per l'anno 2019 sia proporzionale all'aumento dei Comuni fusi che incrementano da 60 nell'anno 2018 a 90 Comuni fusi nel 2019.

Allegati:
Scarica questo file (Riparto_Fusioni.pdf)Riparto_Fusioni.pdf[ ]606 Kb

Appalti, online il portale unico nazionale per gare e programmazione

E-mail Stampa PDF

A partire dal 1° luglio sarà operativo il portale unico per la pubblicità delle gare e dei programmi di lavori, beni e servizi del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti dove, con un clic, si potrà avere una panoramica di tutte le gare d'appalto in corso in Italia, sia al livello nazionale sia regionale.

Durante lo scorso anno, il MIT ha realizzato un'azione di innovazione tecnologica della piattaforma informatica del Servizio Contratti Pubblici (SCP) per realizzare il Sistema a Rete MIT (SCP), Regioni e Province Autonome.

L’iniziativa ha visto coinvolti il Ministero e gli Osservatori regionali dei contratti pubblici, mediante la realizzazione della cooperazione applicativa tra la piattaforma nazionale ed i sistemi informatizzati regionali. Le Regioni e le Province autonome hanno adeguato i propri sistemi informativi alle specifiche tecniche condivise ed indicate dal Ministero.

Il portale è l’esito del progetto di cooperazione applicativa per la realizzazione del Sistema a rete Mit/Regioni e Provincie autonome, ed è stato realizzato grazie alla collaborazione tra la Direzione generale per la regolazione e i contratti pubblici del Mit, gli Osservatori regionali e provinciali dei contratti pubblici ed Itaca.

Cassazione, nei comuni con meno di sette addetti non è attribuibile qualifica di coordinatore dei vigili

E-mail Stampa PDF

Nei piccoli Comuni, le funzioni di coordinamento e controllo in capo ai vigili non possono fare riferimento alle disposizioni della legge quadro, in quanto sono applicabili esclusivamente in caso di elevazione a corpo di polizia municipale. Ma, per questo caso, occorre l'appartenenza di almeno sette addetti e, conseguentemente, non può essere esercitata nessuna mansione superiore dal dipendente a cui è stato conferito l'incarico. Lo ha stabilito la Cassazione con l'ordinanza n. 16312/2019, relativamente al caso di un piccolo Comune con soli due addetti alla polizia locale. L'amministrazione aveva nominato uno dei due quale coordinatore, per poi affidare le funzioni al segretario comunale. Ne è seguito, da parte del dipendente estromesso dalle funzioni di coordinatore, un reclamo al giudice del lavoro e, dopo esiti negativi nei due gradi di giudizio, il ricorso in Cassazione.

A dire del ricorrente, una volta che l'ente ha previsto la figura apicale del coordinatore dei vigili urbani, non aveva alcun potere successivamente di privare il dipendente nominato della funzione di coordinamento ormai attribuitagli.

Nel contratto decentrato, inoltre, era stata riconosciuta un'indennità di specifiche responsabilità, al fine di compensare la maggiore professionalità richiesta per l'espletamento della funzione assegnata. La revoca dell'incarico, poi, avendo natura sanzionatoria, era da considerarsi nulla per violazione dello statuto dei lavoratori, avendo l'ente adottato il provvedimento senza l'obbligatorio esercizio del diritto di difesa da parte del dipendente. Il dipendente ha quindi chiesto alla Corte di cassazione la riparazione del danno subito per il demansionamento.

Confermando il rigetto del ricorso, la Corte di Cassazione ha chiarito che il provvedimento attuato dall'ente ha natura organizzativa e non sanzionatoria. Nello specifico, l'articolo 7 della legge 65/1986, che disciplina le condizioni per l'istituzione del corpo di polizia municipale, va applicato alle realtà territoriali più estese. Nei Comuni di piccole dimensioni è da escludere, infatti, per i Comuni di piccole dimensioni è da escludere che la norma sia suscettibile di interpretazione estensiva.

Inoltre, il contratto collettivo nazionale delle autonomie locali prevede che l'inquadramento nella categoria superiore possa essere disposta per gli addetti al coordinamento e controllo che, tuttavia, nei Comuni di piccole dimensioni non è attuabile.

 


Allegati:
Scarica questo file (Cass_16312.pdf)Cass_16312.pdf[ ]266 Kb

Corte dei Conti: tariffe scuolabus per garantire copertura integrale costi

E-mail Stampa PDF

Il servizio di trasporto scolastico rientrerebbe nella categoria dei servizi pubblici locali e non in quella di domanda individuale. Con la delibera n. 46/2019, la Corte dei Conti, sezione di controllo del Piemonte, ha escluso qualsiasi discrezionalità per l'azione amministrativa dell'ente che intenda agevolare la frequenza all'attività didattica da parte dell'utenza scolastica.

Il caso oggetto della sentenza riguardava l'esigenza di un comune che, al termine dei lavori di costruzione di un nuovo plesso scolastico, ha attivato in via sperimentale un servizio di trasporto scolastico che collegasse il centro abitato con il nuovo plesso.

Rivolgendosi alla Sezione, il sindaco ha domandato se fosse possibile organizzare  tale servizio, in riferimento alla clausola di invarianza finanziaria prevista dall'articolo 5, comma 2, del Dlgs 63/2017. Sulla base di tale decisione, i giudici hanno inquadrato il servizio scolastico come servizio pubblico a domanda individuale.

Secondo l'art. 117 del Tuel in tema di gestione dei servizi pubblici non lascia adito a dubbi in ordine alla necessità che le tariffe da approvarsi a cura dell'ente debbano «assicurare l'equilibrio economico-finanziario dell'investimento e della connessa gestione», tenuto conto di alcuni criteri. In primis, la corrispondenza tra costi e ricavi in modo da assicurare l'integrale copertura dei costi, ivi compresi gli oneri di ammortamento tecnico-finanziario; l'equilibrato rapporto tra i finanziamenti raccolti e il capitale investito; l'entità dei costi di gestione delle opere, tenendo conto anche degli investimenti e della qualità del servizio; l'adeguatezza della remunerazione del capitale investito, coerente con le prevalenti condizioni di mercato.

Allegati:
Scarica questo file (cdc46_2019.pdf)cdc46_2019.pdf[ ]66 Kb

Rocca di Papa, da Regione 1mln di euro per ripristino attività istituzionali e 2 borse di studio in memoria delle vittime

E-mail Stampa PDF

Un milione di euro per il ripristino della funzionalità della sede del Comune di Rocca di Papa gravemente danneggiato a seguito dell’esplosione avvenuta il 10 giugno scorso e la creazione di due borse di studio per ricordare il sindaco Emanuele Crestini e il delegato Vincenzo Eleuteri. E’ quanto deciso dalla Giunta regionale del Lazio che questa mattina ha approvato lo stanziamento della prima tranche da 300mila euro: 250mila euro per il riavvio, seppur in via provvisoria, della funzionalità del Comune di Rocca di Papa e di 50mila euro per la realizzazione di tutti gli interventi utili al rilancio delle attività economiche e commerciali con contributi specifici alla creazione di manifestazioni ed eventi per la ripresa delle attività nella zona interessata dallo stato di calamità. Lo stanziamento totale avrà ad oggetto tutti gli edifici danneggiati fra cui il Municipio e i palazzi limitrofi coinvolti dall’esplosione, la scuola, il parcheggio e il sostegno alle attività commerciali.

“Con questo primo atto - ha dichiarato il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti – puntiamo a velocizzare il riavvio di tutte le funzioni amministrative e istituzionali del Comune di Rocca di Papa al fine di scongiurare ulteriori disagi alla comunità locale. Abbiamo deciso inoltre in accordo con il Comune di Rocca di Papa, di finanziare due Borse di Studio, in memoria del sindaco Emanuele Crestini e del delegato Vincenzo Eleuteri, con l’obiettivo di conservare il ricordo dei due servitori dello Stato che hanno sacrificato la vita, anteponendo la sicurezza dei propri concittadini alla loro.”

Salva la tua lingua locale: è online il bando della settima edizione

E-mail Stampa PDF

Art. 1

L’Unione delle Pro Loco e Legautonomie Lazio indicono la settima edizione del Premio letterario nazionale “Salva la tua lingua locale”. Il Premio è aperto a tutti gli autori in uno dei dialetti o delle lingue locali d’Italia.

Art. 2

Il Premio si articola nelle seguenti sezioni tutte a tema libero:

PREMIO “TULLIO DE MAURO”

POESIA EDITA

PROSA EDITA

POESIA INEDITA

PROSA INEDITA

TEATRO INEDITO

MUSICA

Le modalità di partecipazione di ogni sezione sono descritte di seguito.

Art. 3

Si può partecipare a più sezioni contemporaneamente. Per partecipare si deve compilare l’apposito formulario e, in base alla sezione scelta, allegare le informazioni e i materiali richiesti. Il modulo può essere:

1. compilato direttamente sul sito, cliccando qui;

2. inviato via email dopo averlo richiesto all’indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

Art. 4

Tutti i materiali devono pervenire entro e non oltre il 2 settembre 2019 al seguente indirizzo: “UNPLI – PREMIO SALVA LA TUA LINGUA LOCALE – Piazza Flavio Biondo, 13 – 00153 ROMA”. Gli autori che intendono partecipare al premio devono trasmettere una nota biografica. Una copia dei lavori inviati sarà conservata presso il “Fondo Salva la tua lingua locale”, a disposizione di studiosi e cultori della materia, presso la sede nazionale dell’UNPLI.

Art. 5

PREMIO “TULLIO DE MAURO”

Il premio è riservato a lavori scientifici editi o inediti di (saggi, tesi di laurea, studi su dialetti e/o lingue locali e dizionari). Per i lavori editi devono essere inviate 2 copie della pubblicazione, eventualmente, anche il relativo file in formato .pdf. Per i lavori inediti deve essere inviato il file in formato .pdf. I lavori saranno valutati da un’apposita Giuria.

Sezione POESIA EDITA

Sono ammessi solo i libri stampati a partire dal 1 gennaio 2017. Ogni autore deve inviare 6 copie del libro e, eventualmente, anche il relativo file in formato .pdf.

Sezione PROSA EDITA

Ogni autore deve inviare 6 copie del libro e, eventualmente, anche il relativo file in formato .pdf.

Sezione POESIA INEDITA

Ogni autore può inviare fino a tre poesie, con relativa traduzione in italiano, massimo 90 versi in totale. I testi devono essere trasmessi con file in formato .doc o .docx. È obbligatoria la registrazione dei lavori inviati in file audio di qualsiasi formato.

Sezione PROSA INEDITA

Ogni autore può inviare un testo, di massimo 3600 battute (spazi inclusi), di una storia, favola o racconto corredato di traduzione in italiano. I testi devono essere trasmessi con file in formato .doc o .docx. È obbligatoria la registrazione dei lavori inviati in file audio di qualsiasi formato.

TEATRO INEDITO

Ogni autore può inviare un testo inedito di una rappresentazione teatrale in dialetto o lingua locale corredato di traduzione in italiano. I testi devono essere trasmessi con file in formato .doc o docx. È possibile far pervenire anche una eventuale registrazione video della rappresentazione oltre che all’indirizzo sopra riportato anche via email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Sezione MUSICA

Ogni autore può inviare dovrà far pervenire il materiale audio relativo alle due aree tematiche inserite nella sezione: a) Brani originali in dialetto o lingua locale; b) Canti popolari della tradizione (canti sacri dialettali dedicati a santi, santuari e sagre popolari).

I partecipanti dovranno inviare il materiale registrato su file, avvalendosi della sola voce o accompagnato da un qualsiasi strumento musicale. Assieme al file audio dovranno inviare il testo in dialetto con traduzione in italiano, oltre ad una scheda con note sul testo inviato. La selezione sarà curata da un’apposita Giuria composta da: Toni Cosenza (Presidente), Andrea Carpi, Marco Rho, Rosario Di Bella, Pasquale Menchise, Sonia Meurer, Matteo Persica, Paolo Portone, Elisa Tonelli, Tonino Tosto.

Art. 6

Ogni autore partecipando al Premio attesta che le opere non sono già state premiate e, per le sezioni alle quali sono ammesse solo opere inedite, che le stesse sono inedite. L’autore sarà responsabile del contenuto dei materiali inviati. Tutti i materiali inviati non verranno restituiti.

Art. 7

La partecipazione è gratuita. Per l’iscrizione non si ammettono pseudonimi, nomi di fantasia o diversi dalla reale identità dell’autore pena l’invalidazione dell’iscrizione.

Art. 8

Ai primi classificati di ogni sezione, che saranno presenti alla cerimonia di premiazione, sarà consegnata una targa e sarà offerto un soggiorno gratuito, 2 giorni per 2 persone, a Roma in occasione della premiazione. Una targa sarà consegnata anche ai secondi e terzi classificati di ogni sezione che saranno presenti alla cerimonia di premiazione. Sono previsti inoltre riconoscimenti e menzioni d’onore per le opere che la Giuria, a suo insindacabile giudizio, riterrà particolarmente meritevoli.

Art. 9

I risultati saranno resi noti per email a tutti i partecipanti, attraverso i social network, la stampa e pubblicati sul sito: www.salvalatualingualocale.it. Tutti i concorrenti riceveranno una comunicazione ufficiale delle selezioni all’indirizzo email segnalato al momento dell’iscrizione.

Art. 10

La partecipazione al concorso implica la piena accettazione del presente regolamento e, per i vincitori ed i finalisti, la divulgazione del proprio nome, cognome e premio vinto su qualsiasi pubblicazione. L’organizzazione si riserva inoltre la facoltà di pubblicare i lavori pervenuti per tutte le sezioni inserite in questo Bando.

Art. 11

Gli autori per il fatto stesso di partecipare al premio, cedono il diritto di pubblicazione delle proprie opere, senza aver nulla a pretendere come diritto d’autore, all’interno dell’antologia finale dei vincitori e dei finalisti che sarà realizzata a cura del Premio e della propria registrazione audio (solo per le sezioni che la richiedono) sul canale “Memoria Immateriale” allo scopo di contribuire alla costituzione di un archivio nazionale dei dialetti e delle lingue locali sul web e alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica sull’importanza di tutelare i patrimoni orali costituiti dai dialetti e dalle lingue locali.

Art. 12

La proclamazione dei vincitori è prevista nel mese di dicembre a Roma presso la Sala della Protomoteca del Campidoglio. La data sarà comunicata ai partecipanti con un congruo anticipo.

Art. 13

I premi dovranno essere ritirati personalmente nel corso della premiazione. Eventuali variazioni sulla data della proclamazione saranno rese note in tempo utile a tutti i partecipanti, attraverso una comunicazione all’indirizzo email segnalato al momento dell’iscrizione al Premio.

Art. 14

Le opere saranno valutate a giudizio insindacabile e inappellabile della Giuria. Qualsiasi comunicazione o variazione ufficiale delle disposizioni del presente bando e l’eventuale variazione della data indicata per la premiazione saranno comunicate a tutti gli iscritti tramite la pagina www.salvalatualingualocale.it e la newsletter appositamente creata.

Art. 15

Gli organizzatori si impegnano a osservare quanto disposto dalle vigenti norme in materia di data protection in relazione ai dati personali eventualmente acquisiti e/o utilizzati per lo svolgimento delle attività di cui al presente regolamento. Ai sensi e per gli effetti delle norme vigenti in materia di data protection, i partecipanti prestano il consenso al trattamento dei propri dati personali per l’esecuzione di tutte le operazioni e attività connesse al presente regolamento.

Art. 16

La Giuria del Premio per l’edizione 2019 è così composta: Franco Brevini, Patrizia Del Puente, Luigi Manzi, Plinio Perilli, Davide Rampello, Giancarlo Schirru, Giovanni Tesio, Salvatore Trovato (Presidente), Angelo Zito.

Il Presidente onorario del Premio è Giovanni Solimine.

Il Comitato dei Garanti del Premio è composto da: Bruno Manzi, Antonino La Spina, Luca Abbruzzetti, Luigi Manzi, Fernando Tomasello, Giuliano De Giovanni e Silvana Ferreri (membro onorario).

Art. 17

Per ogni ulteriore informazione sulle modalità di partecipazione ed in generale sul Premio “Salva la tua lingua locale”, contattare Gabriele Desiderio (Segretario del Premio): Tel. 06.5812946 – Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

Pag 3 di 184