Wednesday, Jun 23rd

Last update08:04:02 AM GMT

Sei qui: News

News

Consorzio bonifica Conca Sora: la Regione incontrerà amministratori locali

E-mail Stampa PDF

La Regione Lazio ha dato massima disponibilità ad incontrare gli amministratori locali al fine di mettere in campo una serie di azioni in accordo con i Comuni del territorio, in netta discontinuità con il commissariamento precedente, e soprattutto al fine di alleggerire le imposte importanti pagate dai cittadini, migliorando allo stesso tempo i servizi a loro offerti. Il confronto è stato avviato anche grazie alla disponibilità dei Consiglieri regionali Mauro Buschini, Sara Battisti e Loreto Marcelli, e del commissario del Consorzio di Bonifica Stefania Ruffo.

L’attuale commissariamento del Consorzio Conca di Sora ha trovato una situazione debitoria complessa di milioni di euro, per la quale comunque sono in corso attività ed interventi di risoluzione. La Regione Lazio, per esempio, è intervenuta con circa 500mila euro per la risoluzione del debito elettrico, oltre una serie di finanziamenti promossi nel corso degli ultimi anni. Tra questi 200mila euro per lavori di messa in sicurezza dello sbarramento mobile sul fiume Liri in località Val Francesca.

Lo comunica in una nota la Regione Lazio.

Amministrative Lazio: i comuni che andranno al voto

E-mail Stampa PDF

Il 58,2% della popolazione del Lazio sarà chiamata al voto per il rinnovo del proprio consiglio comunale nel prossimo autunno. Sono 103 su 378 i comuni della regione che saranno interessati dalle elezioni amministrative, in una data compresa tra il 15 settembre e il 15 ottobre 2021. Di questi, due sono i capoluoghi di provincia: Latina e Roma, 12 i comuni al di sopra dei 15 mila abitanti e 91 al di sotto.

Scarica il file con l'elenco dei comuni che andranno al voto.

Allegati:
Scarica questo file (comuni_lazio_amministrative.pdf)comuni_lazio_amministrative.pdf[ ]626 Kb

Legambiente: cave autorizzate in almeno il 21,1% dei Comuni

E-mail Stampa PDF

I Comuni che hanno almeno una cava autorizzata sono 1.667, il 21,1% del totale.

Di questi, sono 1.192 quelli con 1 o 2 cave autorizzate sul proprio territorio, mentre 54 Comuni hanno più di 10 cave. È uno dei dati che emerge dal rapporto Cave 2021 di Legambiente, dal quale emerge anche che vengono estratti annualmente 29,2 i milioni di metri cubi di sabbia e ghiaia per le costruzioni, 26,8 milioni di metri cubi di calcare e oltre 6,2 milioni di metri cubi di pietre ornamentali. Con canoni irrisori e in base a un quadro normativo inadeguato, una pianificazione incompleta e una gestione delle attività estrattive senza controlli pubblici trasparenti. Il tema è dunque di piena attualità, visto il rilancio dei cantieri previsto con il Recovery plan, in particolare di alta velocità ferroviaria, ma anche in edilizia con il superbonus di cui si sta discutendo la proroga.

Le analisi e le vicende descritte nel Rapporto dimostrano, inoltre, quante siano le vertenze nei territori, da Carrara a Guidonia, da Caserta a Treviso, come vi siano tante attività nuove o vecchie che mettono a rischio il paesaggio italiano. Il quadro aggiornato evidenzia un calo delle cave autorizzate (attive e autorizzate ma in assenza di attività estrattiva in corso) che va di pari passo con la crisi del settore edilizio: sono 4.168 contro le 4.752 del Rapporto 2017 e le 5.725 di quello 2008 (- 37%). Le 14.141 cave dismesse, rilevate incrociando i dati forniti dalle Regioni e dalle Province Autonome con quelli di Istat, invece aumentano rispetto alle 13.414 del 2017. Spiccano i dati della Lombardia, con oltre 3.000 siti chiusi, ma anche della Puglia (2.522) e della Toscana (2.400). Mentre Sicilia, Veneto, Puglia, Lombardia, Piemonte e Sardegna sono le Regioni che presentano un maggior numero di cave autorizzate, almeno 300 in ognuna al momento dell´elaborazione dei dati.

Fonte: Legambiente

La Regione Lazio alla Bit Digital Edition 2021 per la promozione dei territori

E-mail Stampa PDF

La Regione Lazio è presente alla Bit Digital Edition 2021, dal 9 al 12 maggio su Piattaforma BIT (fieradimilano.it) all’interno di Expo Plaza con uno stand virtuale dedicato alla promozione dei territori. Video, foto testi e pubblicazioni che guidano operatori trade e viaggiatori alla scoperta delle cinque Province attraverso Prodotti e Storie sulle eccellenze e le peculiarità per presentare le bellezze artistiche, culturali, ambientali, la varietà dei prodotti enogastronomici, le feste e le tradizioni popolari oltre a tutte le novità per la imminente stagione estiva. In più, il Lazio è presente con 88 Operatori turistici in rappresentanza di tutti i territori della Regione: Tuscia, Sabina, Roma e Castelli Romani, Litorale Pontino e Isole dell’Arcipelago delle Isole Ponziane e Ciociaria.

“La Regione Lazio anche quest’anno è presente alla Borsa internazionale del Turismo che si svolge interamente on line.- commenta l’Assessore al Turismo ed Enti locali, Valentina Corrado. - Nei quattro giorni di Fiera, la prima che si svolge in Italia con questa modalità, le imprese turistiche del Lazio avranno un ruolo fondamentale non solo per la commercializzeranno dell’offerta del Lazio, ma anche di promozione della Regione nel suo complesso e in particolare dei diversi territori. Ciascuno degli operatori, infatti, sta organizzando la propria agenda appuntamenti per il “b2b” con professionisti del settore, sia italiani che stranieri e preparando i materiali per promuovere l’offerta turistica del territorio nel quale opera abitualmente e prevalentemente. La pandemia ha piegato il settore turistico e stiamo investendo energie e risorse per farlo ripartire, lavorando senza sosta ad una nuova programmazione che ampli l’offerta su mercati nazionali e internazionali. Abbiamo una ricchezza enorme data la varietà del nostro territorio, da promuovere e far conoscere su nuovi mercati, diversificando, destagionalizzando e avvicinando la domanda all’offerta. Il Lazio si può visitare in ogni momento dell’anno ed è una meta sicura”.

Anche nella versione digitale della BIT, emergono i tanti possibili itinerari per poter scoprire la Regione Lazio, a partire dal turismo balneare, uno dei segmenti di maggior richiamo per i turisti nazionali e stranieri sia per la bellezza dei borghi marinari, sia per la qualità delle acque del Lazio, che nel 2021 ha conquistato ben 9 bandiere blu, 2 in provincia di Roma (località marinara di Anzio e lacuale di Trevignano) e ben 7 in provincia di Latina (Lido di Latina, Sabaudia, San Felice Circeo, Terracina, Sperlonga, Gaeta e all’Isola di Ventotene). Tappa obbligata, il Castello di Santa Severa, baciato dal mare, e la vicina area archeologica di Pyrgi, sito Unesco. Il Borgo a pochi chilometri a nord di Roma è tra i più suggestivi del Lazio, un patrimonio di enorme valore storico e culturale, con Ostello da favola perfetto per vacanze di giovani e famiglie. E poi, andando verso il basso Lazio, nuovi itinerari guidano il viaggiatore alla scoperta della Ciociaria, attraverso i suoi più bei borghi Bandiera Arancione, il marchio di qualità che il Touring club Italia riserva alle piccole località dell’entroterra che si distinguono per l’eccellenza dell’offerta e l’accoglienza di qualità, in particolare Arpino, città di Cicerone, (famosa per le mura ciclopiche e l’arco a sesto acuto nella Civitavecchia), Collepardo per le grotte carsiche, il pozzo d’Antullo, un unicum nel Lazio e le erbe dei Monti Ernici e San Donato Val di Comino, punta estrema del versante laziale del Parco nazionale di Abbruzzo, Lazio e Molise. Passando nei territori a nord di Roma, nel reatino, faremo apprezzare le potenzialità turistiche estive del Monte Terminillo e del comprensorio delle Valli reatine che in estate prendono vita e accolgono i turisti con una infinità di eventi culturali e sportivi, a partire da Rieti città dello sport per eccellenza, ma della quale presenteremo anche il volto nascosto: la suggestiva Rieti sotterranea. Infine, nella Tuscia laziale, in provincia di Viterbo, ci immergeremo virtualmente a Civita di Bagnoregio (candidata a sito Unesco), alla scoperta della Necropoli Etrusca di Monterozzi a Tarquinia e del misterioso Sacro Bosco di Bomarzo.

Bracciano Città del Formaggio 2021, il 15 maggio la cerimonia

E-mail Stampa PDF

La neonata Rete dei Comuni del Formaggio, network di Enti locali patrocinato da ALI e ARSIAL, plaude all’iniziativa promossa da ONAF - Organizzazione Nazionale Assaggiatori Formaggi- di conferire a Bracciano, uno dei suoi soci fondatori, il titolo di Città del Formaggio 2021. La cerimonia ufficiale di assegnazione dell’ambito riconoscimento, alla quale parteciperà il Comune di Sacrofano sede della Rete, avrà luogo il prossimo 15 maggio alle ore 17 nel Chiostro degli Agostiniani a Bracciano.

Bracciano, raccogliendo il prestigioso tributo che ONAF ha istituito nel 2020, entra così per le sue specificità produttive ed ambientali nell’Albo delle Città del Formaggio, affiancando il Comune siciliano di Santo Stefano Quisquina (AG), fregiatosi del titolo lo scorso anno solare.

Il Comune laziale, rappresentante d’eccellenza della forte e viva tradizione casearia della campagna romana, è anche uno dei fondatori, insieme ad altri 17 comuni laziali e ad ALI, della Rete dei Comuni del Formaggio, associazione di Enti Locali che, oltre alla promozione e alla tutela di un prodotto d’eccellenza della filiera agroalimentare, condividono buone pratiche e politiche di sviluppo volte a favorire una collaborazione virtuosa e reale tra le istituzioni ed il tessuto economico e sociale.

“Con ruoli diversi, ma con medesimo obiettivo – afferma, quindi, Patrizia Nicolini, prima cittadina di Sacrofano - mi auguro che la Rete dei Comuni del Formaggio ed ONAF si apprestino a siglare un protocollo di intesa che li possa vedere in stretta collaborazione con un unico intento, quello di valorizzare identità locali e produzioni casearie, in una prospettiva di concreto sostegno, sia alla promozione dei territori che alla promozione della qualità e della tradizione del sistema caseario locale.

Assicuro, inoltre, la presenza del Comune di Sacrofano il prossimo 15 maggio a Bracciano e ringrazio il sindaco Armando Tondinelli per l’invito ricevuto a partecipare alla cerimonia. Sarà per l’Associazione occasione per avviare, così, i primi passi di una auspicata e proficua intesa e per definire un percorso condiviso fra ONAF e il nostro network di comuni a forte vocazione lattiero casearia.

Basti pensare al riguardo, e per analogia, alla collaborazione esistente fra Città del Vino, rete di circa 500 Comuni a vocazione vitivinicola, ed ONAV - Organizzazione Nazionale Assaggiatori Vino-, per comprendere quali e quante possano essere le occasioni di lavoro insieme e i diversi piani, di certo autonomi, d’intervento.”

In conclusione, la neo Presidente della Rete che a breve si appresterà ad assumere carattere nazionale, auspica che si possa a breve chiarire i tratti distintivi dei due percorsi differenti, quello dell’Associazione di Enti Locali e il titolo di Città del Formaggio istituito da ONAF, e l’impegno e la volontà di costruire occasioni di lavoro congiunto in vista di traguardi condivisi.

Tpl, da lunedì 10 maggio nuovo bus per pendolari Capranica-Roma

E-mail Stampa PDF

“Facendo seguito alle segnalazioni pervenute dall'Osservatorio regionale dei trasporti e dai Consiglieri Panunzi e Minnucci, dopo una serie di incontri con Trenitalia che ci ha riportato i motivi strutturali per cui non sono ad oggi possibili soluzioni su ferro, comunico che da lunedì 10 maggio sarà presente un pullman speciale a disposizione dei pendolari della linea Capranica-Roma”.

Così in una nota Mauro Alessandri, Assessore ai Lavori Pubblici e Tutela del Territorio, Mobilità della Regione Lazio.

Il bus, con partenza alle ore 4:30 dal piazzale della stazione di Capranica Sutri, arriverà a Roma Ostiense alle ore 6:14.

Il bus effettuerà le seguenti fermate: Capranica Sutri, Manziana-Canale Monterano, Bracciano, Cesano, La Storta, Valle Aurelia, Roma S. Pietro, Roma Ostiense. Per maggiori dettagli, visitare il sito di Trenitalia.

 

Rete dei Comuni Sostenibili, la presentazione dei 101 indicatori

E-mail Stampa PDF

E' possibile rivedere il webinar di presentazione dei “101 indicatori dei Comuni Sostenibili” che si è tenuto venerdì scorso collegandosi al sito web dell’Associazione: www.comunisostenibili.eu.

Nella home page del sito, insieme a tutte le sezioni utili per conoscere l’associazione e il progetto, troverai tra le ultime notizie anche le slide di presentazione utilizzate dai relatori per illustrare il “set” di indicatori e per spiegare l’importanza di misurare le politiche comunali di sostenibilità. Inoltre, è stata aperta una nuova sezione “RCS CARD”: la Carta dei Servizi, gratuiti, per i comuni aderenti in cui rientra il supporto per l’accesso a opportunità come i finanziamenti europei e nazionali, strumenti di formazione per amministratori e dipendenti comunali, anche in tema di digitalizzazione delle Pa.

Viminale: in aumento le risorse agli enti locali

E-mail Stampa PDF

Sono in aumento le risorse erogate dal Ministero dell’interno agli enti locali. Come rileva, infatti, l’analisi del dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali, diretto dal prefetto Claudio Sgaraglia, negli ultimi anni i fondi a sostegno degli investimenti comunali – iscritti nello stato di previsione del Ministero – sono stati incrementati in maniera significativa, passando dai 220 milioni di euro del 2018 a 3.770 milioni del 2021, per raggiungere i 3.488 milioni nel 2022.

Se si confrontano i dati per amministrazione centrale erogatrice, in un solo anno il Ministero dell’nterno ha visto raddoppiare la quantità complessiva delle risorse a sostegno dei Comuni assegnate alla gestione della direzione centrale per la Finanza locale del Viminale, con una variazione percentuale dal 37,3% del 2019 al 73,63% del 2020 sul totale dei contributi agli investimenti locali.

Le risorse sono state destinate a spese di progettazione, di messa in sicurezza di strade, edifici pubblici e patrimonio comunale, per l’efficientamento energetico e lo sviluppo territoriale sostenibile, a favore d’interventi di rigenerazione urbana e su asili nido, scuole d’infanzia e centri polifunzionali per la famiglia.

Fonte: Ministero dell’interno

Dl proroghe: rendiconti di gestione e bilanci di previsione rinviati al 31 maggio

E-mail Stampa PDF

BILANCIO DI PREVISIONE PER L'ESERCIZIO 2021, il termine per la deliberazione slitta al 31 maggio 2021 e fino ad allora è autorizzato l'esercizio provvisorio.

RENDICONTO DI GESTIONE PER L'ESERCIZIO 2020 Il termine per la deliberazione è prorogato al 31 maggio 2021.

CARTE D'IDENTITA' Le carte d'identità e i documenti scaduti nel corso della pandemia saranno validi fino al 30 settembre 2021.

E' quanto emerge dalle disposizioni inserite nella bozza del decreto legge approvato in Consiglio dei ministri.

Pag 2 di 214