Tuesday, Jul 23rd

Last update08:45:07 AM GMT

Sei qui: News Enti Locali

Enti locali

Ambiente, la Regione approva il programma triennale per la difesa dei litorali

E-mail Stampa PDF

Più di 30 milioni di euro in tre anni per interventi a tutela del patrimonio costiero laziale. È stato approvato dalla giunta regionale il programma generale per la difesa e la ricostruzione dei litorali nel triennio 2019/2021. Il via libera alla proposta dell’assessore ai Lavori Pubblici, Tutela del Territorio e Mobilità, Mauro Alessandri, rappresenta il primo passo verso la stesura del Piano di Difesa Integrata delle Coste, apposito strumento di pianificazione degli interventi di salvaguardia e valorizzazione dell’intero litorale laziale. Il programma, licenziato dall’esecutivo Zingaretti, prevede inoltre il coinvolgimento diretto degli enti locali in azioni di monitoraggio, manutenzione e movimentazione dei sedimenti derivati da porti e foci, come già previsto dal Protocollo d’intesa siglato a novembre dalla Regione Lazio con i comuni di Latina e Sabaudia.

Un modello di collaborazione interistituzionale che sarà esteso alle altre amministrazioni locali presenti sul litorale, incentivandone il ricorso anche attraverso il sostegno regionale all’acquisto di mezzi e attrezzature per il dragaggio di porti e approdi. Infine, per dare immediata risposta ai danni provocati dal maltempo, la delibera prevede l’immediato avvio di opere di ripascimento ritenute urgenti, al fine di consentire alle realtà economiche costiere di riprendere le proprie attività in tempo per la prossima stagione estiva. “Con questo provvedimento vogliamo perseguire tre obiettivi fondamentali: dotare la Regione di una programmazione di lungo periodo estesa a tutta la costa laziale; proporre al territorio un metodo di governo partecipato per affrontare un problema complesso come quello della gestione del litorale; occuparci dell’immediato, con interventi di ripascimento urgenti. Il programma approvato mira a coordinare e responsabilizzare gli attori locali nel processo di salvaguardia del tratto costiero regionale, oltre a dare risposte immediate in vista della stagione balneare”, ha spiegato l’assessore Mauro Alessandri

Regione, ok della Giunta per i trasporti Roma-Lido e Roma-Civita C.-Viterbo

E-mail Stampa PDF

Nella giornata di ieri la giunta regionale ha dato il via all’acquisto di 11 nuovi treni per le ferrovie ex concesse. Il bando, dal valore di 100 milioni di euro, riguarda una prima tranche (5 treni per la ferrovia Roma – Lido e 6 per la Roma – Civita Castellana – Viterbo) dell’intera fornitura di 38 treni previsti dall’Accordo Quadro, del valore complessivo di 315 milioni di euro. Una volta verificata la sussistenza dei requisisti richiesti, verrà consegnato il capitolato alle 7 società che hanno partecipato alla prima fase di accreditamento, che sulla base del documento presenteranno la propria proposta. La delibera approvata questa mattina ha inoltre quantificato in 13 milioni di euro, da ripartire in 10 anni, gli oneri per la manutenzione ordinaria e straordinaria del parco mezzi.

“Il provvedimento approvato in giunta rappresenta un importante passo verso il miglioramento delle condizioni di viaggio dei nostri pendolari. Una prima risposta alle difficoltà degli utenti delle ferrovie ex concesse – dichiara Mauro Alessandri, assessore ai Lavori Pubblici e Tutela del Territorio, Mobilità della Regione Lazio - a cui seguiranno interventi di manutenzione straordinaria dei treni fermi in deposito, che saranno pronti ad entrare in servizio a partire dal mese di settembre”.

Ambiente, Regione: approvato lo statuto-tipo per i consorzi di bonifica

E-mail Stampa PDF

La Regione Lazio, dopo un importante lavoro svolto in Commissione Agricoltura, ha approvato la delibera di adozione dello “Statuto tipo” per i Consorzi di bonifica, finalizzata a favorire la fusione dei Consorzi di bonifica del Lazio, disciplinata con l’articolo 11 della legge regionale 12/2016. La Regione ha ufficialmente avviato con la legge del 2016 il percorso di riordino dei Consorzi di Bonifica, che determinerà la riduzione da 10 a 4 enti, che si occuperanno della manutenzione dei corsi d'acqua e della progettazione e realizzazione delle opere finalizzate alla irrigazione e alla riduzione del rischio idraulico.

La riforma ha inoltre armonizzato i criteri e le linee di indirizzo su atti importanti di pianificazione e programmazione. È stato quindi predisposto, di concerto tra i Commissari straordinari e l’Associazione Nazionale delle Bonifiche Italiane Lazio (ANBI Lazio), uno “Statuto Tipo” recante l’organizzazione, il funzionamento dei Consorzi di bonifica e le modalità di svolgimento delle elezioni. In particolare i Consorzi di bonifica esplicano funzioni e compiti che gli sono attribuiti dalle leggi statali e regionali con particolare riferimento alla bonifica e all’irrigazione, alla difesa del suolo e dell’ambiente, alla tutela della qualità delle acque e alla gestione dei corpi idrici. Con l’approvazione dello “Statuto Tipo” si riconfermano gli Organi preesistenti, i criteri e le modalità della loro elezione. Vengono delineati i compiti, le funzioni e le modalità delle elezioni dell’Assemblea, del Consiglio di Amministrazione, del Comitato esecutivo, del Presidente (e dei suoi due Vice) e del Revisore dei Conti unico per ciascun consorzio, nel pieno rispetto delle autonomie funzionali degli Enti predisposti alla gestione dei territori. Lo “Statuto Tipo” fissa infine, per quanto attiene la fase gestionale, i compiti e le funzioni del Direttore Generale e della Dirigenza, il tutto secondo quanto stabilito nel Piano di Organizzazione Variabile (P.O.V.) e dai regolamenti interni. Sono state inoltre recepite le disposizioni intervenute con la legge di stabilità regionale del 2019 per la costituzione di due aree funzionali specifiche per il costituendo Consorzio di bonifica Sud Ovest, una con sede a Latina e una a Fondi.

Lo comunica in una nota l’Assessorato Agricoltura, Promozione della Filiera e della Cultura del Cibo, Ambiente e Risorse Naturali della Regione Lazio.

Comuni, in aumento il bike sharing

E-mail Stampa PDF

Sarebbe del 9% la percentuale di aumento delle piste ciclabili dal 2015 ad oggi, quindi una crescita del 6,1% dei Comuni con bike-sharing. È quanto stimato nel terzo rapporto Focus2R, promosso da Confindustria Ancma e Legambiente, in collaborazione con Ambiente Italia. Mentre, sarebbero ancora poche le città che promuovono iniziative per garantire la sicurezza di scooter e moto e solo poche città offrono incentivi per l'acquisto di bici tradizionali (9%) o a pedalata assistita (14%).

Il sondaggio, realizzato in base a un questionario inviato a 104 Comuni, segnala una crescita del bike-sharing. Sono disponibili per ogni Comune circa 156 bici, distribuite in 16 stazioni con 2039 abbonati. Un servizio di moto e scooter sharing è stato attivato nelle città di Milano, Brescia e Roma. Mentre, sul mercato viene registrato un lieve calo sulla vendita delle biciclette tradizionali, ma crescono le elettriche del 19% in più rispetto in più rispetto al 2016 (148mila).

Maltempo, Protezione civile Lazio: criticità idrogeologica gialla da tarda mattinata domani per 12 ore

E-mail Stampa PDF

“Il Centro Funzionale Regionale ha emesso oggi un bollettino di criticità idrogeologica che riporta una valutazione di criticità codice giallo per rischio idrogeologico a seguito di precipitazioni previste: isolate, anche a carattere di rovescio su Bacini Costieri Nord, Roma, Bacini Costieri Sud, dalla tarda mattinata di domani, mercoledì 30 gennaio, e per le successive 12 ore. La Sala Operativa Permanente della Regione Lazio ha diramato l’allertamento del Sistema di Protezione Civile Regionale e invitato tutte le strutture ad adottare tutti gli adempimenti di competenza. Si ricorda, infine, che per ogni emergenza la popolazione potrà fare riferimento alle strutture comunali di Protezione civile alle quali la Sala Operativa Regionale garantirà costante supporto”.

Lo comunica in una nota la Protezione Civile del Lazio.

Gioco d'azzardo, le misure della Regione Lazio per il contrasto al fenomeno

E-mail Stampa PDF

“La Regione Lazio investe quasi 5mln di euro per la lotta al Gioco d’Azzardo Patologico (GAP). Le risorse, derivanti dal Fondo Sanitario Nazionale, sono suddivise tra le Asl laziali sulla base della popolazione residente con oltre 15 anni d’età”. A darne notizia è l’assessore alle Politiche sociali, Welfare ed Enti locali, Alessandra Troncarelli.

Le risorse sono state così ripartite: 2mln di euro sono destinati al ricovero in strutture specialistiche, residenziali o semiresidenziali; 620mila euro, suddivisi in due annualità, serviranno per la formazione e l’aggiornamento degli operatori sanitari, sociali e del terzo settore; infine, 2.201.815 euro saranno investiti per incrementare il personale specializzato, attivare gruppi di auto mutuo aiuto e sperimentare modalità di intervento innovative.

“Secondo i dati del 2017 – spiega l’assessore – le patologie connesse al gioco d’azzardo sono in continua crescita in Italia. Il Lazio è al secondo posto, dopo la Lombardia, per numero di persone coinvolte che si rivolgono ai servizi sociosanitari locali. Per questo, le risorse sono state ripartite in modo da offrire un trattamento adeguato di cura e riabilitazione nei casi più gravi ma anche per prevenire il fenomeno. Al fine di rendere più efficace il contrasto al Gap vogliamo incrementare il numero degli operatori dei servizi, potenziare la loro competenza professionale nonché la qualità degli interventi con percorsi comuni di formazione e supervisione”.

“La nostra strategia – conclude l’assessore Troncarelli – mira a combattere questa forma di schiavitù, creando sui territori una rete di assistenza capace di intercettare i primi campanelli d’allarme della patologia e di prendersi carico di chi, invece, ne è già vittima. Le Asl, proprio per monitorare l’impatto sociale, invieranno alla Regione una relazione semestrale delle attività svolte, degli obiettivi raggiunti e delle eventuali criticità riscontrate”.

Firmato accordo Agid-Regione Lazio per accelerare l'attuazione dell'agenda digitale

E-mail Stampa PDF

La Regione, con il supporto operativo di Agid, realizzerà una serie d’interventi per velocizzare la trasformazione digitale dei servizi ai cittadini e mettere in sicurezza le infrastrutture digitali regionali

Accelerare la trasformazione digitale dei servizi pubblici nella Regione Lazio a vantaggio di imprese e cittadini. Questo l’obiettivo dell’accordo di programma quadro firmato dalla Regione Lazio, dall’Agenzia per l’Italia Digitale e dall’Agenzia per la coesione territoriale.

L’accordo prevede una serie d’interventi, finanziati attraverso oltre 26 milioni di euro provenienti in gran parte dal Programma operativo regionale 2014-20, che spaziano dai progetti di modernizzazione e messa in sicurezza delle infrastrutture digitali regionali fino ad arrivare al potenziamento di servizi digitali come il Fascicolo sanitario elettronico, lo Spid e ai pagamenti online verso le PA.

Attraverso l’accordo, AgID mette a disposizione della Regione molteplici strumenti tecnici tra cui linee guida, iniziative di formazione mirate, regole d’interoperabilità, ambienti di test e simulazione, toolkit per lo sviluppo di siti e applicazioni allo scopo di facilitarla nel raggiungimento degli obiettivi della strategia nazionale e regionale di Crescita digitale 2014-20 e del Piano triennale per l’Informatica nella pubblica amministrazione.

Tra i principali interventi previsti: la realizzazione dell’infrastruttura Cloud della Regione Lazio, un ampliamento della rete dei servizi accessibili dal cittadino tramite lo Spid, il sistema pubblico d’identità digitale, la promozione di un sempre più massiccio utilizzo del Fascicolo sanitario elettronico, grazie al quale è possibile avere completa traccia dei propri dati sanitari, la progettazione del nuovo portale istituzionale della Regione secondo le linee guida di Agid per migliorarne l’accessibilità da parte dei cittadini, la diffusione delle piattaforme digitali di pagamento e del loro utilizzo presso le Aziende sanitarie regionali e nell’ambito dei trasporti pubblici.

Uno dei progetti di maggior impatto riguarda la realizzazione del Cloud territoriale della Regione Lazio. Si tratta di un ampio programma che si propone l’adozione del paradigma “cloud-computing” in accordo con le strategie e gli indirizzi nazionali, in modo da superare la attuale frammentazione dei diversi Data Center esistenti nelle strutture regionali, riducendo i costi e migliorando efficienza e sicurezza delle infrastrutture digitali pubbliche.

Lo comunica in una nota la Regione Lazio.

Sicurezza edilizia scolastica, la Regione proroga i termini

E-mail Stampa PDF

La Regione Lazio ha prorogato i termini per la rendicontazione dei lavori di recupero e messa in sicurezza dell'edilizia scolastica. Verrà concessa la proroga fino al 31/12/2019 ai Comuni che hanno appaltato i lavori ma che "non possono presentare la documentazione relativa alla rendicontazione finale entro il 31/12/2018", si legge nella determinazione del 4 gennaio (n. G17774) in allegato.

Dissesto idrogeologico nel Lazio, le misure per il contrasto

E-mail Stampa PDF

Dalla Regione Lazio 12 milioni di euro per interventi di difesa del suolo e sicurezza del territorio. Sono state presentate questa mattina a Subiaco le misure per il contrasto al dissesto idrogeologico recentemente approvate dalla giunta regionale.

L'assessore ai Lavori Pubblici, Tutela del Territorio e Mobilità, Mauro Alessandri, e il direttore regionale ai Lavori Pubblici, Stazione Unica Appalti, Risorse Idriche e Difesa del Suolo, Wanda D'Ercole, ne hanno illustrato i contenuti nel corso di un partecipato incontro che si è tenuto presso il Monastero di Santa Scolastica.

Delle risorse impegnate 5 milioni di euro saranno destinati alle amministrazioni locali per lavori urgenti di messa in sicurezza dei versanti interessati da fenomeni franosi; i restanti 7 milioni e 221 mila euro saranno invece messi a disposizione tramite un bando rivolto ai Comuni per interventi di mitigazione del rischio idrogeologico e in particolare di esondazioni, alluvioni, dissesti di carattere torrentizio, frane e sprofondamenti. Le amministrazioni avranno trenta giorni di tempo dalla data di pubblicazione del bando sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio per far pervenire le proprie richieste di finanziamento. Saranno ritenuti ammissibili gli interventi volti a ridurre il rischio diretto per le persone o risolutivi per situazioni di interruzione della viabilità stradale, la cui progettazione sia almeno di livello definitivo e con importo del finanziamento richiesto non superiore ai 500mila euro.

"E’ indispensabile programmare e attuare nuove azioni dirette alla difesa del suolo. Quelle presentate oggi rappresentano misure concrete che la Regione Lazio mette a disposizione dei Comuni: i 12 milioni di euro per interventi di contrasto al dissesto idrogeologico sono un primo, importante passo verso questa direzione, a cui seguiranno ulteriori provvedimenti destinati a garantire la sicurezza del territorio regionale", ha spiegato l'assessore Mauro Alessandri.

Pag 6 di 82