Thursday, Jun 24th

Last update08:04:02 AM GMT

Sei qui: News Enti Locali

Enti locali

Agricoltura, Regione Lazio: approvato il testo del regolamento sui biodistretti

E-mail Stampa PDF

“La Giunta regionale del Lazio ha approvato nella giornata di ieri, con delibera, il regolamento recante le disposizioni per la disciplina e la promozione dei biodistretti, in attuazione della legge regionale 11/2019.I distretti hanno la finalità di diffondere la cultura del biologico e stabilire un modello di sviluppo sostenibile e compatibile con le esigenze dei territori e delle comunità insediate, tenendo conto dei quattro principi dell’agricoltura biologica formulati dalla Federazione internazionale dei movimenti dell’agricoltura biologica (IFOAM): benessere, ecologia, equità e precauzione. Il regolamento, composto da 14 articoli, disciplina tra l’altro: i criteri ed i parametri per l’individuazione dei soggetti facenti parte del biodistretto; le modalità per l’elaborazione dei programmi annuali; i criteri e le modalità per la concessione dei contributi; le modalità per l’effettuazione dei controlli sulla corretta utilizzazione dei contributi concessi. Ora il testo andrà al vaglio del Consiglio regionale per l’approvazione”.

Lo comunica in una nota l'Assessorato all’Agricoltura, Promozione della filiera e della cultura del cibo, Ambiente e Risorse naturali della Regione Lazio.

Nuovo Dpcm: i sindaci promuovano diffusione delle informazioni sulle misure di prevenzione

E-mail Stampa PDF

Nel nuovo Dpcm, firmato dal presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, il 4 novembre si fa riferimento ai sindaci e alle associazioni di categoria per le diffusione delle prassi igienico sanitarie. L'articolo 5 del Dpcm ("Misure di informazione e prevenzione sull'intero territorio nazionale "), lettera e) stabilisce che "i sindaci e le associazioni di categoria promuovono la diffusione delle informazioni sulle misure di prevenzione igienico sanitarie di cui all'allegato 19 anche presso gli esercizi commerciali".

Scarica l'Allegato 19.

Allegati:
Scarica questo file (Allegato19_dpcm_4_novembre.pdf)Allegato19_dpcm_4_novembre.pdf[ ]225 Kb

La Regione Lazio dichiara stato di calamità per i comuni del frusinate

E-mail Stampa PDF

Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha firmato il decreto per la dichiarazione dello stato di calamità per i comuni della provincia di Frosinone che il 14 e il 15 ottobre scorso sono stati colpiti da eventi metereologici avversi. In particolare, sono i comuni di San Biagio Saracinisco, Picinisco, Sant’Elia Fiume Rapido, Vallerotonda, Villa Latina, Atina, Settefrati, Terelle, Pastena e Belmonte Castello ad aver riscontrato danni importanti agli edifici pubblici, alle abitazioni private, alla viabilità ed alle attività commerciali e produttive.

Per questa ragione, il decreto dispone anche di procedere, con l’Agenzia regionale di Protezione Civile, al ristoro delle spese sostenute, per l’organizzazione e l’effettuazione degli interventi di soccorso e assistenza alla popolazione dalle Amministrazioni interessate, per un totale di 282mila euro, e chiede l’intervento ulteriore della Presidenza del Consiglio dei Ministri per il riconoscimento dello “stato di emergenza” con l’adozione di urgenti e straordinari provvedimenti per la riparazione dei danni.

A comunicarlo è la Regione Lazio.

Infrastrutture, la Regione approva il programma di interventi per messa in sicurezza e rigenerazione urbana da 383,83 mln

E-mail Stampa PDF

E’ stato approvato dalla Giunta il "Programma regionale di interventi per la messa in sicurezza delle infrastrutture viarie e per la rigenerazione urbana" per un totale di 383.837.241,33 euro per le annualità 2021-2034, come previsto dalla legge di Bilancio dello Stato 2020.

Il contributo complessivo è ripartito annualmente nella percentuale del 30% alla regione e del 70% ai comuni mentre la gestione delle risorse destinate all’attuazione del Programma è affidata all’Azienda regionale ASTRAL S.P.A. Inoltre, per i programmi di competenza dei comuni – opere di urbanizzazione primaria e secondaria, edilizia scolastica e interventi a carattere locale – ASTRAL provvederà ad assegnare le relative risorse ai comuni beneficiari attraverso avvisi pubblici sulla base delle disposizioni stabilite da successive delibere di Giunta regionale.

“Oggi abbiamo approvato in Giunta il Programma degli interventi per la messa in sicurezza delle infrastrutture e per la rigenerazione urbana 2021-2034. Sono quasi 400 milioni di euro di risorse statali che consentiranno, nel lungo periodo, la messa in sicurezza della rete stradale regionale, (115.151.172,40 euro), la realizzazione di opere di Urbanizzazione primaria e secondaria nel territorio dei Comuni del Lazio (50 mln), l’edilizia scolastica (88 mln) e interventi a carattere locale (130.686.068,93 mln)”, ha dichiarato l'assessore al Bilancio, Alessandra Sartore.

"La ripartizione dei fondi, per il 70% destinati ai Comuni, ci permetterà un'azione congiunta e condivisa per lo sviluppo infrastrutturale del territorio della Regione Lazio. Grazie alla collaborazione costante con gli Enti locali potremo nei prossimi anni cambiare il volto della nostra regione, rendendola più sicura, più interconnessa, più efficiente. La gestione pubblica delle risorse, affidata ad Astral, sarà garanzia di velocità ed uniformità.", ha aggiunto Mauro Alessandri, assessore ai Lavori pubblici e Tutela del territorio, Mobilita.

Valle di Comino, Buschini: "Ho visitato i luoghi colpiti da nubifragio, già operativi per interventi"

E-mail Stampa PDF

"Stamattina ho visitato i Comuni di Atina, Sant'Elia, Villa Latina e Picinisco, con amministratori e tecnici, per verificare la gravità dei danni dopo il nubifragio che ha duramente colpito questo territorio.

Sono vicino a queste comunità, la situazione è davvero seria. Oltre alla solidarietà, come Regione vogliamo dare un contributo immediato: già oggi ci riuniremo attraverso piattaforme dedicate, coinvolgendo i tecnici, gli amministratori dei territori colpiti e il capo di gabinetto Albino Ruberti per iniziare una stima dei danni e programmare interventi mirati in base alle necessità. I cittadini chiedono giustamente risposte rapide. Nessuno sarà lasciato.

Ambiente, firmato accordo tra Arsial e Comune di Sacrofano per trasferimento acquedotto Camuccini

E-mail Stampa PDF

“E’ stato firmato oggi un accordo, su cui si lavorava da molti anni tra Arsial, Comune di Sacrofano e Segreteria Tecnica dell’Ato2 E Acea Ato2 S.p.A. per il trasferimento definitivo dell’acquedotto denominato Camuccini, di proprietà dell’Arsial al Comune di Sacrofano, per il successivo affidamento della gestione idrica ad ACEA ATO2”.

Così in una nota Mario Ciarla, presidente di Arsial.

“Continuo il lavoro iniziato dal mio predecessore Antonio Rosati – spiega - che ha dato un forte impulso all’operazione di trasferimento definitivo delle reti idriche Arsial ai comuni del Lazio. Il risanamento degli acquedotti e il trasferimento ai comuni e alla gestione di Acea Ato2 è una garanzia – conclude Mario Ciarla - sull’uso dell’acqua per i cittadini di questi territori, che produrrà un miglioramento del servizio”.

 

Agroalimentare, la Regione presenta il bando Bonus Lazio Km0

E-mail Stampa PDF

Il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e gli Assessori all’Agricoltura, Promozione della Filiera e della Cultura del Cibo, Ambiente e Risorse Naturali, Enrica Onorati, e allo Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Ricerca, Start-Up e Innovazione, Paolo Orneli, hanno presentato questa mattina, presso l’Auditorium del WeGil, il bando BONUS LAZIO KM0 che destina 10 milioni di euro al settore Ho.Re.Ca (ovvero della ristorazione) per l’acquisto di prodotti agroalimentari del Lazio.

Sarà concesso, infatti, un contributo a fondo perduto ai soggetti della ristorazione, sotto forma di voucher, pari al 30% della spesa effettuata per l’acquisto di prodotti DO (Denominazione di Origine), IG (Indicazione Geografica) e PAT (Prodotti Agroalimentari Tradizionali) del territorio laziale con l’obiettivo di promuovere misure di aiuto che consentano la ripresa delle attività sul territorio.

L’importo del contributo, che sarà ricevuto a fronte di una fattura già quietanzata per l’acquisto dei prodotti indicati dal bando, varia da un minimo di 500 euro - a fronte di una spesa ammissibile di almeno 1.667 euro - e un massimo di 5.000 euro - per una spesa ammissibile pari ad almeno 16.667 euro.

Potranno partecipare al bando, per cui saranno garantite procedure semplificate e tempestive, gli operatori della ristorazione che esercitano attività primaria o secondaria nel Lazio iscritta ai seguenti codici ATECO: ristorazione con somministrazione (cod. 56.10.11); attività di ristorazione connesse alle aziende agricole (cod. 56.10.12); ristorazione su treni e navi (cod. 56.10.50); catering per eventi, banqueting (cod. 56.21.00).

Tutti i dettagli saranno pubblicati su: https//www.regione.lazio.it/aiuticovidHORECA

Ambiente, pubblicato il nuovo bando Gens 2020-21

E-mail Stampa PDF

"Abbiamo pubblicato il nuovo bando di offerta educativa del Catalogo Gens per l'anno 2020-2021, che raccoglie un ricco ventaglio di proposte in tema di educazione ambientale e sostenibilità. Parliamo di attività che le Aree Naturali Protette realizzano nei propri territori, con impegno e passione, dal 2001 e che spaziano dall’ambiente naturale, al patrimonio culturale, alla sostenibilità, all’interculturalità e al cambiamento climatico. Tutte le proposte saranno realizzate dal personale esperto delle nostre aree naturali, utilizzando anche la didattica a distanza, laddove necessario, salvaguardando la funzione importantissima di faro svolta dalle nostre scuole, anche in tempi così incerti. Abbiamo previsto due diverse offerte educative: una rivolta agli istituti scolastici, di ogni ordine e grado, e una rivolta agli altri soggetti giuridici”.

Lo scrive in una nota l’assessore regionale all’Agricoltura, Promozione della Filiera e della Cultura del Cibo, Ambiente e Risorse Naturali, Enrica Onorati.

“Inoltre, come valore aggiunto a questa nuova edizione, abbiamo voluto consolidare la sinergia con il programma di educazione alimentare Sapere i Sapori - adottando un criterio di priorità di accesso per le scuole ammesse lo scorso anno al Bando ARSIAL - e dedicato un'attenzione particolare al Progetto regionale Ossigeno, che prevede la piantumazione su tutto il territorio del Lazio di alberi e arbusti autoctoni certificati, per contrastare il cambiamento climatico - rivolgendo alcuni specifici progetti del Catalogo a tutti i soggetti che hanno piantumato o fatto richiesta di piantumazione di alberi”, conclude Onorati.

Per agevolare la consultazione delle proposte progettuali sono state pubblicate, insieme al bando, anche le schede sintetiche dei progetti ordinate per aree tematiche, le stesse in cui è suddiviso il Catalogo: Paesaggio naturale e storico-culturale - Ecosistema Biodiversità e Servizi ecosistemici - Natura Stili di vita e Salute - Sostenibilità - Comunità e Sistemi sociali - Cambiamento climatico. Le domande dovranno essere inviate - entro le ore 20 del 29 ottobre - alla PEC della Direzione regionale Capitale Naturale, Parchi e Aree Protette: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . Il Bando con i suoi allegati, e la modulistica necessaria, sono disponili al link: http://www.regione.lazio.it/prl_ambiente/?vw=documentazioneDettaglio&id=55285.

Unione Europea, all'Italia 937 mln per il clima

E-mail Stampa PDF

Dall’Unione europea previsti altri fondi per l’Italia. In particolare, il nostro Paese dovrebbe ricevere 937 milioni dal Just Transition Fund (Fondo per la transizione equa) per il periodo 2021-2027. Lo affermano fonti autorevoli al margine dei negoziati a Bruxelles sul Next Generation Eu (Recovery Fund) e il prossimo quadro finanziario pluriennale dell’Ue (Qfp). Le risorse stanziate si suddividono in 535 milioni dal Recovery Fund e 401 milioni sotto lo strumento Invest EU, secondo braccio del Just Transition Fund. In base ai calcoli fatti dai tecnici, aumenterebbe così di 36,4 milioni (passando da 364,3 a 401 mln) la quota proposta inizialmente dalla Commissione nel Fondo a gennaio.

Pensato per garantire una transizione ecologica equa a tutti gli Stati membri, il Fondo servirà ai Governi nazionali per cofinanziare i progetti ‘green’ necessari a raggiungere la neutralità climatica. A beneficiarne sono soprattutto i Paesi dell’Europa orientale, che necessitano di maggiori investimenti per attuare il processo di decarbonizzazione industriale. In Italia questi fondi dovrebbero essere utilizzati per la riconversione d’impianti industriali come l’ex Ilva di Taranto. Più risorse in assoluto andranno alla Polonia, con 3,5 miliardi (20% del totale), seguono la Germania con 2,2 mld (12,9%), la Romania con 1,9 mld (11,1%), la Repubblica Ceca con 1,5 mld (8,5%), e la Bulgaria con 1,2 mld (6,7%). Sesta l’Italia (con una quota del 5,4%), appaiata alla Francia (937 milioni, 5,4%).

Fonte: Unione europea

Pag 8 di 106