Friday, Feb 22nd

Last update12:25:20 PM GMT

Sei qui: News Enti Locali

Enti locali

Patti per la sicurezza a Rieti: 40 i sindaci aderenti

E-mail Stampa PDF

Sale a 40 il numero complessivo dei comuni del reatino che hanno aderito all’iniziativa "Patti per la sicurezza" e che consentirà alle amministrazioni comunali di attuare progetti finalizzati a rafforzare le azioni di prevenzione e contrasto dei fenomeni di criminalità diffusa anche attraverso il finanziamento di progetti per l’installazione dei sistemi di videosorveglianza nelle aree più sensibili.

Sottoscritti dal viceprefetto Luisa Cortesi e dai sindaci dei comuni di Borbona, Cantalice, Colli sul Velino, Configni, Frasso Sabino, Labro, Leonessa, Mompeo, Montasola, Monte San Giovanni in Sabina, Montopoli di Sabina, Morro Reatino, Orvinio, Pescorocchiano, Poggio Nativo, Salisano, Selci, Stimigliano, Tarano, Toffia e Torri in Sabina, i “Patti per la sicurezza”.

 

Fonte: Ministero dell'Interno

 

 

Regione, Manzella: 'Latina Smart City' occasione per imprese e cittadini verso opportunità regionali ed europee

E-mail Stampa PDF

“Gli Spazio Attivo sono una grande scommessa della Regione Lazio. Per fare una cosa cruciale: portare vicino ai cittadini, alle imprese e ai giovani le opportunità della Regione e dell'Europa. Per far capire loro che si può fare. ‘Latina Smart City’ è un programma che va in questa direzione: quella di una Regione che promuove l'innovazione e che si apre all'innovazione. Questo ci dicono le realtà più avanzate. Un grazie al Comune di Latina per la collaborazione e a Lazio Innova per il lavoro sul campo. Ora al lavoro per tradurre questo protocollo in fatti molto concreti e per farlo conoscere in tutta la città”.

Così Gian Paolo Manzella, assessore regionale allo Sviluppo Economico della Regione Lazio, in occasione della firma del Protocollo d’intesa tra Comune di Latina e Lazio Innova che dà il via al programma “Latina Smart City”, che prevede l’avvio di progetti a sostegno dell’innovazione e di uno sviluppo economico sostenibile.

Foto: Latina Quotidiano

Italiaonline, Di Berardino: raggiunto buon accordo che salvaguarda livelli occupazionali

E-mail Stampa PDF

Quello raggiunto questa notte presso il Ministero del Lavoro è un buon accordo, che segna la fine di una lunga vertenza. L'intesa condivisa dalle parti dimostra come il metodo di lavoro in cui ognuno ha svolto positivamente il suo ruolo abbia funzionato e abbia così permesso di evitare il licenziamento di 400 lavoratori di Italiaonline su scala nazionale di cui una cinquantina nel Lazio. In particolare, l'accordo prevede il ricorso alla cassa integrazione per la riorganizzazione e la ricollocazione di una parte dei lavoratori all'interno dell'azienda o in aziende controllate. Per gli altri lavoratori sono previsti incentivi all'esodo (da accogliere fino al 30 ottobre per un totale di 30 mensilità) e outplacement.

Come regione Lazio continueremo a seguire la vertenza anche attraverso un monitoraggio costante dell'accordo.

Così in una nota Claudio Di Berardino, assessore al Lavoro e Nuovi diritti della Regione Lazio.

Casa, Valeriani: 'Regione ha idee chiare su politiche abitative ed emergenza casa'

E-mail Stampa PDF

"Frazionamento degli immobili Ater e rivisitazione dei canoni di affitto, snellimento delle procedure nei piani di vendita, sostegno per accedere al mercato degli affitti con l'Agenzia per l'abitare, completamento dei piani di zona con lo sblocco di risorse inutilizzate, osservatorio sui piani di zona, conferma risorse stanziate sull'emergenza abitativa.

Interventi e obiettivi che abbiamo presentato alla competente commissione consiliare. Sulle politiche abitative la Regione ha le idee chiare ed è già al lavoro".

Lo dichiara in una nota Massimiliano Valeriani, assessore alle Politiche abitative della Regione Lazio.

 

 

Regione, approvazione in Commissione delibera botteghe storiche

E-mail Stampa PDF

“Esprimiamo piena soddisfazione per l’approvazione dello schema di deliberazione che permetterà alle botteghe storiche di accedere al fondo rotativo per il piccolo credito gestito da Artigiancassa. Si tratta di 2 milioni di euro per la concessione di finanziamenti a tasso agevolato. La Commissione ha svolto un ottimo lavoro in poco tempo, in un clima di confronto e assoluta collaborazione. Abbiamo potuto registrare uno spirito costruttivo tra i componenti della commissione che fa ben sperare per il prosieguo dei lavori nel corso di questa legislatura.”

Lo hanno dichiarato Gian Paolo Manzella, assessore regionale allo Sviluppo Economico, e Massimiliano Maselli, presidente della Commissione Sviluppo Economico alla Pisana, commentando l’approvazione, avvenuta oggi in XI Commissione, dello schema di deliberazione n. 3, concernente “LR 10 agosto 2016 n. 12. Approvazione dei criteri per individuazione dei locali, botteghe, attività storiche e botteghe d’arte, ammissibili ai benefici della sezione speciale del fondo rotativo per il piccolo credito”.

 

Porta Futuro Lazio, firma della convenzione Laziodisu e Sapienza

E-mail Stampa PDF

“E’ un’ottima notizia quella della firma della Convenzione tra LazioDisu (Ente per il Diritto agli Studi universitari nel Lazio) e l’Università della Sapienza di Roma. Un fatto importante su cui si è lavorato accuratamente e di cui andiamo orgogliosi. Sono certo che sarà un altro punto di eccellenza per quel che riguarda l’orientamento e l’accrescimento della occupabilità degli studenti universitari e laureati del Lazio.”

Lo dichiara in una nota Massimiliano Smeriglio, Vicepresidente della Regione Lazio e Assessore alla Scuola, Formazione, Ricerca e Università.

“Con questo accordo – prosegue Smeriglio- la Sapienza fornirà presso Porta Futuro Lazio, sede Città Universitaria, servizi quali Orientamento professionale, Formazione specialistica, Eventi di recruiting, vale a dire incontro tra domanda e offerta di lavoro, Consulenza start-up, Eventi per innovazione.

Questa Convenzione si unisce a tutte le altre concluse con gli altri Atenei della Regione. Una sinergia tra istituzioni che riteniamo non solo utile per gli obiettivi che si propone, ma anche funzionale alla motivazione allo studio ed a un più efficace passaggio tra la fase formativa a quella del lavoro.

Sino ad oggi Porta Futuro Lazio ha erogato servizi gratuiti ad oltre 25.000 cittadini, sono state svolte più di 2.000 sessioni di orientamento e bilancio di competenze e sono stati realizzati 430 seminari e corsi per lo sviluppo dell'occupabilità di circa 50 tipologie differenti, ricevendo una valutazione media da parte degli utenti di 4,6 su 5.

L’adesione della Sapienza a questo percorso è quindi un fatto importante che rende più forte il sistema di collaborazione che abbiamo costruito.” Conclude.

Agricoltura, Regione: 'oltre 2,8 mln per piano triennale biodiversità Lazio'

E-mail Stampa PDF

E’ stato approvato stamattina in Giunta il “Piano settoriale di intervento per la tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario”, relativo al triennio 2018-2020, che prevede uno stanziamento complessivo di 2 milioni 850mila euro, per il prosieguo delle attività di ricerca sul territorio, catalogazione, conservazione e valorizzazione, svolte nei precedenti piani settoriali.

L’attuazione del Piano è affidata esclusivamente a ARSIAL, unico soggetto beneficiario dei fondi appositamente destinati dal Programma di Sviluppo Rurale del Lazio, nella misura 10.2 (Supporto alla conservazione delle risorse genetiche vegetali e animali in agricoltura tramite attività svolte da ARSIAL), che avrà una dotazione annuale di 950.000 euro.

Le attività previste, nell’ambito del recupero e della valorizzazione delle risorse a rischio di erosione genetica con il coinvolgimento e la partecipazione delle comunità locali, sono: il censimento, la catalogazione e la caratterizzazione delle risorse genetiche vegetali e animali; una corretta e diffusa informazione e divulgazione, rivolta agli operatori e ai potenziali soggetti interessati; le attività della Rete di Conservazione e Sicurezza volte alla conservazione in situ/in azienda e alla valorizzazione culturale delle risorse genetiche, vegetali ed animali, iscritte al Registro Volontario Regionale; la conservazione ex situ per le entità genetiche a maggior rischio di erosione, attraverso banche del germoplasma e campi catalogo gestiti da Arsial; la valorizzazione dei prodotti, attraverso la riattivazione di filiere locali da incentivare e ampliare.

Lo dichiara in una nota l’Assessorato Agricoltura, Ambiente, Promozione della Filiera e della Cultura del Cibo, Ambiente e Risorse Naturali della Regione Lazio.

Amministrative Lazio, i risultati dei ballottaggi

E-mail Stampa PDF

Un comune su quattro nella provincia di Roma va di nuovo ai Movimento 5 Stelle: a Pomezia viene riconfermata l'amministrazione pentastellata con la vittoria di Adriano Zuccalà, con il 68,8% dei voti. Negli altri tre comuni della provincia di Roma interessati dal ballottaggio hanno passato il turno i candidati sindaci di centrosinistra: Esterino Montino a Fiumicino (57,2%), Pietro Tidei a Santa Marinella (57,2&), Orlando Pocci a Velletri (55%).

Diversa la situazione a Viterbo, dove il candidato sindaco di centrodestra Giovanni Arena ha ottenuto il 51,1% dei voti. Vittoria del centrodestra anche ad Anagni per il candidato Daniele Natalia (55,14%) al ballottaggio contro il candidato di Casapound, Daniele Tasca (44,86%).

Ad Aprilia, a capo di una coalizione di liste civiche, viene eletto sindaco Antonio Terra (52,71%) rispetto al candidato di una coalizione di liste civiche di centrodestra, Domenico Vulcano (47,29%). Sempre in provincia di Latina, a Formia, la candidata Paola Villa, con una lista civica di centrosinistra, passa con il 40,1% dei voti.

Nella Capitale, il candidato del centrosinistra, Giovanni Caudo, ha vinto il ballottaggio nel III Municipio contro l'altro candidato di centrodestra, il leghista Francesco Bova, con il 56,71% dei consensi.

Ambiente, Regione: primo passo nel percorso di riforma del sistema aree protette

E-mail Stampa PDF

E’ stata approvata dalla Giunta regionale del Lazio una importante delibera di semplificazione amministrativa, primo passo nel percorso di riforma delle aree protette, che individua gli enti gestori di aree naturali protette regionali come soggetti affidatari della gestione di Zone Speciali di Conservazione (ZSC).

Più del 23% del territorio regionale è, infatti, parte della rete ecologica europea, cosiddetta rete Natura 2000, composta da Zone di Protezione Speciale (ZPS) e da Zone Speciali di Conservazione (ZSC), che erano sinora gestite unicamente dalla Regione Lazio.

Con l’atto di Giunta, viene assegnata la gestione di 37 delle 163 ZSC (Zone Speciali di Conservazione) totali a enti pubblici come gli enti parco, dipendenti dalla Regione Lazio, che continua a mantenere le funzioni strategiche e di coordinamento.

Tali enti dovranno: attuare le misure di conservazione delle ZSC (Zone Speciali di Conservazione); gestire gli interventi per la conservazione all'interno delle ZSC (Zone Speciali di Conservazione); elaborare proposte di modifica delle misure di conservazione; adottare specifici provvedimenti e direttive per la migliore attuazione delle misure di conservazione deliberate dalla Giunta regionale; svolgere attività di vigilanza e attività di monitoraggio; adottare gli atti per la sottoscrizione delle misure di conservazione amministrative e contrattuali e le misure sito-specifiche per rendere il prelievo nell'ambiente naturale degli esemplari delle specie di fauna e flora selvatiche, nonché il loro sfruttamento, compatibile con il mantenimento delle suddette specie in uno stato di conservazione soddisfacente.

Uno degli effetti più evidenti della gestione coordinata in capo a un unico ente sarà una omogeneità e armonizzazione nella cura del territorio dell’area naturale protetta.

Senza tralasciare il grande valore aggiunto nel coinvolgere enti di prossimità, dotati dell’effettiva conoscenza del territorio, garantendo comunque il coordinamento dell’azione, attraverso il controllo della Regione Lazio e della sua struttura amministrativa.

Lo dichiara in una nota l’Assessorato Agricoltura, Promozione della Filiera e della Cultura del Cibo, Ambiente e Risorse Naturali della Regione Lazio.

Pag 10 di 78