Monday, Sep 24th

Last update11:36:35 AM GMT

Sei qui: News giurisprudenza

giurisprudenza

Contenziosi Stato-Regioni e ricorsi sul Titolo V

E-mail Stampa PDF

Mentre il numero dei ricorsi contro la Corte Costituzionale riporta un calo progressivo, stenta a calare quello dei ricorsi in materia di Titolo V. E' quanto emerge da un'analisi pubblicata questa mattina in un articolo de IlSole24Ore.

I ricorsi in materia di Titolo V dimostrano dal 2002 ad oggi un andamento altalenante - si precisa nell'articolo - con un picco negli anni dal 2010 al 2012 (in quest'ultimo anno si è raggiunta la cifra record di 193 cause), ma il contenzioso sulle competenze non accenna a diminuire. Il braccio di ferro tra Roma e la periferia non accenna a placarsi, come dimostrano i dati: solo durante lo scorso anno i ricorsi sul Titolo V sono stati 95.

"Ma il lavoro della Consulta per comporre i dissidi tra il Governo e le Regioni continua a mantenersi elevato - si legge nell'articolo in oggetto pubblicato questa mattina sulle pagine de IlSole24Ore - l'anno scorso sono state prodotte 106 tra sentenze e ordinanze, quante quelle dell'anno precedente e in linea con il 2014, quando furono 96."

E tra il 2010 e il 2013 c'è stato, poi, un momento in cui le performance della Corte erano ancora più alte con oltre 140 decisioni l'anno, tralasciando le 13 e le 52 sentenze del 2002 e 2003, anni a ridosso del debutto del nuovo Titolo V della Costituzione avvenuto nel 2001, il 2007, con 72 decisioni.

Sisma, Zingaretti visita cantieri macerie Amatrice

E-mail Stampa PDF

“Al termine delle commemorazioni in ricordo delle vittime del sisma del 24 agosto del 2016, il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha effettuato questa mattina un sopralluogo ad Amatrice per verificare lo stato dei lavori di rimozione delle macerie. A fronte di 50 milioni appaltati per la rimozione delle macerie ad oggi è stato rimosso il 60% del totale e si stima di concludere i lavori del suddetto appalto entro la fine dell'anno”.

Lo comunica in una nota la Regione Lazio.

Elezione Sindaco metropolitano, per la Corte Costituzionale la legge della Regione Siciliana è illegittima

E-mail Stampa PDF

La legge della Regione Siciliana 11 agosto 2017, n. 17, 'Disposizioni in materia di elezione diretta del Presidente del libero Consorzio comunale e del Consiglio comunale nonché del Sindaco metropolitano e del Consiglio metropolitano' è illegittima. Lo ha deciso la Corte Costituzionale con la sentenza n.168, in seguito al ricorso presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri, il quale ha impugnato i primi sette articoli della legge in questione.

Nella motivazione della Corte vengono illustrati tutti i punti della legge che violano gli articoli 3,5 e 117 della Costituzione, nonché la stessa legge 7 aprile 2014, n. 56, ovvero la cosiddetta "Legge Delrio". In primis, il procedimento elettorale a suffragio universale e diretto per il Presidente del libero Consorzio comunale, per il Sindaco metropolitano, per il Consiglio del libero Consorzio comunale e per il Consiglio metropolitano, in contrasto con la disciplina "armonizzante" inclusa nel "progetto di riforma avviato con la legge n.56 del 2014" spiega la Corte. Ma non solo, in contrasto con tale disciplina armonizzante sarebbe, sempre secondo la sentenza della Corte, anche la previsione di un'indennità di carica per il Presidente del libero Consorzio comunale e per il Sindaco metropolitano.

Diversamente, si spiega nella sentenza, "il sindaco metropolitano è di diritto il sindaco del comune capoluogo", "il consiglio metropolitano è eletto dai sindaci e dai consiglieri comunali" e il "presidente della provincia è eletto dai sindaci e dai consiglieri della provincia". Inoltre, "la Regione a statuto speciale, pur nel rispetto della sua autonomia, deve rispettare la "gratuità nell'esercizio delle funzioni, voluta dalla legge n. 56 del 2014" che costituisce un profilo conseguenziale del principio di elezione indiretta degli organi di vertice dei ridisegnati enti territoriali".

Tar Lazio, respinto ricorso Savarino su Anticorruzione

E-mail Stampa PDF

A seguito dell’udienza del 29 maggio scorso il Tar del Lazio ha respinto il ricorso avanzato dal Dott. Pompeo Savarino nei confronti della Regione Lazio. Il dott. Savarino, nominato responsabile dell’Anticorruzione dalla Regione Lazio, lamentava l’interruzione del rapporto professionale, chiedendo al Tribunale Amministrativo regionale di poter tornare a ricoprire l’incarico precedentemente assunto. Il Tar del Lazio ha rigettato la richiesta di sospensiva e ha rimesso la competenza al Giudice del Lavoro. La sentenza del Tar dimostra l’assoluta correttezza dell’azione della Regione Lazio in questa vicenda perché, a fronte della gravità delle lamentele del ricorrente, il giudice amministrativo non ha ritenuto di doverle considerare meritevoli.

Lo comunica in una nota la Regione Lazio.

Corte costituzionale, meno poteri a Regioni

E-mail Stampa PDF

In materia di autonomie regionali, la Corte costituzionale interviene con una sentenza (n. 68/2018) da cui ne deriva un lavoro  più rigido su lavori interni e cambi di destinazione.

La sentenza riguarda la legge umbra 1/2015, ma, tuttavia, non è da escludere che si possa estendere anche ad altre regioni. La legge regionale consentiva manutenzioni, restauri, ristrutturazioni. Ma la normativa statale di principio limita al 25% la possibilità di mutare la destinazione d'uso e prevede una convenzione sui prezzi di vendita. Con altra norma regionale si consentivano le opere interne alle unità immobiliari come attività libera, senza titolo.

Stando al parere della Corte costituzionale, questo contrasta con il Dpr 380/2001 perché nella normativa statale la Scia è sostituita dalla Cila.

Ancora più rigido è l'intervento sulle norme che consentivano alla giunta regionale di sottrarre tipologie di interventi all'applicazione della normativa antisismica e all'autorizzazione della stessa.

Pa e blocco attività imprenditoriale: chi paga i danni

E-mail Stampa PDF

Se la Pubblica amministrazione ostacola l'attività di un imprenditore ne paga i danni, ovvero le conseguenze. Lo fa sapere con una sentenza (1457 del 6 marzo 2018) il Consiglio di Stato.

La novità rilevante introdotta dalla sentenza riguarda il calcolo del risarcimento e, in particolare, il meccanismo adoperato per definirlo: i giudici quantificano gli utili perduti, senza il ricorso a consulenze esterne.

Nella causa i giudici hanno valutato le ipotesi in cui il ministero non avesse apposto ostacoli, giungendo al calcolo del tempo imprenditoriale perso: due anni, convertiti in utili non percepiti.

Pertanto, l'attività turistico balneare di un imprenditore di un Comune salentino che aveva investito risorse su circa 40 mila metri quadrati ristrutturando trulli e collocando opere accessorie a un'iniziativa balneare. Iniziativa bloccata per due volte dalla Soprintendenza per i beni archeologici e poi annullata due volte dal Tar locale.

La sentenza del Consiglio di Stato n. 1457 del 6 marzo 2018.


Dipendente pubblico e contratto a termine, come provare abuso

E-mail Stampa PDF

La sentenza della Corte Ue riguarda la controversia derivata dalla causa di una lavoratrice di un piccolo Comune, la quale aveva dichiarato di aver lavorato come dipendente con una serie consecutiva di contratti a termine.

Con la sentenza C-494/16, la Corte Ue chiarisce che gli Stati membri hanno un margine di discrezionalità nella scelta degli strumenti utilizzabili per contrastare l'abuso dei contratti a tempo.

Gli Stati membri, al fine di prevenire gli abusi derivanti da contratto di lavoro a tempo determinato dovranno prevedere l'introduzione di una o più misure relative a "ragioni obiettive per la giustificazione del rinnovo dei suddetti contratti o rapporti, la durata massima totale dei contratti o rapporti di lavoro a termine determinato successivi, il numero dei rinnovi dei suddetti contratti o rapporti. Ma prima di procedere gli Stati membri dovranno consultare le parti sociali a norma delle leggi, dei contratti collettivi e della prassi nazionali, e/o le parti sociali stesse.

Potranno, poi, considerare a quali condizioni i contratti di lavoro a termine determinato dovranno essere considerati 'successivi'; dovranno essere ritenuti contratti o rapporti a tempo indeterminato.

Aumento indennità sindaci e assessori, il parere della Corte

E-mail Stampa PDF

La Corte dei Conti, sezione Toscana, si è espressa in merito ad alcuni dettagli sull'aumento di indennità di funzione del sindaco e degli assessori, con la deliberazione n. 3/2018.

Secondo i magistrali contabili è ammessa la possibilità di aumentare le indennità di funzione del sindaco e degli assessori nella misura massima prevista nella tabella A, tenendo conto della riduzione imposta dalla finanziaria 2006. Ma, essendo la normativa finalizzata al contenimento della spesa pubblica, si devono rispettare i principi di sana gestione finanziaria. Pertanto, nelle decisioni relative ad ogni aumento di spesa è necessario valutare che le condizioni rispettino la normativa vigente. Inoltre, nel parere dei magistrati viene precisato che le fasi di certificazione «non devono, peraltro, limitarsi ad un mero riscontro di tipo contabile ma sono chiamati ad operare un ben più pregnante e rigoroso accertamento, in termini di effettività, circa la sussistenza degli anzidetti parametri non disgiunto da una complessiva valutazione, anche alla stregua di principi di sana gestione finanziaria, delle risultanze di bilancio»

Allegati:
Scarica questo file (Corte_indennità.pdf)Corte_indennità.pdf[ ]100 Kb

Comune di Sabaudia, la sentenza della Corte sulle dune

E-mail Stampa PDF

«Le variazioni alle circoscrizioni dei comuni possono incidere, per virtù propria, quali modi di acquisto di diritto pubblico, soltanto sulla proprietà dei beni demaniali spettanti ai comuni interessati al provvedimento, ma non anche sulla proprietà dei beni patrimoniali dei comuni stessi, nei cui riguardi il mutamento della titolarità può verificarsi soltanto in forza della sistemazione patrimoniale e del riparto delle attività e delle passività demandati all'autorità». Questa la spiegazione della Corte di Cassazione al ricorso proposto dal Comune di Sabaudia contro la decisione della Corte di appello di Roma del 2011.

Il contenzioso riguarda le ville 'vip' sulle dune di Sabaudia poste tra il lago di Paola e il mare. La sentenza del 2011 chiarì che il comune di Sabaudia non era mai diventato proprietario di immobili, poiché il Dl istitutivo del municipio distingueva tra "beni patrimoniali" e "demaniali" aggiungendo che «non si sarebbe fatto luogo a riparti o a conguagli fra i comuni interessati».

Di qui la sentenza della Corte di Cassazione, n. 2805 del 6 febbraio 2018, che dopo 56 anni dal primo atto di citazione, ha definitivamente sancito che il comune creato dal regime fascista con un Regio decreto del 1933 a seguito della bonifica delle paludi pontine da parte dell'Opera nazionale combattenti, non ha alcun diritto sulle famose dune. Una porzione di territorio originariamente rientrante nel municipio di Terracina che nel 1952 la cedette ad una srl che a sua volta alienò i terreni ai privati: si tratta dei fondi di Ponte e Pantanelli e dei tumeleti del lago salmastro.

Pag 1 di 34