Wednesday, Jun 23rd

Last update08:04:02 AM GMT

Sei qui: News giurisprudenza

giurisprudenza

Cassazione, nei comuni con meno di sette addetti non è attribuibile qualifica di coordinatore dei vigili

E-mail Stampa PDF

Nei piccoli Comuni, le funzioni di coordinamento e controllo in capo ai vigili non possono fare riferimento alle disposizioni della legge quadro, in quanto sono applicabili esclusivamente in caso di elevazione a corpo di polizia municipale. Ma, per questo caso, occorre l'appartenenza di almeno sette addetti e, conseguentemente, non può essere esercitata nessuna mansione superiore dal dipendente a cui è stato conferito l'incarico. Lo ha stabilito la Cassazione con l'ordinanza n. 16312/2019, relativamente al caso di un piccolo Comune con soli due addetti alla polizia locale. L'amministrazione aveva nominato uno dei due quale coordinatore, per poi affidare le funzioni al segretario comunale. Ne è seguito, da parte del dipendente estromesso dalle funzioni di coordinatore, un reclamo al giudice del lavoro e, dopo esiti negativi nei due gradi di giudizio, il ricorso in Cassazione.

A dire del ricorrente, una volta che l'ente ha previsto la figura apicale del coordinatore dei vigili urbani, non aveva alcun potere successivamente di privare il dipendente nominato della funzione di coordinamento ormai attribuitagli.

Nel contratto decentrato, inoltre, era stata riconosciuta un'indennità di specifiche responsabilità, al fine di compensare la maggiore professionalità richiesta per l'espletamento della funzione assegnata. La revoca dell'incarico, poi, avendo natura sanzionatoria, era da considerarsi nulla per violazione dello statuto dei lavoratori, avendo l'ente adottato il provvedimento senza l'obbligatorio esercizio del diritto di difesa da parte del dipendente. Il dipendente ha quindi chiesto alla Corte di cassazione la riparazione del danno subito per il demansionamento.

Confermando il rigetto del ricorso, la Corte di Cassazione ha chiarito che il provvedimento attuato dall'ente ha natura organizzativa e non sanzionatoria. Nello specifico, l'articolo 7 della legge 65/1986, che disciplina le condizioni per l'istituzione del corpo di polizia municipale, va applicato alle realtà territoriali più estese. Nei Comuni di piccole dimensioni è da escludere, infatti, per i Comuni di piccole dimensioni è da escludere che la norma sia suscettibile di interpretazione estensiva.

Inoltre, il contratto collettivo nazionale delle autonomie locali prevede che l'inquadramento nella categoria superiore possa essere disposta per gli addetti al coordinamento e controllo che, tuttavia, nei Comuni di piccole dimensioni non è attuabile.

 


Allegati:
Scarica questo file (Cass_16312.pdf)Cass_16312.pdf[ ]266 Kb

Corte dei Conti: tariffe scuolabus per garantire copertura integrale costi

E-mail Stampa PDF

Il servizio di trasporto scolastico rientrerebbe nella categoria dei servizi pubblici locali e non in quella di domanda individuale. Con la delibera n. 46/2019, la Corte dei Conti, sezione di controllo del Piemonte, ha escluso qualsiasi discrezionalità per l'azione amministrativa dell'ente che intenda agevolare la frequenza all'attività didattica da parte dell'utenza scolastica.

Il caso oggetto della sentenza riguardava l'esigenza di un comune che, al termine dei lavori di costruzione di un nuovo plesso scolastico, ha attivato in via sperimentale un servizio di trasporto scolastico che collegasse il centro abitato con il nuovo plesso.

Rivolgendosi alla Sezione, il sindaco ha domandato se fosse possibile organizzare  tale servizio, in riferimento alla clausola di invarianza finanziaria prevista dall'articolo 5, comma 2, del Dlgs 63/2017. Sulla base di tale decisione, i giudici hanno inquadrato il servizio scolastico come servizio pubblico a domanda individuale.

Secondo l'art. 117 del Tuel in tema di gestione dei servizi pubblici non lascia adito a dubbi in ordine alla necessità che le tariffe da approvarsi a cura dell'ente debbano «assicurare l'equilibrio economico-finanziario dell'investimento e della connessa gestione», tenuto conto di alcuni criteri. In primis, la corrispondenza tra costi e ricavi in modo da assicurare l'integrale copertura dei costi, ivi compresi gli oneri di ammortamento tecnico-finanziario; l'equilibrato rapporto tra i finanziamenti raccolti e il capitale investito; l'entità dei costi di gestione delle opere, tenendo conto anche degli investimenti e della qualità del servizio; l'adeguatezza della remunerazione del capitale investito, coerente con le prevalenti condizioni di mercato.

Allegati:
Scarica questo file (cdc46_2019.pdf)cdc46_2019.pdf[ ]66 Kb

Cassazione, danni provocati dal cartellone che vola sono a carico dei Comuni

E-mail Stampa PDF

L'ente proprietario di una strada è responsabile, secondo la delibera (n. 289/94) che richiama il regolamento di attuazione del Codice della strada, a vigilare sul corretto posizionamento e sullo stato di conservazione e buona manutenzione di cartelli, insegne di esercizio e altri mezzi pubblicitari.

Così la Cassazione ha accolto, con la sentenza n. 16295 depositata ieri, il ricorso di una donna che era stata colpita da un cartellone pubblicitario caduto a causa delle forti raffiche di vento mentre era in motorino. Secondo quanto avevano stabilito precedentemente il Tribunale e la Corte d'Appello, la responsabilità non poteva ricadere su Roma Capitale in quanto aveva dato in gestione il servizio e, pertanto, avrebbe dovuto rispondere dal danno la società che aveva ottenuto l'appalto.

Ma secondo la Cassazione, l'ente locale è responsabile dei danni cagionati nelle strade di sua competenza, salva dimostrazione del caso fortuito. Nel caso oggetto della sentenza, la raffica di vento non rappresenta un caso fortuito, oltretutto essendo già stata segnalata la precarietà del cartellone.

Allegati:
Scarica questo file (sentenza_cartelloni_pubbl..pdf)sentenza_cartelloni_pubbl..pdf[ ]379 Kb

Corte Costituzionale, illegittima la trasformazione delle indennità di dirigenza in assegno personale

E-mail Stampa PDF

In una recente sentenza la Corte Costituzionale dichiara costituzionalmente illegittime le disposizioni della legge della Provincia autonoma di Bolzano e della Regione Trentino Alto Adige che prevedevano la trasformazione delle indennità dei dirigenti in assegni personali pensionabili dopo la cessazione dell'incarico.

La Corte, con la sentenza n. 138 depositata il 6 giugno, ha precisato che la normativa censurata pone in essere una lesione diretta dei principi posti a tutela dell'equilibrio del bilancio e della copertura della spesa. E ha chiarito che l'avanzo di amministrazione non può essere equiparato a un utile di esercizio.

Consulta: incompatibilità tra avanzo di amministrazione e piano di riequilibrio finanziario pluriennale

E-mail Stampa PDF

“L’avanzo di amministrazione, in quanto risultato di amministrazione positivo, è unico e, quindi, è assolutamente incompatibile con un piano pluriennale di riequilibrio, che presuppone, al contrario, passività scaglionate nel tempo”.

È la decisione della Corte Costituzionale espressa con la sentenza n. 105 depositata il 2 maggio, con cui si dichiara inammissibile per difetto di rilevanza un caso emerso dalla sezione di controllo Regione siciliana della Corte dei Conti.

La contraddizione, secondo i giudici, sarebbe nell'articolo 5, comma 11 septies, della legge n. 244 del 2016, dove si prevede la facoltà di deliberare il nuovo piano di riequilibrio finanziario pluriennale degli enti locali che abbiano conseguito un miglioramento dell'avanzo di amministrazione.

Nella sentenza viene chiarito che l'avanzo di amministrazione non può essere confuso con il saldo attivo di cassa o con un risultato di esercizio annuale positivo.

La Corte ha deciso che non può essere configurata la compatibilità di un avanzo di amministrazione con un piano di riequilibrio finanziario pluriennale con richiamo alla trasparenza dei conti pubblici.

Autovelox, multa annullata senza verifiche periodiche di funzionalità

E-mail Stampa PDF

Con una sentenza del 18 aprile scorso, il Giudice di Pace di Vigevano ha annullato un verbale di accertamento di violazione di norme del codice della strada accogliendo quanto avanzato dal ricorrente relativamente alla mancanza delle verifiche periodiche di funzionalità del dispositivo autovelox.

Il riferimento da parte del Giudice di Pace va alla sentenza n. 113/2015 della Corte Costituzionale, stando alla quale il Decreto ministeriale pubblicato sulla G.U. n. 177 del 31.07.2017 stabiliva che gli autovelox fossero sottoposti a verifiche periodiche di funzionalità e taratura.

Nel caso oggetto della sentenza, l'organo accertatore non aveva effettuato le verifiche periodiche di funzionalità prima che il dispositivo fosse utilizzato per accertare violazioni delle norme del codice della strada.

Pertanto, il verbale è annullato dal Giudice di Pace e, con tale decisione, le verifiche periodiche di funzionalità diventato requisito essenziale per l'utilizzabilità del dispositivo autovelox.


Tar: spazi pubblici per propaganda elettorale solo se antifascisti

E-mail Stampa PDF

Per la concessione da parte dell'amministrazione comunale di spazi pubblici a privati per propaganda politica ed elettorale, il Tar Piemonte si è espresso con la sentenza n. 447 del 18 aprile 2019.

Il Tar ha stabilito che l'amministrazione comunale può richiedere, al fine di valutare la meritevolezza dell'interesse dedotto, una dichiarazione di impegno al rispetto dei valori costituzionali e, più nello specifico, di ripudio del fascismo e nazismo. Nella sentenza si ricorda che i valori dell'antifascismo e della Resistenza sono fondanti la Costituzione repubblicana del 1948. Il riferimento va anche alla XII disposizione transitoria e finale della Costituzione, che vieta la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista, sia nell’art. 1 della legge “Scelba” n. 645 del 20 giugno 1952.

I giudici amministrativi del Tar Piemonte spiegano, nella sentenza, che sussiste, quindi, un limite nella libertà di manifestazione del pensiero, di riunione e di associazione degli individui, che non possono esplicarsi in forme che denotino un concreto tentativo di raccogliere adesioni ad un progetto di ricostituzione del disciolto partito fascista.

Consiglio di Stato: chi si astiene da partecipare a selezione gare non può chiedere l'annullamento

E-mail Stampa PDF

Legittimazione al ricorso e controversie sulle gare d'appalto. Sul tema si è espresso il Consiglio di Stato, Sez. V, 18/3/2019 n. 1736.

Nella sentenza i giudici spiegano che, sulle controversie relative alle gare d'appalto, il ricorso è legato a una situazione meritevole di tutela ma strettamente legata alla partecipazione alla procedura. Di conseguenza, chi non abbia partecipato alla selezione non può chiederne l'annullamento.

Inoltre, una posizione non può derivare dall'essere stato affidatario del servizio in passato, in quanto tale posizione si estingue con l'estinguersi del contratto.

Scioglimento consiglio comunale, la sentenza del Tar

E-mail Stampa PDF

Quali sono i presupposti per lo scioglimento di un consiglio comunale? Il Tribunale amministrativo  per il Lazio, nella sentenza 3101/2019, fornisce un chiarimento su tali presupposti ex art. 143 TUEL.

I giudici del Tar chiariscono che lo scioglimento deve risultare quale rimedio di 'extrema ratio' per la salvaguardia dei beni primari della collettività nazionale a rischio compromissione dalla collusione tra amministratori locali e criminalità organizzata o dal condizionamento subito dagli amministratori. Le condizioni eccezionali sono menzionate nell'art. 143 del TUEL, e per cui secondo il legislatore va richiesto il ripristino delle condizioni di legalità, specifica che l'intervento venga posto in essere solo se l'influenza della criminalità organizzata sugli organi elettivi dell'amministrazione locale sia univocamente percepibile.

L'accertamento, che va effettuato ex art. 43 del dlgs 267/2000, deve far emergere l'esistenza di un modello di collegamento diretto o indiretto tra amministratori e criminalità organizzata di tipo mafioso.


Pag 2 di 36