Saturday, Oct 19th

Last update07:06:58 AM GMT

Sei qui: News giurisprudenza Tar Lecce, il sindaco non può imporre la recinzione del fondo

Tar Lecce, il sindaco non può imporre la recinzione del fondo

E-mail Stampa PDF
Scarica questo file (tar lecce n.986-2019.pdf)

L'ordinanza sindacale che impone al proprietario del fondo di recintare i suoi terreni è illegittima. Lo ha stabilito con la sentenza n. 986/2019 il Tar Lecce.

La sentenza riguarda il caso di un sindaco in provincia di Lecce che aveva ordinato ai proprietari di alcuni lotti di adottare misure antincendio e realizzare la recinzione dei fondi presenti nel territorio comunale. Ma i proprietari decidono di impugnare l'ordinanza nella parte in cui era stato prescritto di recintare i terreni, provvedendo invece a portare a termine altri lavori come la scerbatura e l'aratura. La norma alla quale si appellavano i proprietari è l'art. 841 c.c. che configura la chiusura del fondo come una facoltà del proprietario e non un obbligo.

La tesi dei ricorrenti è stata accolta dal Tar di Lecce, specificando che la chiusura del fondo non rientra nelle prescrizioni che il sindaco rivolge ai proprietari con le ordinanze ex art. ex articoli 192 Dlgs 152/2006, 50 e 54 Tuel.

Il Tar ha precisato, inoltre, che il potere di imporre la recinzione del fondo può esserci solo in situazioni particolari e in casi eccezionali, per i quali è richiesta una valutazione specifica dell'Amministrazione. Ma nella vicenda in oggetto il Collegio non ha riscontrato che il sindaco avesse il potere di prescrivere la recinzione ai proprietari.

Le ordinanze impugnate dai proprietari dei terreni sono state, quindi, annullate nella parte in cui veniva imposta la recinzione dei terreni.

Allegati:
tar lecce n.986-2019.pdf[ ]210 Kb