Wednesday, Aug 23rd

Last update08:49:23 AM GMT

Sei qui: News Legautonomie

Legautonomie

Salva la tua lingua locale, le iscrizioni entro il 15 settembre

E-mail Stampa PDF

Roma - C’è ancora un mese di tempo per partecipare alla quinta edizione del premio letterario nazionale "Salva la tua lingua locale" rivolto alle opere edite ed inedite in dialetto o lingua locale. Il termine per presentare la domanda di partecipazione scade il 15 settembre; per la categoria “Scuola”, invece, l’ultimo giorno utile è il 31 ottobre.

Sei, in totale, le categorie previste dal bando dedicato agli appassionati di dialetto e alle numerose forme espressive in cui viene ancora oggi utilizzato: poesia edita (libro di poesia edito a partire dal 1 gennaio 2015); prosa edita (storie, favole, racconti, dizionari, rappresentazioni teatrali) e libro di prosa edito a partire dal 1 gennaio 2015; poesia inedita; prosa inedita; musica e scuola. Da quest’anno le modalità di partecipazione sono ancora più semplici grazie alla scheda di adesione che può essere compilata direttamente dal sito www.unpli.info o collegandosi a www.legautonomielazio.it .

All’ultima edizione del premio hanno preso parte oltre 220 partecipanti con 550 elaborati, coinvolte anche 40 scuole e 800 studenti. Il Premio è promosso e realizzato dall’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia e Legautonomie Lazio, in collaborazione con il Centro di documentazione per la poesia dialettale “Vincenzo Scarpellino”, il Centro Internazionale Eugenio Montale e l’EIP – “Scuola Strumento di Pace”. Sin dalla prima edizione ha registrato la convinta adesione del Prof. Tullio De Mauro (Presidente onorario del Premio fino alla sua scomparsa) e di numerose altre personalità del mondo della cultura e dello spettacolo.

La Giuria del Premio Nazionale “Salva la tua lingua locale” è composta da: Giovanni Solimine (presidente onorario), Pietro Gibellini (presidente di Giuria), Franco Loi, Vincenzo Luciani, Luigi Manzi, Plinio Perilli, Giancarlo Schirru, Cosma Siani, Salvatore Trovato, Ugo Vignuzzi, Angelo Zito.

Gli elaborati dei vincitori e dei finalisti delle singole categorie vengono raccolti ogni anno in un’apposita antologia. Tratto caratteristico dell'iniziativa è la registrazione audio e l’archiviazione, a futura memoria, di tutti gli elaborati inediti presentati. I contributi audio entrano infatti a far parte dell’inventario “Memoria Immateriale" un canale che costituisce l’inventario on line delle tradizioni italiane: un prezioso archivio, unico nel suo genere, voluto ed implementato dall’Unione Nazionale delle Pro Loco, accredita dal 2012 presso l'UNESCO.

Il Premio ha ricevuto tra gli altri il patrocinio del Senato della Repubblica, della Camera dei Deputati, del Mibact e della Commissione nazionale UNESCO, dell’Assessorato alla Crescita culturale del Comune di Roma. Il Presidente della Repubblica ha invece conferito una medaglia celebrativa all'iniziativa.

Per maggiori informazioni: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Congresso Legautonomie Lazio, eletti i nuovi organismi dirigenti

E-mail Stampa PDF

In occasione del Congresso di Legautonomie Lazio che si è svolto in data 24 luglio 2017, i componenti dell'assemblea congressuale oltre ad aver riconfermato Bruno Manzi alla presidenza dell'Associazione  hanno eletto i nuovi organismi dirigenti.

Legautonomie Lazio, Manzi confermato Presidente

E-mail Stampa PDF

Roma, 25.07.2017.  Bruno Manzi è stato rieletto presidente di Legautonomie Lazio dall'assemblea congressuale dell'associazione di enti locali, che si è riunita nella sede centrale romana. Manzi, eletto per la prima volta alla presidenza di Legautonomie Lazio nel 2007, ha espresso soddisfazione per la conferma del suo incarico: «Ricevere la conferma di questa investitura mi rende orgoglioso - ha commentato Manzi - Sono onorato di rappresentare e dar voce ai sindaci e agli amministratori locali del Lazio e, insieme a loro, dar risposta alle domande che i cittadini pongono alle istituzioni loro più vicine, quelle istituzioni che costituiscono le fondamenta della costruzione democratica. Legautonomie Lazio - ha concluso Manzi - porterà avanti il proprio impegno nella realizzazione del progetto politico finalizzato alla costruzione di una Regione basata sulla centralità e il protagonismo delle Autonomie locali».

Salva la tua lingua locale 2017: da oggi le iscrizioni anche on-line

E-mail Stampa PDF

Premio letterario nazionale per le opere in dialetto o lingua locale

Da oggi è possibile partecipare al Premo Nazionale per le opere in dialetto e in lingua locale "Salva la tua lingua locale" indetto dall’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia e Legautonomie Lazio, in collaborazione con il Centro di documentazione per la poesia dialettale “Vincenzo Scarpellino”, il Centro Internazionale Eugenio Montale e l’EIP – “Scuola Strumento di Pace”, compilando il Form on-line.

Il Premio è aperto a tutti gli autori e si articola nelle seguenti sezioni tutte a tema libero in una delle lingue locali d’Italia:

SEZIONE A – Poesia Edita – Libro di poesia edito a partire dal 1 gennaio 2015

SEZIONE B – Prosa Edita (storie, favole, racconti, dizionari, rappresentazioni teatrali) – Libro di prosa edito a partire dal 1 gennaio 2015

SEZIONE C – Poesia Inedita

SEZIONE D – Prosa Inedita

SEZIONE MUSICA

MODALITA' DI PARTECIPAZIONE:

La SCHEDA DI ADESIONE per tutte le sezioni è disponibile cliccando qui di seguito (Scheda Adesione – SALVA LA TUA LINGUA LOCALE 2017) o richiedendola via email all’indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . L'iscrizione (per le sezioni A, B, C, D e Musica) può essere effettuata anche online tramite l'apposito formulario disponibile a fine pagina.

Per le sezioni A e B, ogni autore deve inviare n. 5 copie di un solo libro. Il plico postale dovrà essere inviato a: “UNPLI - PREMIO SALVA LA TUA LINGUA LOCALE – Piazza Flavio Biondo, 13 - 00153 ROMA”, entro il 15 settembre 2017.

Per la sezione C ogni autore può inviare fino a tre poesie inedite, con relativa traduzione in italiano, massimo 90 versi in totale. Ogni poesia dovrà essere inviata entro il 15 settembre 2017 all’indirizzo di posta Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. assieme alla specifica scheda di partecipazione allegata al Bando.
E’ obbligatoria la registrazione dei lavori inviati in file audio oppure audio-video.

Per la sezione D, si accettano storie, favole, racconti inediti di massimo 3600 battute (spazi bianchi inclusi), corredate di traduzione. Dovranno essere inviati entro il 15 settembre 2017 all’indirizzo di posta  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. assieme alla specifica scheda di partecipazione allegata al Bando.

E’ obbligatoria la registrazione dei lavori inviati in file audio oppure audio-video.
Gli elaborati di cui alle sezioni C e D dovranno essere inediti in volume e non premiati in altri concorsi letterari.

Ogni autore partecipando al Premio attesta che le opere sono inedite e non già premiate e sarà responsabile del contenuto dei materiali inviati. Gli elaborati non verranno restituiti.

La partecipazione è gratuita. Per l’iscrizione non si ammettono pseudonimi, nomi di fantasia o diversi dalla reale identità dell’autore pena l’invalidazione dell’iscrizione.

PREMI. Ai primi classificati delle 5 sezioni (A, B, C, D e MUSICA) presenti alla cerimonia di premiazione sarà consegnata una targa e sarà offerto un soggiorno gratuito per 2 giorni per 2 persone a Roma in occasione della premiazione. Sono previsti inoltre riconoscimenti e menzioni d’onore per le opere che la Giuria, a suo insidacabile giudizio, riterrà particolarmente meritevoli. Una targa sarà consegnata anche ai secondi e terzi classificati di ogni sezione e che saranno presenti alla cerimonia di premiazione.

PREMIAZIONE. I premi dovranno essere ritirati personalmente nel corso della Premiazione che avverrà a Roma in data che sarà comunicata in tempo utile a tutti i partecipanti. I risultati saranno resi noti per email a tutti i partecipanti, attraverso i social network, la stampa e sui siti internet www.unpli.info, www.legautonomielazio.it, www.poetidelparco.it, www.eipitalia.it.

La partecipazione al concorso implica la piena accettazione di questo regolamento e, per i vincitori ed i finalisti, la divulgazione del proprio nome, cognome e premio vinto su qualsiasi pubblicazione. L’organizzazione si riserva infatti la facoltà di pubblicare i lavori pervenuti per tutte le sezioni inserite in questo Bando. Gli autori, partecipanti alle sezioni C, D e MUSICA, per il fatto stesso di partecipare al premio, cedono il diritto di pubblicazione delle proprie opere, senza aver nulla a pretendere come diritto d’autore, all’interno della volume che sarà realizzato a cura del Premio e della propria registrazione audio sul canale YouTube “Memoria Immateriale” allo scopo di contribuire alla costituzione di un archivio nazionale dei dialetti e delle lingue locali sul web.

La proclamazione dei vincitori è prevista nel mese di dicembre 2017 a Roma.
Le opere saranno valutate a giudizio insindacabile e inappellabile della Giuria. Qualsiasi comunicazione o variazione ufficiale delle disposizioni del presente bando e l’eventuale variazione della data indicata per la premiazione saranno comunicate a tutti gli iscritti tramite i siti www.unpli.info, www.legautonomielazio.it, www.poetidelparco.it, www.eipitalia.it e la newsletter appositamente creata.

MUSICA – Il concorrente dovrà far pervenire il materiale audio relativo a: canti d’amore, di sdegno, di lontananza, di vendetta; serenate; ninna-nanne; scioglilingua; giochi fanciulleschi; canti politici, di lavoro e d’emigrazione; indovinelli; canti natalizi, pasquali; leggende di santi e diavoli; maldicenze paesane; indovinelli. I partecipanti dovranno inviare il materiale registrato su file oppure su CD, avvalendosi della sola voce o accompagnato da un qualsiasi strumento musicale. Assieme al file audio o CD dovranno inviare il testo in dialetto con traduzione in italiano, oltre ad una scheda con note storiche o informative sul testo inviato. La selezione sarà curata dal responsabile Toni Cosenza.

Il materiale dovrà essere inviato entro il 15 settembre 2017 all’indirizzo di posta Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. assieme alla specifica scheda di partecipazione allegata al Bando (Scheda Adesione – SALVA LA TUA LINGUA LOCALE 2017) oppure, in caso di invio su supporto CD/DVD, inviato all’indirizzo: “UNPLI - PREMIO SALVA LA TUA LINGUA LOCALE – Piazza Flavio Biondo, 13 - 00153 ROMA”.

SEZIONE SCUOLA

L’UNPLI e Legautonomie, in collaborazione con l’ONG Ecole Instrument de Paix Italia promuove la Sezione per le scuole del Concorso “Salva la tua lingua locale”.  Il concorso si propone di stimolare la creatività espressiva dei giovani e l’ inclusione sociale  nell’ età della formazione a tutti i livelli scolastici; possono partecipare gli studenti della scuola primaria e secondaria di I° e II° grado.

Il Concorso è aperto a nuove esperienze di dialogo con i lavori dei giovani reclusi, scuole in strutture ospedaliere, minori non accompagnati, giovani in aree a forte dispersione scolastica, per esprimere sentimenti, esperienze, vicende nel loro dialetto e lingua locale, in prosa o in poesia, presentati dalle scuole o da Associazioni sociali e culturali che operano a livello istituzionale. I primi tre classificati nelle Sezioni C-Poesia e D-Prosa saranno premiati con una targa e la pubblicazione dei lavori nel volume finale.

L’ E.I.P Italia, Ente riconosciuto dal MIUR per la formazione, ai sensi della D.M 170/2016 rilascerà agli studenti delle ultime due classi della Scuola Secondaria Superiore un attestato di credito formativo ai sensi del D.M n.49 del 24/2/2000 MIUR (valevole per l’ ammissione all’esame di maturità).

REGOLAMENTO

Ogni scuola può inviare fino a tre poesie di massimo 90 versi (con traduzione italiana) o lavoro in prosa (racconto, storia, favola, con relativa traduzione in italiano) di non più di due cartelle, selezionati  a cura della scuola stessa  tra i lavori degli studenti partecipanti. Lo scopo di questa iniziativa culturale, in attuazione della Convenzione UNESCO per la tutela del  patrimonio immateriale è di mantenere vivo l’ uso delle lingue locali che costituiscono la storia e l’ identità  di un popolo. Pertanto il coinvolgimento del territorio nel progetto costituirà un valore aggiunto ai lavori delle scuole, in collaborazione con la Pro loco locale.

I lavori dovranno essere inviati entro il 31 ottobre 2017 su supporto CD/DVD, con annessa copia cartacea dei testi, con facoltativa registrazione file audio, all’indirizzo Segreteria del Premio “Salva la tua lingua locale” Via Edoardo Maragliano, 26 – 00151 ROMA, compilando la scheda di partecipazione allegata al Bando, con lettera di trasmissione del Dirigente scolastico della scuola firmata e timbrata (Scheda Adesione – SCUOLA – SALVA LA TUA LINGUA LOCALE). Il lavoro  va inviato in lingua locale con la traduzione italiana seguendo le indicazioni inserite nel Bando.

Una Giuria di specialisti, coordinata dall’EIP Italia, valuterà gli elaborati e decreterà i vincitori e le eventuali Menzioni d’onore.

GIURIA SEZIONE SCUOLA: Elio Pecora Presidente, Anna Paola Tantucci Presidente E.I.P, Catia Fierli coordinatore, Teresa Lombardo, Loredana Mainiero, Luigi Matteo, Adele Terzano, Vincenzo Luciani, Nino Arrigo.


Per ulteriori informazioni: E.I.P Italia e mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - Tel 06/58332203 - Fax 06/5800561 - www.eipitalia.it

Per ogni ulteriore informazione sul Premio "Salva la tua lingua locale" contattatare Gabriele Desiderio (Segretario del Premio) all'indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Legautonomie Lazio e Leganet: l’accordo con SCAIS per impianti sportivi a norma

E-mail Stampa PDF

È stato siglato questa mattina, presso la sede di Legautonomie, il protocollo d’intesa fra Legautonomie Lazio, Leganet e SCAIS.

La firma del protocollo arriva a coronamento di un importante lavoro di partneriato con la realtà di SCAIS, società leader nell’ambito della consulenza e assistenza per l’impiantistica sportiva, una nuova opportunità dunque per gli associati Legauonomie/Leganet che vedranno ampliata l’offerta dei servizi erogati.

«Grazie a questo importante accordo, gli amministratori avranno la possibilità di realizzare strutture sportive in regola con le norme di sicurezza nazionali, in modo da poter garantire ai cittadini la funzionalità e la sicurezza, nonché la qualità degli impianti» ha commentato il Presidente di Legautonomie Lazio, Bruno Manzi.

A far eco alle parole di Bruno Manzi Alessandro Broccatelli, presidente di Leganet, società compartecipata di Legautonomie «Abbiamo tutti lavorato con estremo impegno per raggiungere questo risultato, la nostra società si pone l’obiettivo di ampliare sempre più il plafond di servizi per le amministrazioni locali. La firma del protocollo con SCAIS è solo l’ultima di una serie di attività che stiamo portando avanti con impegno e dedizione».

Durante l’atto di firma è stata presentata, in anteprima assoluta, il nuovo servizio online sulle Normative Federali contenente i regolamenti di tutte le Federazioni Sportive Nazionali del CONI e del CIP Comitato Italiano Paralimpico. Si tratta di un servizio gratuito che, tramite un sito on-line di facile accesso, consente agli utenti di avere disponibili tutti i regolamenti che consentiranno una corretta progettazione degli impianti sportivi. Impianti che, ad oggi, stando ai dati SCAIS, raggiungono il numero di 150 mila sull’intero territorio nazionale, in linea con gli standard europei, ma assolutamente obsoleti. Il 65% di questi ha più di 40 anni e oltre il 90% degli stessi è stato edificato più di vent’anni fa. Il 60% degli impianti sportivi italiani sono regolati da norme che risalgono alla seconda guerra mondiale, periodo in cui solo 1 donna ogni 4 uomini poteva praticare attività sportiva. A questo si aggiungono le problematiche relative ai finanziamenti, che negli anni hanno portato a una inevitabile conseguenza: le cosiddette cattedrali nel deserto.

Legautonomie Lazio e l'accordo con FUIS e UNPLI per la valorizzazione del patrimonio artistico e culturale

E-mail Stampa PDF

Iniziative volte alla promozione della scrittura e dei suoi autori ed anche dei libri e della letteratura. Questi gli obiettivi al centro del protocollo d’intesa siglato oggi dalla Fuis (Federazioni Unitaria Italiana Scrittori), dall’Unpli (Unione Nazionale Pro Loco d’Italia) e Legautonomie. L’accordo è stato sottoscritto nella sede della Fuis, a Roma, alla presenza dei presidenti delle tre associazioni.

“È con piacere che la Federazione Unitaria Italiana Scrittori sottoscrive un Protocollo di intesa con due validi soggetti, attenti alla politica culturale italiana e attivi sui territori del nostro Paese” afferma il presidente della Fuis, Natale Rossi. Sul tavolo una serie di iniziative e manifestazione artistiche e culturali, alcune organizzate secondo precisi filoni tematici.

“L'occasione del patrocinio morale concesso alla importante iniziativa "Salva la tua lingua locale" – prosegue Rossi - è il primo segno di una collaborazione da cui gli scrittori italiani potranno trarre il meglio, confidando nelle sinergie che si attiveranno sin da subito, a tutto vantaggio della comunità intellettuale, della società civile e del mondo dell'associazionismo”. Il presidente dell’Unione Nazionale delle Pro Loco, Antonino La Spina, sottolinea “l’importanza di un percorso di collaborazione nato al fianco del premio nazionale “Salva la tua lingua locale” e che prosegue con la rilevante intesa siglata con Fuis e Legautonomie Lazio, al fine di avviare azioni comuni per esaltare ancora di più il patrimonio artistico e culturale italiano”. Per il presidente di Legautonomie Lazio, Bruno Manzi, “la firma di questo accordo segna il punto di partenza per un impegno che punti alla valorizzazione del patrimonio artistico e culturale italiano, affinché si rafforzi il legame con la cultura dei nostri territori e anche le generazioni più giovani riscoprano l’importanza del patrimonio culturale immateriale”.

La FUIS Federazione Unitaria Italiana Scrittori è l’associazione di categoria degli scrittori italiani maggiormente rappresentativa, come certificato dal Ministero del Lavoro. La FUIS tutela, consiglia e promuove gli scrittori italiani di tutte le forme espressive dell’arte: dalla letteratura al teatro, dal cinema alle arti visive, dalla musica alla fotografia. Oltre a svolgere le attività di rappresentanza presso enti pubblici e privati, presso organismi nazionali ed internazionali, la FUIS svolge numerose attività di supporto alla vita professionale degli Autori: organizza festival, rassegne e presentazioni di opere dell’ingegno, corsi di formazione, convegni e giornate di studio, realizza indagini e ricerche, sostiene attività progettuali presentate dai propri soci e da enti che hanno sottoscritto con la FUIS protocolli di collaborazione.


Mobilità sostenibile, dagli obiettivi alle azioni

E-mail Stampa PDF

Si è svolto questa mattina il 2° Workshop con gli amministratori locali dedicato al tema della mobilità sostenibile. Nel corso dell'incontro sono stati chiariti i dettagli tecnici sui PUMS, quali strumenti di pianificazione del sistema della mobilità territoriale.

Obiettivo prioritario della mobilità sostenibile è soddisfare i bisogni della società, garantendo la possibilità di muoversi liberamente, comunicare, stabilire relazioni, commerciare. Bisogni che devono esser garantiti senza trascurare altri aspetti fondamentali per la società e il territorio, quali l'ecologia e i valori umani.

«È necessario, pertanto, adottare politiche per la realizzazione di un Piano di mobilità sostenibile per di soddisfare le esigenze di mobilità dei cittadini e delle imprese, al fine di migliorare la qualità della vita nei nostri centri urbani» ha sottolineato il Presidente di Leganet, Alessandro Broccatelli. Il nuovo approccio di pianificazione, come chiarito nel corso del dibattito, dovrà essere focalizzato sull'individuo valutando anche il coinvolgimento degli stakeholder.

Al dibattito hanno partecipato gli amministratori locali del Lazio, provenienti da Viterbo, Civitavecchia, Monterotondo e dal Frusinate.

A fornire agli amministratori il supporto tecnico per l'elaborazione e l'implementazione dei Piani Urbani per la Mobilità Sostenibile glì esperti di FIT Consulting, società leader nelle strategie per lo sviluppo, soluzioni a rete e mobilità sostenibile: Massimo Marciani e Luca Lucietti.

Tra gli altri, sono intervenuti Gabriele Astolfi e Andrea Scolastri.

Scarica le slide del Workshop.

Allegati:
Scarica questo file (Seminario_PUMS 24 05 2017.pdf)Seminario_PUMS 24 05 2017.pdf[ ]1942 Kb

Giovanni Solimine nuovo presidente onorario di 'Salva la tua lingua locale'

E-mail Stampa PDF

Torino 19 maggio – Giovanni Solimine è il nuovo presidente onorario del premio nazionale “Salva la tua lingua locale”. Docente universitario, direttore del Dipartimento di Scienze documentarie, linguistiche e filologiche dell’Università La Sapienza e presidente della Fondazione Bellonci, organizzatrice del Premio Strega, Solimine, 65 anni, ha accolto la proposta avanzata dall’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia e Legautonomie Lazio che promuovono il Premio in collaborazione con altre associazioni.

L’indicazione di Solimine è stata resa nota oggi nella conferenza stampa tenutasi nello stand della Fuis (Federazione Unitaria Scrittori Italiani) nell’ambito del “Salone del Libro” in svolgimento a Torino.

“La tutela e la valorizzazione dei dialetti e delle lingue locali – ha dichiarato il prof. Giovanni Solimine – è un’operazione culturale di grande rilievo. Infatti, come hanno ricordato Andrea Camilleri e Tullio De Mauro, dialogando qualche anno fa, il dialetto è la lingua degli affetti, il modo di esprimersi più autentico ed intimo, ma non è solo la lingua delle emozioni: i dialetti sono la linfa dell’albero della lingua”. Profonda soddisfazione è stata espressa dal presidente delle Pro Loco d’Italia, Antonino La Spina e del consiglio di Legautonomie, Bruno Manzi.

“Siamo lieti – hanno detto La Spina e Manzi – che il prof. Solimine abbia accolto la nostra proposta, avviandosi a proseguire il prezioso lavoro svolto da Tullio De Mauro”. La Spina ha proseguito sottolineando che “dialetti e lingue locali rappresentano il Dna che ci lega al nostro territorio, un patrimonio culturale che le Pro Loco tutelano e valorizzano con eventi ed iniziative”.

Oltre al premio “Salva la tua Lingua Locale” le Associazioni sono promotrici della “Giornata nazionale del dialetto”, che ricorre il 17 gennaio di ogni anno, e custodi del patrimonio culturale immateriale italiano anche attraverso il canale youtube “Memoria Immateriale” che con oltre 1300 video costituisce l’inventario on line delle tradizioni italiane. “I dialetti e le lingue locali – ha affermato il presidente del consiglio di Legautonomie, Bruno Manzi – rappresentano uno dei patrimoni culturali immateriali del nostro Paese assolutamente da tutelare, come continua a ricordarci l’UNESCO, a fronte del rischio estinzione di alcune lingue locali italiane”.

La conferenza è stata aperta dall’intervento introduttivo del presidente della Fuis (Federazione Unitaria Scrittori Italiani), Natale Rossi. “La Fuis – ha detto Rossi – è lieta di promuovere e ospitare nel proprio stand una manifestazione dedicata alle lingue locali che nel passato sono state forma espressiva prevalente della cultura del lavoro. Oggi tali espressioni linguistiche sono, anche per il valore letterario, forme di una cultura del quotidiano che va conservata e promossa”.

Il Premio letterario “Salva la tua lingua locale”, aperto a tutti gli autori in lingua locale e articolato in diverse sezioni in una delle lingue locali o dialetti d’Italia, è organizzato dall’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia e Legautonomie Lazio in collaborazione con il Centro di documentazione per la poesia dialettale “Vincenzo Scarpellino”, il Centro Internazionale Eugenio Montale e l’ong “EIP – Scuola Strumento di Pace” ( per la sezione scuola).

Si tratta di uno dei più importanti premi nazionali per le opere in dialetto o in lingua locale, giunto alla 5° edizione (il bando è scaricabile dai siti www.unpli.info e www.legautonomielazio.it). La partecipazione è gratuita; nelle edizioni che si sono susseguite in questi anni, hanno preso parte circa duemila autori.

I materiali audio e videoaudio dei partecipanti al premio sono stati pubblicati sul canale/inventario “Memoria Immateriale” di YouTube in un’apposita playlist che permette di ascoltare anche l’audio (caratteristica originale del Premio) dei componimenti inediti per la prosa e la poesia.

Video ed interviste saranno disponibili al seguente link https://www.dropbox.com/sh/kh2x9d53yt347zb/AABnjNujUyKN6eu86s7CrMoZa?dl=0

Presentazione del nuovo Presidente Onorario del Premio Salva la tua lingua locale

E-mail Stampa PDF

Comunicato stampa

ROMA – Venerdì 19 maggio si terrà la conferenza stampa di presentazione del nuovo presidente onorario del Premio nazionale “Salva la tua lingua locale”. L’incontro con i giornalisti si svolgerà nello stand della Fuis (Federazione Unitaria Italiana Scrittori) presso il “Salone Internazionale del libro” in corso a Torino, alle ore 15.30 (padiglione 3, stand T29).

L’evento sarà aperto dai saluti del presidente della Fuis, Natale Rossi; a seguire gli interventi del presidente dell’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia, Antonino La Spina, del presidente di Legautonomie Lazio, Bruno Manzi e del presidente della Fondazione Bellonci, Giovanni Solimine.

Il Premio letterario “Salva la tua lingua locale”, aperto a tutti gli autori in lingua locale e articolato in diverse sezioni in una delle lingue locali o dialetti d’Italia, è organizzato dall’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia e Legautonomie Lazio, in collaborazione con il Centro di documentazione per la poesia dialettale “Vincenzo Scarpellino”, il Centro Internazionale Eugenio Montale e l’ong “EIP – Scuola Strumento di Pace”, per la sezione scuole

Si tratta di uno dei più importanti premi nazionali per le opere in dialetto o in lingua locale, giunto alla 5° edizione. I materiali audio e videoaudio dei partecipanti al premio sono stati pubblicati sul canale/inventario “Memoria Immateriale” di YouTube, in un’apposita playlist che permette di ascoltare anche l’audio (caratteristica originale del Premio) dei componimenti inediti per la prosa e la poesia.

“Memoria Immateriale” è il canale youtube con oltre 1300 video e che costituisce l’inventario on line delle tradizioni italiane: un prezioso archivio, unico nel suo genere, voluto ed implementato dall’Unione Nazionale delle Pro Loco.

Pag 1 di 58