Tuesday, Dec 12th

Last update08:02:28 AM GMT

Sei qui: News Legautonomie

Legautonomie

Cultura, da opere quinta edizione "Salva la tua lingua locale" spaccato di storia e tradizioni

E-mail Stampa PDF

La cerimonia di premiazione si terrà il 14 dicembre nella sala della Protomoteca in Campidoglio a Roma. 600 gli elaborati pervenuti

I contributi audio entreranno a far parte dell’inventario “Memoria Immateriale”: il canale con oltre 1450 video e che costituisce l’inventario on line delle tradizioni italiane

ROMA - Il premio “Salva la tua lingua locale”, promosso dall’Unione Nazionale delle Pro Loco e Lega Autonomie Lazio, offre ancora una volta uno spaccato di storia e tradizioni di ciascun angolo d’Italia. La giuria ha completato l’enorme mole di lavoro indicando i finalisti delle cinque categorie: prosa edita ed inedita, poesia edita ed inedita e musica; sono oltre 600 gli elaborati pervenuti per la quinta edizione tra libri di poesia, prosa, dizionari, fumetti, poesie e racconti inediti e canzoni. Fra le opere premiate o alle quali è stata conferita una menzione speciale: i dizionari di alcuni dialetti ( con varianti su grammatica ed etimologia dei termini), una piccola enciclopedia dell’ “Antica Ascoli”, una toponomastica dialettale del “Rione Sassi di Matera” ed ancora una raccolta di “Proverbi e detti calabresi”. Riconoscimenti anche per composizioni musicali ispirate a drammatici fatti di cronaca, fra le quali segnaliamo la “Ninna Nanna del Caruso” che ricorda la tragedia della miniera di Gessolungo (in provincia di Caltanissetta) dove trovarono la morte 65 persone, dei quali 19 carusi (era il 12 novembre 1881). L’elenco dettaglio dei vincitori e premiati delle singole categorie verrà ufficializzato durante la la cerimonia di premiazione che si svolgerà nella sala della Protomoteca in Campidoglio a Roma, il 14 dicembre a partire dalle ore 10. Il Premio “Salva la tua lingua locale” è organizzato dall’Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia e da Legautonomie Lazio, in collaborazione con il Centro Internazionale Eugenio Montale e l’Ong “Eip-Scuola Strumento di Pace. Come da tradizione, gli elaborati dei vincitori e dei finalisti delle singole categorie sono stati raccolti in un’antologia che sarà distribuita durante la cerimonia; inoltre è stata realizzata la registrazione audio e l’archiviazione, a futura memoria, di tutti gli elaborati inediti presentati. I contributi audio entreranno a far parte dell’inventario “Memoria Immateriale” il canale youtube con oltre 1450 video e che costituisce l’inventario on line delle tradizioni italiane: un prezioso archivio, unico nel suo genere, voluto ed implementato dall’Unione Nazionale delle Pro Loco. In questa edizione, a differenza delle precedenti, la cerimonia di premiazione della sezione Scuola si terrà in un momento diverso al fine di meglio valorizzare i lavori svogli dagli alunni: l’appuntamento è stato spostato a febbraio 2018, la data sarà comunicata a breve.

 

Assessment dei livelli di trasparenza: il Decreto Trasparenza nei rapporti tra cittadini e Pa

E-mail Stampa PDF

Il tema della Trasparenza assume sempre più un ruolo caratterizzante della qualità nella Pubblica Amministrazione. Dall’essere un adempimento di natura Amministrativa, investe con sempre maggior frequenza, sia gli altri ambiti della “Macchina Amministrativa” che il dibattito Politico.

E’ da questi presupposti che prende spunto l’iniziativa di Legautonomie e Leganet di dedicare una giornata di formazione al tema della Trasparenza. “Il nostro obiettivo, è quello di sostenere interamente le necessità degli Enti Locali, interpretando il tema della Trasparenza dall’essere un semplice adempimento, ad un’occasione di crescita della P.A. e nella qualità del rapporto con i Cittadini stessi”, spiega Alessandro Broccatelli, Presidente di Leganet, Società partecipata da Legautonomie.

Il Corso si terrà il prossimo 13 Dicembre, presso la Sede di Legautonomie in Via Degli Scialoja n. 3 Roma e vedrà in Cattedra per entrambi i moduli, il Dott. Michele Vianello, Digital Manager, Consulente di Pubbliche Amministrazioni, Associazioni di Categoria ed Imprese Private.

Allegati:
Scarica questo file (Programma_Assessment_13_dic.jpg)Programma_Assessment_13_dic.jpg[ ]166 Kb

Legautonomie Lazio, incontro su ferrovia Roma-Viterbo: "Fondamentali sinergie"

E-mail Stampa PDF

Pubblico interessato e partecipe ieri all’incontro promosso da Legautonomie Lazio sui lavori per il raddoppio della Ferrovia RM-VT nel tratto compreso tra Riano e Morlupo. La relazione illustrativa del Amministratore Unico di ASTRAL, Ing. Mallamo, ha chiarito dubbi e perplessità degli amministratori locali intervenuti insieme ai numerosi cittadini.

All'interno di un incontro pacato e serio, che ha sviluppato in maniera chiara e comprensibile la progettazione dei lavori che sono stati messi a gara dalla Regione Lazio (i cui termini scadranno il prossimo 2 gennaio, ndr) il Presidente dell'Associazione, Manzi, ha sottolineato come sia fondamentale creare una sinergia tra gli Enti. Infatti un aspetto fondamentale e non eludibile per un miglioramento della qualità della vita dei cittadini del territorio, dovrà anche essere legato al miglioramento della SS3 Flaminia. "La possibilità di fruire dei tracciati dismessi, come viabilità alternativa e complementare all'attuale, è una suggestione che come Associazione vorremmo dare, pur sapendo che dovranno essere le aziende partecipanti alla gara i soggetti promotori di migliorie infrastrutturali al progetto di ASTRAL", ha sottolineato nell'intervento introduttivo Bruno Manzi.

"L'hinterland a nord di Roma è cresciuto esponenzialmente e i servizi non sono corsi di pari passo con le infrastrutture, a partire da quelli della mobilità. Anche per questo il Governo sta investendo ingenti risorse. Purtroppo colmare i ritardi dei nostri territori non è semplice. L'intervento della Regione Lazio apre però uno spiraglio e dobbiamo essere tutti attori di questa svolta. Ricucire i territori, saldare le periferie ed agevolare il trasporto pubblico, deve essere una priorità nelle scelte della politica". Così Emiliano Minnucci, componente della Commissione Trasporti della Camera dei Deputati, nel suo intervento.

“Gli investimenti sulla tratta da parte della Regione Lazio – ha detto l’Assessore Civita – devono essere inquadrati in un complessivo quadro di armonizzazione del Trasporto Pubblico Locale che deve vedere i Comuni come protagonisti”. “Agli stessi è demandata la funzione di creare una rete territoriale tra loro, a cui la Regione Lazio esprimerà una premialità in trasferimenti”, ha concluso l’Assessore.

“Dopo anni di promesse, di studi, parole e articoli sui giornali, per il nostro territorio arriva una notizia straordinaria” il coro unanime e soddisfatto degli amministratori locali presenti tra cui i Sindaci di Magliano Romano, Ercole Turchi, e di Riano, Ermelindo Vetrani, nonchè l'ex Sindaco di Castelnuovo di Porto, Fabio Stefoni, che nel corso dei loro interventi, hanno ribadito l’importanza strategica dell'opera promossa dalla Regione Lazio che aprirà i suoi cantieri nel 2018.

"Un’occasione persa per chi non ha partecipato intenzionalmente ad un interessante confronto, utile per comprendere meglio come cambierà il nostro territorio nei prossimi anni" è quanto ha affermato Luca Abbruzzetti (Direttore Legautonomie Lazio, ndr) intervenendo nel congedare il pubblico presente.

Nota dolente invece i lavori che non iniziano nel tratto tra Montebello e Riano che vedono ATAC come committente e che purtroppo a causa della sua gravosa situazione finanziaria non si ha certezza di quando cominceranno, nonostante sia già stata individuata la ditta realizzatrice.

 

Scarica le slide esplicative del Progetto di ammodernamento e potenziamento della ferrovia ex concessa Roma-Viterbo nella tratta extraurbana Riano - Morlupo.

Allegati:
Scarica questo file (RianoMorlupo_slide.pdf)RianoMorlupo_slide.pdf[ ]2121 Kb

Riqualificazione Roma - Viterbo Facciamo il punto

E-mail Stampa PDF

Nei primi mesi del 2018 partiranno i lavori di ammodernamento e potenziamento di 5km della ferrovia Roma - Viterbo nelle tratte Riano - Morlupo e Montebello - Riano.

I lavori per adeguare una tratta ferroviaria strategica e sempre più frequentata per i collegamenti da e verso la Capitale sono attesi da anni dai pendolari che ogni giorno percorrono il tragitto che collega Roma alle zone urbane del quadrante nord della Capitale fino a Viterbo.

Il bando di gara da oltre 100 milioni che si chiuderà il 2 gennaio è stato promosso da Astral (Azienda Strade Lazio).

Il raddoppio rivede tutta la sede ferroviaria esistente realizzando rettifiche di tracciato con un aumento dei raggi di curvatura al di sopra dei 250 metri. Inoltre, è previsto il potenziamento degli impianti di trazione elettrica e la realizzazione dell'impianto di segnalamento e di controllo della circolazione ferroviaria. Le rettifiche di tracciato consentiranno una diminuzione della lunghezza dei binari da 7,213 km a 5,989 km e una diminuzione delle percorrenze da circa 17 minuti a circa 10 minuti.

Ne parleremo il 30 novembre a Morlupo con il Presidente di Legautonomie Lazio, Bruno Manzi, l'on. Emiliano Minnucci, deputato in Commissione Trasporti; il sindaco di Magliano Romano e componente della Direzione regionale di Legautonomie, Ercole Turchi; l'Amministratore Unico Astral, Antonio Mallamo; l'Assessore alle Politiche del Territorio e Mobilità della Regione Lazio, Michele Civita. L'incontro pubblico sarà moderato dal giornalista Daniele Macheda.


Legautonomie Lazio riorganizza la Presidenza con i coordinamenti provinciali

E-mail Stampa PDF

Legautonomie Lazio riorganizza la sua Presidenza con la nomina di due nuovi componenti e la designazione dei responsabili dei coordinamenti provinciali di Frosinone, Viterbo e Rieti.

Nel gruppo di Presidenza dell’Associazione regionale di Enti locali rientra la Vice Presidente, Cristina Maltese, e Giuseppe Pungitore, Presidente di Confservizi Lazio.

Nel corso dell’ultima riunione di Direzione, il Presidente di Legautonomie Lazio, Bruno Manzi, ha comunicato la decisione di “realizzare articolazioni territoriali dell’Associazione con l’obiettivo di essere sempre più vicini agli enti associati e garantirne la presenza e il supporto sul territorio. I Comuni avranno, così, anche il supporto dei coordinatori provinciali, veri e propri punti di riferimento sul territorio ”.

Il coordinamento dell’area della provincia di Rieti è affidata al Sindaco di Ascrea, Dante D’Angeli, mentre per la provincia di Frosinone sarà responsabile il sindaco di Serrone, Natale Nucheli. Per quanto riguarda, invece, i Comuni associati della provincia di Viterbo, punto di riferimento è indicato nella persona dell’Assessore del Comune di Viterbo, Sonia Perà.

XV Premio Michele Mazzella, per una drammaturgia giovane

E-mail Stampa PDF

Al via la premiazione di vincitori e finalisti della XV edizione del 'Premio Michele Mazzella - per una drammaturgia giovane', lunedì 13 novembre, ore 17.45, presso il teatro Quirino 'Vittorio Gassman'.

Il Concorso Nazionale di Drammaturgia, riservato agli alunni delle Scuole Secondarie di 1° e 2° grado, è intitolato a un giovane che ha dedicato la sua vita al Teatro: scomparso all'età di 26 anni in un incidente stradale, Michele Mazzella è stato attore, regista, scenografo, nonché 'organizzatore teatrale'.

I vincitori saranno premiati dalla Giuria presieduta da Guido Mazzella e composta da: Virginio Gazzolo, Paolo Manganiello, Magda Mercatali, Mariano Rigillo, Annateresa Rossini, Antonio Salines.

Legautonomie Lazio ha concesso il proprio patrocinio a supporto di un'iniziativa di grande valore culturale, artistico e umano, quale il Premio Michele Mazzella.

Bandi in Comune, Legautonomie Lazio e l’Assessorato al Bilancio della Regione a supporto dei piccoli Comuni

E-mail Stampa PDF

 

COMUNICATO STAMPA

Roma, 27 ottobre 2017. In seguito all’accordo concluso tra Legautonomie Lazio e l’Assessorato al Bilancio della Regione Lazio, il servizio ‘Bandi in Comune’ potrà essere fornito a tutti i Comuni del Lazio che hanno meno di 5 mila abitanti. “Un’iniziativa importante per venire incontro, finalmente, ai piccoli Comuni che hanno la necessità di essere seguiti e supportati nelle fasi di progettazione di un bando. Legautonomie Lazio, con il supporto di Leganet, garantisce gli strumenti e il supporto necessari per far crescere i piccoli comuni anche nell’ambito della progettazione. E la collaborazione e il supporto dell’Assessorato al Bilancio della Regione Lazio in questa fase è di fondamentale importanza” spiega il Presidente di Legautonomie Lazio, Bruno Manzi.

Segnalazione e supporto mensile dei bandi rivolti agli Enti locali, uno screening dettagliato delle opportunità di finanziamento, pubblicazione di una scheda di pre-progettazione su ogni bando di potenziale interesse per gli Enti locali. Queste alcune delle attività a supporto degli Enti locali che Leganet, società di servizi di Legautonomie, mette a disposizione dei Comuni che scelgono di aderire al servizio “Bandi in Comune”. E non solo. Gli amministratori potranno partecipare a vere e proprie sessioni informative e formative realizzate ad hoc in base alle esigenze degli amministratori ed essere seguiti, quindi, nelle fasi di progettazione dei bandi.

“L’accordo tra l’Assessorato al Bilancio e Legautonomie Lazio, che ha permesso di estendere il servizio “Bandi in Comune” a tutti i piccoli Comuni del Lazio, è un esempio positivo di collaborazione tra l’amministrazione regionale e l’associazione delle autonomie locali che ha delle ricadute pratiche importanti” ha dichiarato l’Assessore Politiche del Bilancio, Patrimonio e Demanio della Regione Lazio, Alessandra Sartore. “Il servizio” continua l’Assessore “consente di aiutare i Comuni sotto i 5mila abitanti a cogliere le opportunità di finanziamento offerte dai bandi regionali, nazionali ed europei. E’ quindi uno strumento utile che semplifica l’accesso ai bandi e la loro compilazione”

La cooperazione internazionale nei territori: il ruolo dei Comuni nei partenariati territoriali

E-mail Stampa PDF

Con la riforma della Cooperazione italiana allo sviluppo (legge 125/2014) e l'adozione dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, gli enti locali, le Regioni, il settore privato profit e no profit conoscono oggi nuovi spazi progettuali e di partenariato. La legge, infatti, incentiva nuove forme di co-sviluppo tra territori del nord e del sud, in cui le amministrazioni e i diversi attori locali assumono un ruolo centrale per lo sviluppo umano sostenibile e nello sviluppo di una rete di sistema legata al territorio capace di creare le opportunità per fare cooperazione e costruire percorsi virtuosi di internazionalizzazione.

Questi i presupposti da cui partire per la costruzione di un dibattito con l'obiettivo di illustrare gli obiettivi, le priorità e gli strumenti che gli attori locali possono avviare nell'ambito delle novità legate alla cooperazione internazionale. Il Seminario, organizzato da Legautonomie, si terrà il 15 novembre, dalle ore 14.30 alle 18, presso il Centro Convegni Carte Geografiche, a Roma. Ad introdurre i lavori sarà Giulio Calvisi, Project Manager progetto MAC - Migrazioni Asilo Cooperazione; Oriano Giovanelli, Responsabile Welfare e Immigrazione Legautonomie.

Seguirà la sessione relativa alla nuova legge sulla cooperazione internazionale, dal titolo "La nuova legge sulla cooperazione internazionale: strumenti e opportunità di partenariato e co-sviluppo per gli Enti locali", con l'intervento di Nicola Manca, esperto Progetto MAC.

Il Sottosegretario al Ministero dell'Interno, Domenico Manzione, nel suo intervento illustrerà le "politiche di immigrazione e le politiche di cooperazione, le opportunità per i paesi di origine e per il nostro paese".

Nel corso del seminario si parlerà anche di politiche di rimpatrio volontario assistito e le azioni della cooperazione, con Salvatore Ippolito, già funzionario delle Nazioni Unite ed esperto Progetto MAC. Il Presidente della Fondazione di Sardegna, Antonello Cabras, proporrà un'analisi del ruolo delle Fondazioni bancarie nella nuova cooperazione: l'esperienza con i paesi del Maghreb delle Università di Sassari e Cagliari.

L'ultima parte del seminario riguarderà il ruolo delle Ong italiane nella cooperazione internazionale, con la Portavoce AOI, Silvia Stilli.

Concluderà i lavori il Presidente di Legautonomie, Marco Filippeschi.

E' previsto l'intervento del Vice Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Mario Giro.

 

Info e iscrizioni:

Segreteria Organizzativa Legautonomie tel. 06 6976601/fax n. 06 31072100/E-mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 

Allegati:
Scarica questo file (Programma_Seminario.pdf)Programma_Seminario.pdf[ ]456 Kb

Salva la tua lingua locale 2017: al via la valutazione delle opere in concorso

E-mail Stampa PDF

Roma, 18 ottobre 2017 – La giuria della V edizione del Premio nazionale “Salva la tua lingua locale”, concorso letterario nazionale per le opere in dialetto e in lingua locale, si è riunita presso la sede dell’Unpli (Unione Nazionale delle Pro Loco) ed ha iniziato la valutazione delle opere in concorso per le cinque sezioni: poesia edita e inedita, prosa edita e inedita e musica. Gli elaborati in gara sono 301, con un incremento del 36% rispetto alla precedente edizione, e provenienti in maggior numero dalle regioni: Puglia 40 partecipanti; Sicilia 38 ; Lazio 33 e Lombardia 28. La giuria è composta da esperti linguisti e ed è coordinata dal presidente onorario Giovanni Solimine e dal presidente Pietro Gibellini, entrambi docenti universitari.

Il concorso è organizzato dall’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia (Unpli) e Legautonomie Lazio, in collaborazione con il Centro di Documentazione per la poesia dialettale “Vincenzo Scarpellino”, il Centro Internazionale ‘Eugenio Montale’ e l’EIP – “Scuola Strumento di Pace”.

Vincitori e finalisti del Premio saranno proclamati il prossimo 14 dicembre in Campidoglio a Roma, presso la sala della Protomoteca.

C’è ancora tempo, invece, per gli studenti delle scuole primarie e secondarie di I° e II° grado che vorranno partecipare al concorso per la sezione scuola: le iscrizioni si chiudono il 31 ottobre.

Pag 1 di 59