Friday, Mar 22nd

Last update09:36:04 AM GMT

Sei qui: News Legautonomie

Legautonomie

Mit, emanato il bando rivolto ai Comuni per realizzazione semafori non vedenti

E-mail Stampa PDF

Emanato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti il Bando per il finanziamento a favore dei Comuni per la realizzazione di attraversamenti semaforizzati adeguati alle esigenze dei non vedenti.

Nel Bando, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 223 del 25.09.2018, prevede un importo complessivo di 595.106,00 euro da ripartire tra i "progetti ritenuti idonei e utilmente collocati in graduatoria ed entro i limiti massimi di finanziabilità previsti dal bando".

Potranno partecipare alla procedura selettiva i Comuni interessati che dovranno assicurare una quota di cofinanziamento almeno pari al 30% del valore degli interventi proposti.

La scadenza per la presentazione delle domande è fissata alle ore 12 del 31 ottobre 2018.

Legautonomie Lazio e Unitelma Sapienza rinnovano la convenzione: le agevolazioni per gli associati

E-mail Stampa PDF

Rinnovata la convenzione tra Legautonomie Lazio e 'Unitelma Sapienza' Università degli Studi di Roma. L'accordo siglato con l'università telematica prevede una serie di agevolazioni per gli associati a Legautonomie Lazio, ma non solo.

I destinatari della convenzione, ovvero tutti gli enti locali associati a Legautonomie Lazio, i dipendenti pubblici degli enti stessi e i cittadini residenti nei comuni del Lazio, potranno scegliere tra i corsi inclusi nel piano dell'Offerta formativa dell'Università Unitelma tra i corsi di laurea triennale, magistrale, diploma di specializzazione, dottorato di ricerca e master universitari di I e II livello. Tra questi, il corso di Laurea Triennale in Scienze dell'Amministrazione e della Sicurezza (L-16); la Laurea magistrale in Management delle Organizzazioni Pubbliche e Sanitarie (LM-63); Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza (LMG-01). Per l'area economica, l'offerta formativa prevede la Laurea Triennale in Scienze dell'Economia Aziendale (L-18); Laurea Magistrale in Economia, Management e Innovazione (LM-77).

Per l'area informatica, la Laurea Triennale in Informatica (L-13); Laurea Triennale in Scienze e Tecniche Psicologiche (L-24); Laurea Magistrale in Classical Archaeology (LM-2).

Due i Master che mirano alla specializzazione di professionisti nel settore del lavoro nella Pubblica Amministrazione: il Mater di II livello "La Riforma del Lavoro Pubblico" e il Master di I livello "Management e Funzioni di Coordinamento delle Professioni Sanitarie".

Scopri l'Offerta formativa di Unitelma


InvestEU: una nuova strategia per gli investimenti in Europa

E-mail Stampa PDF

Venerdì 5 ottobre Roberto Gualtieri sarà a Roma per presiedere i lavori di “InvestEU – Una nuova strategia per gli investimenti in Europa”.

L’incontro si terrà dalle 10,00 alle 13,30 presso la Sala Bandiere del Parlamento europeo – Ufficio per l’Italia (Via IV Novembre 149).

Sarà l’occasione per discutere la proposta di regolamento che istituisce il Programma InvestEU e raccogliere proposte e suggerimenti.

All’incontro interverranno diverse personalità del mondo economico e imprenditoriale.

Casa, Regione Lazio: consegnati 4 nuovi appartamenti Ater a Velletri

E-mail Stampa PDF

Questa mattina, alla presenza dell’assessore regionale all’Urbanistica e alle Politiche abitative, Massimiliano Valeriani, e del sindaco di Velletri, Orlando Pocci, sono stati consegnati 4 nuovi appartamenti Ater nel Comune di Velletri. L’intervento è stato realizzato attraverso la riqualificazione dei pilotis del comparto 5 di via Giuseppe Di Vittorio, con l’obiettivo di incrementare la disponibilità di alloggi sociali nel patrimonio abitativo Ater della provincia di Roma. Gli immobili sono stati ristrutturati con un investimento complessivo di quasi 229.000 euro e hanno una metratura intorno ai 45 mq.

Lo comunica in una nota la Regione Lazio.

Anci Lazio, Manzi: "Buon lavoro al neo presidente Nicola Marini"

E-mail Stampa PDF

"Buon lavoro al sindaco Nicola Marini per la sua elezione alla Presidenza di Anci Lazio, sicuro che la sua esperienza di amministratore e le sue qualità umane siano fondamentali per questo nuovo percorso". Con queste parole il Presidente di Legautonomie Lazio, Bruno Manzi, ha commentato l'elezione del nuovo sindaco alla guida dell'Associazione di Comuni del Lazio.

"Come già sperimentato nell’ambito del CAL - ha proseguito Manzi - auspico che la collaborazione e il lavoro sinergico per il bene delle Autonomie locali possa proseguire anche in futuro, con la stessa determinazione e passione nell'ascoltare e farsi portavoce di coloro che amministrano i territori".

Il neo presidente ANCI Lazio, eletto all'unanimità dai sindaci componenti l'Assemblea, succede a Fausto Servadio, e rimarrà in carica fino ad ottobre 2019, quando verranno rinnovati gli organi dell'Associazione.

Ovale lancia 'Marketing innovativo': opportunità per disoccupati

E-mail Stampa PDF

Al via il corso gratuito di 'Marketing Innovativo per l'e-commerce nel settore dell'agroalimentare e del biologico' attivato da Ovale srl, società di formazione accreditata presso la Regione Lazio.

L'obiettivo del corso è formare nuove figure professionali nel settore del marketing agroalimentare, con un approfondimento particolare alle tecniche di promozione tramite strumenti innovativi in ambito e-commerce e online marketing.

Il percorso formativo, rivolto a un massimo di 18 allievi in condizione di innocupazione e/o disoccupazione, avrà la durata di 640 ore di cui 260 ore di stage presso aziende del settore. A integrazione del percorso, verrà avviata un'iniziativa di startup finalizzata alla valorizzazione e promozione dei prodotti tipici locali sul web mediante la creazione di un portale specifico.

E' possibile iscriversi entro il 10 settembre 2018.

Per le iscrizioni e tutte le informazioni: OVALE srl, Via Flaminia n. 53 Roma. Telefono: 06/83529693 – 06/45435853

Email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Allegati:
Scarica questo file (Ovale_Marketing.pdf)Ovale_Marketing.pdf[ ]592 Kb

Salva la tua lingua locale 2018: il bando della VI edizione

E-mail Stampa PDF

Il Premio “Salva la tua lingua locale” è aperto a tutti gli autori e si articola nelle seguenti sezioni tutte a tema libero in uno dei dialetti o delle lingue locali d’Italia:

SEZIONE A – Poesia Edita – Libro di poesia edito a partire dal 1 gennaio 2016

SEZIONE B – Prosa Edita (storie, favole, racconti, dizionari, rappresentazioni teatrali)

SEZIONE C – Poesia Inedita

SEZIONE D – Prosa Inedita

SEZIONE MUSICA

SEZIONE SCUOLA

MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE

SEZIONI A – B – C – D

Per partecipare bisogna compilare l’apposito formulario ed in base alla sezione scelta allegare le informazioni e i materiali richiesti. La scheda di adesione per tutte le sezioni può essere scaricata (in allegato) o richiesta via email scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . Una volta compilata va rinviata all’indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , allegando i materiali inerenti la sezione o le sezioni per le quali si partecipa.

Per le sezioni A e B, ogni autore deve inviare n. 5 copie di un solo libro, una breve nota biografica ed eventualmente il pdf del libro con cui si partecipa. Il plico postale dovrà essere inviato a: “UNPLI – PREMIO SALVA LA TUA LINGUA LOCALE – Piazza Flavio Biondo, 13 – 00153 ROMA”, entro il 7 settembre 2018. Una copia di questi libri sarà conservata presso il “Fondo Salva la tua lingua locale”, a disposizione di studiosi e cultori della materia, presso la sede nazionale dell’UNPLI a Roma. Si consiglia di effettuare, contestualmente all’invio del materiale, la propria adesione tramite l’apposito formulario.

Per la sezione C ogni autore può inviare fino a tre poesie inedite, con relativa traduzione in italiano, massimo 90 versi in totale. Ogni poesia dovrà essere inviata entro il 7 settembre 2018 tramite l’apposito formulario o all’indirizzo di posta Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. assieme alla specifica scheda di partecipazione allegata al Bando. E’ obbligatoria la registrazione dei lavori inviati in file audio di qualsiasi formato.

Per la sezione D, si accettano storie, favole, racconti inediti di massimo 3600 battute (spazi bianchi inclusi), corredate di traduzione. Dovranno essere inviati entro il 7 settembre 2018 all’indirizzo di posta Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. assieme alla specifica scheda di partecipazione allegata al Bando. E’ obbligatoria la registrazione dei lavori inviati in file audio di qualsiasi formato.

Ogni autore partecipando al Premio attesta che le opere sono inedite e non già premiate e sarà responsabile del contenuto dei materiali inviati. Gli elaborati non verranno restituiti.

GIURIA. Prof. Giovanni Solimine (presidente onorario), Prof. Franco Brevini, Prof. Salvatore Trovato, Prof. Giancarlo Schirru, Prof. Davide Rampello, Plinio Perilli, Luigi Manzi, Angelo Zito.

SEZIONE MUSICA

Il concorrente dovrà far pervenire il materiale audio relativo alle due aree tematiche inserite nella sezione: a) Brani originali in dialetto o lingua locale; b) Canti popolari della tradizione (canti sacri dialettali dedicati a santi, santuari e sagre popolari). I partecipanti dovranno inviare il materiale registrato su file, avvalendosi della sola voce o accompagnato da un qualsiasi strumento musicale. Assieme al file audio dovranno inviare il testo in dialetto con traduzione in italiano, oltre ad una scheda con note sul testo inviato. La selezione sarà curata dalla Giuria della Sezione Musica, composta da: Toni Cosenza (Presidente), Andrea Carpi, Alessandro De Gerardis, Rosario Di Bella, Sonia Meurer, Matteo Persica, Paolo Portone, Elisa Tonelli, Tonino Tosto, Pasquale Menchise. Il materiale dovrà essere inviato entro il 7 settembre 2018 all’indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. assieme alla specifica scheda di partecipazione allegata al Bando oppure, in caso di invio su supporto CD/DVD, inviato all’indirizzo: “UNPLI – PREMIO SALVA LA TUA LINGUA LOCALE – Piazza Flavio Biondo, 13 – 00153 ROMA”.

La partecipazione è gratuita. Per l’iscrizione non si ammettono pseudonimi, nomi di fantasia o diversi dalla reale identità dell’autore pena l’invalidazione dell’iscrizione.

PREMI. Al primo classificato della sezione A sarà consegnata una targa e un premio in denaro di mille euro (1.000,00). Ai primi classificati delle sezioni B, C, D e MUSICA (presenti alla cerimonia di premiazione) sarà consegnata una targa e sarà offerto un soggiorno gratuito, 2 giorni per 2 persone, a Roma in occasione della premiazione. Una targa sarà consegnata anche ai secondi e terzi classificati di ogni sezione che saranno presenti alla cerimonia di premiazione. Sono previsti inoltre riconoscimenti e menzioni d’onore per le opere che la Giuria, a suo insindacabile giudizio, riterrà particolarmente meritevoli.

PREMIAZIONE

I premi dovranno essere ritirati personalmente nel corso della premiazione che avverrà a Roma in data che sarà comunicata in tempo utile a tutti i partecipanti attraverso una comunicazione all’indirizzo di posta elettronica segnalato al momento dell’iscrizione al Premio. I risultati saranno resi noti per email a tutti i partecipanti, attraverso i social network, la stampa e sui siti internet: www.salvalatualingualocale.it – www.unpli.info – www.legautonomielazio.it – www.eipitalia.it. La partecipazione al concorso implica la piena accettazione di questo regolamento e, per i vincitori ed i finalisti, la divulgazione del proprio nome, cognome e premio vinto su qualsiasi pubblicazione. L’organizzazione si riserva inoltre la facoltà di pubblicare i lavori pervenuti per tutte le sezioni inserite in questo Bando. Gli autori, partecipanti alle sezioni C, D e MUSICA, per il fatto stesso di partecipare al premio, cedono il diritto di pubblicazione delle proprie opere, senza aver nulla a pretendere come diritto d’autore, all’interno della volume che sarà realizzato a cura del Premio e della propria registrazione audio sul canale YouTube “Memoria Immateriale” allo scopo di contribuire alla costituzione di un archivio nazionale dei dialetti e delle lingue locali sul web e alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica sull’importanza di tutelare i patrimoni orali costituiti dai dialetti e dalle lingue locali.

La proclamazione dei vincitori è prevista per il 14 dicembre a Roma presso la Sala della Protomoteca del Campidoglio.

Le opere saranno valutate a giudizio insindacabile e inappellabile della Giuria. Qualsiasi comunicazione o variazione ufficiale delle disposizioni del presente bando e l’eventuale variazione della data indicata per la premiazione saranno comunicate a tutti gli iscritti tramite i siti internet www.unpli.info, www.legautonomielazio.it, www.eipitalia.it e la newsletter appositamente creata. Per ogni ulteriore informazione sulle sezioni A, B, C, D e MUSICA, ed in generale sul Premio “Salva la tua lingua locale”, contattatare Gabriele Desiderio (Segretario del Premio): Tel. 06.5812946 – Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

SEZIONE SCUOLA

L’UNPLI, in collaborazione con l’ONG Ecole Instrument de Paix Italia promuove la Sezione per le scuole del Concorso “Salva la tua lingua locale”. L’idea che l’UNPLI ha concepito di valorizzare scrittori e poeti che si esprimono nelle loro lingue locali, in armonia con la Convenzione UNESCO sul patrimonio immateriale, è sicuramente vincente e, molto interessante, è la proposta di estendere il concorso al mondo della scuola per il sesto anno consecutivo, in collaborazione con l’Associazione E.I.P. Italia-Scuola Strumento di Pace e la LegaAutonomie Lazio.

Il concorso si propone di stimolare la creatività espressiva dei giovani nell’ età della formazione a tutti i livelli scolastici; possono partecipare gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado statali e paritarie.

Il Concorso è aperto a nuove esperienze di dialogo con i lavori dei giovani reclusi, scuole in strutture ospedaliere, minori non accompagnati, giovani in aree a forte dispersione scolastica, per esprimere sentimenti, esperienze, vicende nel loro dialetto e lingua locale, in prosa o in poesia, presentati dalle scuole o da Associazioni sociali e culturali che operano a livello istituzionale.

Sono previsti i seguenti Premi:

– I primi tre classificati nella Sezione Poesia

– I primi tre classificati nella Sezione Prosa

I vincitori saranno premiati con una targa e la pubblicazione dei lavori nel volume finale.

– I primi tre classificati nella Sezione Scuola “Testimoni del Genius loci” per i Presidenti delle Pro Loco che si sono distinti per la diffusione del Concorso e la collaborazione con le scuole del loro territorio (saranno selezionati dalla giuria in base alla documentazione allegata ai lavori pervenuti).

– I primi tre classificati nella Sezione Scuola di “Cultori dei dialetti e delle lingue locali” dell’Unpli e dell’E.I.P Italia che offrono la loro collaborazione alle scuole del territorio per i lavori e gli eventi per partecipare al Concorso (su segnalazione delle scuole e delle Pro Loco che presentano i lavori al concorso).

– I primi tre classificati nella Sezione Scuola Musica a composizioni musicali – testo e musica, (esecuzione in MP3, durata max 5 m.)

Sono attribuite Menzioni d’onore per le varie Sezioni ai lavori più meritevoli che non sono risultati tra i vincitori.

L’ E.I.P Italia, Ente riconosciuto dal MIUR per la formazione, ai sensi della D.M 170/2016 rilascerà agli studenti premiati delle ultime due classi della Scuola Secondaria Superiore un attestato di credito formativo ai sensi del D.M n.49 del 24/2/2000 MIUR (valevole per l’esame di maturità) e un credito professionale ai docenti coordinatori dei lavori premiati.

Regolamento

Ogni scuola può inviare fino a tre poesie di massimo 90 versi (con traduzione italiana) o lavoro in prosa (racconto, storia, favola, con relativa traduzione in italiano) di non più di due cartelle, selezionati a cura della scuola stessa tra i lavori degli studenti partecipanti. Lo scopo di questa iniziativa culturale è, in attuazione della Convenzione UNESCO per la tutela del patrimonio immateriale è di mantenere vivo l’uso delle lingue locali che costituiscono la storia e l’identità di un popolo, pertanto il coinvolgimento del territorio nel progetto costituirà un valore aggiunto ai lavori delle scuole, in collaborazione con la Pro Loco locale. I lavori dovranno essere inviati entro il 30 novembre 2018 attraverso l’apposito formulario online (vai al formulario Scuola), con facoltativa registrazione file audio, con lettera di trasmissione del Dirigente scolastico della scuola firmata e timbrata. Il lavoro va inviato in lingua locale con la traduzione italiana seguendo le indicazioni inserite nel Bando. E’ gradita ma non obbligatoria la registrazione audio dei lavori in lingua locale o dialetto in formato MP3.

Una Giuria di specialisti, coordinata dall’EIP Italia, valuterà gli elaborati e decreterà i vincitori e le eventuali Menzioni d’ onore.
GIURIA SEZIONE SCUOLA: Elio Pecora Presidente, Anna Paola Tantucci Presidente E.I.P., Catia Fierli coordinatore, Danilo Vicca, Teresa Lombardo, Loredana Mainiero, Luigi Matteo, Adele Terzano, Antonio Arrigo, Sara Matteo.

Cerimonia di Premiazione: Giornata della lingua madre, 21 febbraio 2019 dedicata alla Sezione Scuola presso la Sala della Protomoteca del Campidoglio – Roma

Per ulteriori informazioni: E.I.P Italia – email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. – 
Tel 06/58332203- Fax 06/5800561 sito www.eipitalia.it.

Salva la tua lingua locale 2018: il bando della VI edizione

E-mail Stampa PDF

Il Premio “Salva la tua lingua locale” è aperto a tutti gli autori e si articola nelle seguenti sezioni tutte a tema libero in uno dei dialetti o delle lingue locali d’Italia:

SEZIONE A – Poesia Edita – Libro di poesia edito a partire dal 1 gennaio 2016

SEZIONE B – Prosa Edita (storie, favole, racconti, dizionari, rappresentazioni teatrali)

SEZIONE C – Poesia Inedita

SEZIONE D – Prosa Inedita

SEZIONE MUSICA

SEZIONE SCUOLA

MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE

SEZIONI A – B – C – D

Per partecipare bisogna compilare l’apposito formulario ed in base alla sezione scelta allegare le informazioni e i materiali richiesti. La scheda di adesione per tutte le sezioni può essere scaricata (in allegato) o richiesta via email scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . Una volta compilata va rinviata all’indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , allegando i materiali inerenti la sezione o le sezioni per le quali si partecipa.

Per le sezioni A e B, ogni autore deve inviare n. 5 copie di un solo libro, una breve nota biografica ed eventualmente il pdf del libro con cui si partecipa. Il plico postale dovrà essere inviato a: “UNPLI – PREMIO SALVA LA TUA LINGUA LOCALE – Piazza Flavio Biondo, 13 – 00153 ROMA”, entro il 7 settembre 2018. Una copia di questi libri sarà conservata presso il “Fondo Salva la tua lingua locale”, a disposizione di studiosi e cultori della materia, presso la sede nazionale dell’UNPLI a Roma. Si consiglia di effettuare, contestualmente all’invio del materiale, la propria adesione tramite l’apposito formulario.

Per la sezione C ogni autore può inviare fino a tre poesie inedite, con relativa traduzione in italiano, massimo 90 versi in totale. Ogni poesia dovrà essere inviata entro il 7 settembre 2018 tramite l’apposito formulario o all’indirizzo di posta Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. assieme alla specifica scheda di partecipazione allegata al Bando. E’ obbligatoria la registrazione dei lavori inviati in file audio di qualsiasi formato.

Per la sezione D, si accettano storie, favole, racconti inediti di massimo 3600 battute (spazi bianchi inclusi), corredate di traduzione. Dovranno essere inviati entro il 7 settembre 2018 all’indirizzo di posta Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. assieme alla specifica scheda di partecipazione allegata al Bando. E’ obbligatoria la registrazione dei lavori inviati in file audio di qualsiasi formato.

Ogni autore partecipando al Premio attesta che le opere sono inedite e non già premiate e sarà responsabile del contenuto dei materiali inviati. Gli elaborati non verranno restituiti.

GIURIA. Prof. Giovanni Solimine (presidente onorario), Prof. Franco Brevini, Prof. Salvatore Trovato, Prof. Giancarlo Schirru, Prof. Davide Rampello, Plinio Perilli, Luigi Manzi, Angelo Zito.

SEZIONE MUSICA

Il concorrente dovrà far pervenire il materiale audio relativo alle due aree tematiche inserite nella sezione: a) Brani originali in dialetto o lingua locale; b) Canti popolari della tradizione (canti sacri dialettali dedicati a santi, santuari e sagre popolari). I partecipanti dovranno inviare il materiale registrato su file, avvalendosi della sola voce o accompagnato da un qualsiasi strumento musicale. Assieme al file audio dovranno inviare il testo in dialetto con traduzione in italiano, oltre ad una scheda con note sul testo inviato. La selezione sarà curata dalla Giuria della Sezione Musica, composta da: Toni Cosenza (Presidente), Andrea Carpi, Alessandro De Gerardis, Rosario Di Bella, Sonia Meurer, Matteo Persica, Paolo Portone, Elisa Tonelli, Tonino Tosto, Pasquale Menchise. Il materiale dovrà essere inviato entro il 7 settembre 2018 all’indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. assieme alla specifica scheda di partecipazione allegata al Bando oppure, in caso di invio su supporto CD/DVD, inviato all’indirizzo: “UNPLI – PREMIO SALVA LA TUA LINGUA LOCALE – Piazza Flavio Biondo, 13 – 00153 ROMA”.

La partecipazione è gratuita. Per l’iscrizione non si ammettono pseudonimi, nomi di fantasia o diversi dalla reale identità dell’autore pena l’invalidazione dell’iscrizione.

PREMI. Al primo classificato della sezione A sarà consegnata una targa e un premio in denaro di mille euro (1.000,00). Ai primi classificati delle sezioni B, C, D e MUSICA (presenti alla cerimonia di premiazione) sarà consegnata una targa e sarà offerto un soggiorno gratuito, 2 giorni per 2 persone, a Roma in occasione della premiazione. Una targa sarà consegnata anche ai secondi e terzi classificati di ogni sezione che saranno presenti alla cerimonia di premiazione. Sono previsti inoltre riconoscimenti e menzioni d’onore per le opere che la Giuria, a suo insindacabile giudizio, riterrà particolarmente meritevoli.

PREMIAZIONE

I premi dovranno essere ritirati personalmente nel corso della premiazione che avverrà a Roma in data che sarà comunicata in tempo utile a tutti i partecipanti attraverso una comunicazione all’indirizzo di posta elettronica segnalato al momento dell’iscrizione al Premio. I risultati saranno resi noti per email a tutti i partecipanti, attraverso i social network, la stampa e sui siti internet: www.salvalatualingualocale.it – www.unpli.info – www.legautonomielazio.it – www.eipitalia.it. La partecipazione al concorso implica la piena accettazione di questo regolamento e, per i vincitori ed i finalisti, la divulgazione del proprio nome, cognome e premio vinto su qualsiasi pubblicazione. L’organizzazione si riserva inoltre la facoltà di pubblicare i lavori pervenuti per tutte le sezioni inserite in questo Bando. Gli autori, partecipanti alle sezioni C, D e MUSICA, per il fatto stesso di partecipare al premio, cedono il diritto di pubblicazione delle proprie opere, senza aver nulla a pretendere come diritto d’autore, all’interno della volume che sarà realizzato a cura del Premio e della propria registrazione audio sul canale YouTube “Memoria Immateriale” allo scopo di contribuire alla costituzione di un archivio nazionale dei dialetti e delle lingue locali sul web e alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica sull’importanza di tutelare i patrimoni orali costituiti dai dialetti e dalle lingue locali.

La proclamazione dei vincitori è prevista per il 14 dicembre a Roma presso la Sala della Protomoteca del Campidoglio.

Le opere saranno valutate a giudizio insindacabile e inappellabile della Giuria. Qualsiasi comunicazione o variazione ufficiale delle disposizioni del presente bando e l’eventuale variazione della data indicata per la premiazione saranno comunicate a tutti gli iscritti tramite i siti internet www.unpli.info, www.legautonomielazio.it, www.eipitalia.it e la newsletter appositamente creata. Per ogni ulteriore informazione sulle sezioni A, B, C, D e MUSICA, ed in generale sul Premio “Salva la tua lingua locale”, contattatare Gabriele Desiderio (Segretario del Premio): Tel. 06.5812946 – Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

SEZIONE SCUOLA

L’UNPLI, in collaborazione con l’ONG Ecole Instrument de Paix Italia promuove la Sezione per le scuole del Concorso “Salva la tua lingua locale”. L’idea che l’UNPLI ha concepito di valorizzare scrittori e poeti che si esprimono nelle loro lingue locali, in armonia con la Convenzione UNESCO sul patrimonio immateriale, è sicuramente vincente e, molto interessante, è la proposta di estendere il concorso al mondo della scuola per il sesto anno consecutivo, in collaborazione con l’Associazione E.I.P. Italia-Scuola Strumento di Pace e la LegaAutonomie Lazio.

Il concorso si propone di stimolare la creatività espressiva dei giovani nell’ età della formazione a tutti i livelli scolastici; possono partecipare gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado statali e paritarie.

Il Concorso è aperto a nuove esperienze di dialogo con i lavori dei giovani reclusi, scuole in strutture ospedaliere, minori non accompagnati, giovani in aree a forte dispersione scolastica, per esprimere sentimenti, esperienze, vicende nel loro dialetto e lingua locale, in prosa o in poesia, presentati dalle scuole o da Associazioni sociali e culturali che operano a livello istituzionale.

Sono previsti i seguenti Premi:

– I primi tre classificati nella Sezione Poesia

– I primi tre classificati nella Sezione Prosa

I vincitori saranno premiati con una targa e la pubblicazione dei lavori nel volume finale.

– I primi tre classificati nella Sezione Scuola “Testimoni del Genius loci” per i Presidenti delle Pro Loco che si sono distinti per la diffusione del Concorso e la collaborazione con le scuole del loro territorio (saranno selezionati dalla giuria in base alla documentazione allegata ai lavori pervenuti).

– I primi tre classificati nella Sezione Scuola di “Cultori dei dialetti e delle lingue locali” dell’Unpli e dell’E.I.P Italia che offrono la loro collaborazione alle scuole del territorio per i lavori e gli eventi per partecipare al Concorso (su segnalazione delle scuole e delle Pro Loco che presentano i lavori al concorso).

– I primi tre classificati nella Sezione Scuola Musica a composizioni musicali – testo e musica, (esecuzione in MP3, durata max 5 m.)

Sono attribuite Menzioni d’onore per le varie Sezioni ai lavori più meritevoli che non sono risultati tra i vincitori.

L’ E.I.P Italia, Ente riconosciuto dal MIUR per la formazione, ai sensi della D.M 170/2016 rilascerà agli studenti premiati delle ultime due classi della Scuola Secondaria Superiore un attestato di credito formativo ai sensi del D.M n.49 del 24/2/2000 MIUR (valevole per l’esame di maturità) e un credito professionale ai docenti coordinatori dei lavori premiati.

Regolamento

Ogni scuola può inviare fino a tre poesie di massimo 90 versi (con traduzione italiana) o lavoro in prosa (racconto, storia, favola, con relativa traduzione in italiano) di non più di due cartelle, selezionati a cura della scuola stessa tra i lavori degli studenti partecipanti. Lo scopo di questa iniziativa culturale è, in attuazione della Convenzione UNESCO per la tutela del patrimonio immateriale è di mantenere vivo l’uso delle lingue locali che costituiscono la storia e l’identità di un popolo, pertanto il coinvolgimento del territorio nel progetto costituirà un valore aggiunto ai lavori delle scuole, in collaborazione con la Pro Loco locale. I lavori dovranno essere inviati entro il 30 novembre 2018 attraverso l’apposito formulario online (vai al formulario Scuola), con facoltativa registrazione file audio, con lettera di trasmissione del Dirigente scolastico della scuola firmata e timbrata. Il lavoro va inviato in lingua locale con la traduzione italiana seguendo le indicazioni inserite nel Bando. E’ gradita ma non obbligatoria la registrazione audio dei lavori in lingua locale o dialetto in formato MP3.

Una Giuria di specialisti, coordinata dall’EIP Italia, valuterà gli elaborati e decreterà i vincitori e le eventuali Menzioni d’ onore.
GIURIA SEZIONE SCUOLA: Elio Pecora Presidente, Anna Paola Tantucci Presidente E.I.P., Catia Fierli coordinatore, Danilo Vicca, Teresa Lombardo, Loredana Mainiero, Luigi Matteo, Adele Terzano, Antonio Arrigo, Sara Matteo.

Cerimonia di Premiazione: Giornata della lingua madre, 21 febbraio 2019 dedicata alla Sezione Scuola presso la Sala della Protomoteca del Campidoglio – Roma

Per ulteriori informazioni: E.I.P Italia – email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. – 
Tel 06/58332203- Fax 06/5800561 sito www.eipitalia.it.

A Rieti la seconda tappa del tour "Lazio, la regione delle meraviglie"

E-mail Stampa PDF

Ha fatto tappa presso il Palazzo Vescovile di Rieti, il secondo appuntamento del tour “Lazio, la Regione delle Meraviglie”, gli Stati Generali del Turismo avviati dalla Regione Lazio per condividere con i principali attori che operano nei territori e con gli esperti di settore delle cinque province del Lazio le scelte strategiche che saranno alla base del nuovo Piano Strategico del Turismo 2018 – 2020. Presenti, oltre al presidente della provincia di Rieti Giuseppe Rinaldi, il Vescovo di Rieti Monsignor Domenico Pompili e il vicesindaco di Rieti Daniele Sinibaldi.

“Con questo secondo incontro – ha dichiarato Lorenza Bonaccorsi, assessore regionale al Turismo e alle Pari Opportunità – prosegue il percorso della Regione per la costruzione di un nuovo modello di sviluppo del turismo. Il nostro obiettivo è far crescere un’economia all’insegna della sostenibilità, dell’innovazione e dell’accoglienza per attivare con il contributo delle comunità locali, molteplici esperienze di valenza turistica strettamente legate alle vocazioni del territorio: dal turismo all’aria aperta, a quello sportivo, religioso, culturale e gastronomico”.

Otto tavoli di lavoro hanno coinvolto tutti gli attori della provincia reatina per un confronto sulle questioni più urgenti, come per esempio l’ampliamento dell’offerta ricettiva, un settore dagli ampi margini di crescita che registra la presenza di 52 strutture alberghiere che incidono oggi appena del 2,4% sul dato complessivo regionale. A questo si sono aggiunti altri grandi temi e proposte di soluzione, dal miglioramento della qualità dell’accoglienza, all’analisi delle criticità della mobilità, delle infrastrutture e della manutenzione del paesaggio. Particolare attenzione è stata data al rilancio turistico e alla promozione dell’area compresa nei territori colpiti dal sisma.

“Su questo fronte – ha spiegato l’assessore - prosegue l’impegno della Regione attraverso molteplici azioni di sostegno per favorire l’animazione e accompagnare la ripresa anche attraverso attività condivise con le altre regioni limitrofe. Particolare importanza per la rinascita di queste aree è il recupero della capacità ricettiva”.

“La Provincia di Rieti – ha concluso l’assessore Bonaccorsi - è particolarmente ricca di siti culturali, ambientali e spirituali di valore universale e l’offerta turistica può e deve avere un ruolo centrale per la crescita economica. Qui ci sono paesaggi montani unici, borghi antichi, tra cui 5 inseriti nella lista dei Borghi più belli d’Italia, abbazie, santuari, cammini di fede, castelli medievali e una offerta gastronomica tipica e di qualità, nota e apprezzata anche a livello internazionale. Sono caratteristiche che impongono un nuovo approccio del turismo in chiave sostenibile capace di offrire ai visitatori un insieme di esperienze e di emozioni in grado di calarli a pieno nella vera anima di questi luoghi e dei suoi residenti. Allo stesso tempo, la sostenibilità dovrà essere il principio di uno sviluppo turistico economicamente e socialmente conveniente nei riguardi delle comunità locali”.

Questi i temi dei tavoli di lavoro: 1. Alla scoperta del Lazio tra montagna, sentieri e cammini; 2. Il turismo sportivo e il turismo religioso; 3. Il fascino dei luoghi, la storia del Lazio. Emozioni nel cuore d’Italia; 4. Sapori agresti e turismo rurale, il benessere nel Lazio; 5. Innovazione, start up, imprese e reti di comunicazione; 6. Il Lazio a misura d’uomo, infrastrutture e accessibilità; 7. Governance del turismo e semplificazione normativa; 8. Il turismo sostenibile.

Al termine del tour i risultati verranno raccolti in un documento di sintesi che sarà presentato nell’ambito di un incontro conclusivo in programma a Roma.

Pag 3 di 65