Saturday, Oct 20th

Last update08:13:31 AM GMT

Sei qui: News Legautonomie

Legautonomie

Legautonomie Lazio riorganizza la Presidenza con i coordinamenti provinciali

E-mail Stampa PDF

Legautonomie Lazio riorganizza la sua Presidenza con la nomina di due nuovi componenti e la designazione dei responsabili dei coordinamenti provinciali di Frosinone, Viterbo e Rieti.

Nel gruppo di Presidenza dell’Associazione regionale di Enti locali rientra la Vice Presidente, Cristina Maltese, e Giuseppe Pungitore, Presidente di Confservizi Lazio.

Nel corso dell’ultima riunione di Direzione, il Presidente di Legautonomie Lazio, Bruno Manzi, ha comunicato la decisione di “realizzare articolazioni territoriali dell’Associazione con l’obiettivo di essere sempre più vicini agli enti associati e garantirne la presenza e il supporto sul territorio. I Comuni avranno, così, anche il supporto dei coordinatori provinciali, veri e propri punti di riferimento sul territorio ”.

Il coordinamento dell’area della provincia di Rieti è affidata al Sindaco di Ascrea, Dante D’Angeli, mentre per la provincia di Frosinone sarà responsabile il sindaco di Serrone, Natale Nucheli. Per quanto riguarda, invece, i Comuni associati della provincia di Viterbo, punto di riferimento è indicato nella persona dell’Assessore del Comune di Viterbo, Sonia Perà.

XV Premio Michele Mazzella, per una drammaturgia giovane

E-mail Stampa PDF

Al via la premiazione di vincitori e finalisti della XV edizione del 'Premio Michele Mazzella - per una drammaturgia giovane', lunedì 13 novembre, ore 17.45, presso il teatro Quirino 'Vittorio Gassman'.

Il Concorso Nazionale di Drammaturgia, riservato agli alunni delle Scuole Secondarie di 1° e 2° grado, è intitolato a un giovane che ha dedicato la sua vita al Teatro: scomparso all'età di 26 anni in un incidente stradale, Michele Mazzella è stato attore, regista, scenografo, nonché 'organizzatore teatrale'.

I vincitori saranno premiati dalla Giuria presieduta da Guido Mazzella e composta da: Virginio Gazzolo, Paolo Manganiello, Magda Mercatali, Mariano Rigillo, Annateresa Rossini, Antonio Salines.

Legautonomie Lazio ha concesso il proprio patrocinio a supporto di un'iniziativa di grande valore culturale, artistico e umano, quale il Premio Michele Mazzella.

Bandi in Comune, Legautonomie Lazio e l’Assessorato al Bilancio della Regione a supporto dei piccoli Comuni

E-mail Stampa PDF

 

COMUNICATO STAMPA

Roma, 27 ottobre 2017. In seguito all’accordo concluso tra Legautonomie Lazio e l’Assessorato al Bilancio della Regione Lazio, il servizio ‘Bandi in Comune’ potrà essere fornito a tutti i Comuni del Lazio che hanno meno di 5 mila abitanti. “Un’iniziativa importante per venire incontro, finalmente, ai piccoli Comuni che hanno la necessità di essere seguiti e supportati nelle fasi di progettazione di un bando. Legautonomie Lazio, con il supporto di Leganet, garantisce gli strumenti e il supporto necessari per far crescere i piccoli comuni anche nell’ambito della progettazione. E la collaborazione e il supporto dell’Assessorato al Bilancio della Regione Lazio in questa fase è di fondamentale importanza” spiega il Presidente di Legautonomie Lazio, Bruno Manzi.

Segnalazione e supporto mensile dei bandi rivolti agli Enti locali, uno screening dettagliato delle opportunità di finanziamento, pubblicazione di una scheda di pre-progettazione su ogni bando di potenziale interesse per gli Enti locali. Queste alcune delle attività a supporto degli Enti locali che Leganet, società di servizi di Legautonomie, mette a disposizione dei Comuni che scelgono di aderire al servizio “Bandi in Comune”. E non solo. Gli amministratori potranno partecipare a vere e proprie sessioni informative e formative realizzate ad hoc in base alle esigenze degli amministratori ed essere seguiti, quindi, nelle fasi di progettazione dei bandi.

“L’accordo tra l’Assessorato al Bilancio e Legautonomie Lazio, che ha permesso di estendere il servizio “Bandi in Comune” a tutti i piccoli Comuni del Lazio, è un esempio positivo di collaborazione tra l’amministrazione regionale e l’associazione delle autonomie locali che ha delle ricadute pratiche importanti” ha dichiarato l’Assessore Politiche del Bilancio, Patrimonio e Demanio della Regione Lazio, Alessandra Sartore. “Il servizio” continua l’Assessore “consente di aiutare i Comuni sotto i 5mila abitanti a cogliere le opportunità di finanziamento offerte dai bandi regionali, nazionali ed europei. E’ quindi uno strumento utile che semplifica l’accesso ai bandi e la loro compilazione”

La cooperazione internazionale nei territori: il ruolo dei Comuni nei partenariati territoriali

E-mail Stampa PDF

Con la riforma della Cooperazione italiana allo sviluppo (legge 125/2014) e l'adozione dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, gli enti locali, le Regioni, il settore privato profit e no profit conoscono oggi nuovi spazi progettuali e di partenariato. La legge, infatti, incentiva nuove forme di co-sviluppo tra territori del nord e del sud, in cui le amministrazioni e i diversi attori locali assumono un ruolo centrale per lo sviluppo umano sostenibile e nello sviluppo di una rete di sistema legata al territorio capace di creare le opportunità per fare cooperazione e costruire percorsi virtuosi di internazionalizzazione.

Questi i presupposti da cui partire per la costruzione di un dibattito con l'obiettivo di illustrare gli obiettivi, le priorità e gli strumenti che gli attori locali possono avviare nell'ambito delle novità legate alla cooperazione internazionale. Il Seminario, organizzato da Legautonomie, si terrà il 15 novembre, dalle ore 14.30 alle 18, presso il Centro Convegni Carte Geografiche, a Roma. Ad introdurre i lavori sarà Giulio Calvisi, Project Manager progetto MAC - Migrazioni Asilo Cooperazione; Oriano Giovanelli, Responsabile Welfare e Immigrazione Legautonomie.

Seguirà la sessione relativa alla nuova legge sulla cooperazione internazionale, dal titolo "La nuova legge sulla cooperazione internazionale: strumenti e opportunità di partenariato e co-sviluppo per gli Enti locali", con l'intervento di Nicola Manca, esperto Progetto MAC.

Il Sottosegretario al Ministero dell'Interno, Domenico Manzione, nel suo intervento illustrerà le "politiche di immigrazione e le politiche di cooperazione, le opportunità per i paesi di origine e per il nostro paese".

Nel corso del seminario si parlerà anche di politiche di rimpatrio volontario assistito e le azioni della cooperazione, con Salvatore Ippolito, già funzionario delle Nazioni Unite ed esperto Progetto MAC. Il Presidente della Fondazione di Sardegna, Antonello Cabras, proporrà un'analisi del ruolo delle Fondazioni bancarie nella nuova cooperazione: l'esperienza con i paesi del Maghreb delle Università di Sassari e Cagliari.

L'ultima parte del seminario riguarderà il ruolo delle Ong italiane nella cooperazione internazionale, con la Portavoce AOI, Silvia Stilli.

Concluderà i lavori il Presidente di Legautonomie, Marco Filippeschi.

E' previsto l'intervento del Vice Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Mario Giro.

 

Info e iscrizioni:

Segreteria Organizzativa Legautonomie tel. 06 6976601/fax n. 06 31072100/E-mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 

Allegati:
Scarica questo file (Programma_Seminario.pdf)Programma_Seminario.pdf[ ]456 Kb

Salva la tua lingua locale 2017: al via la valutazione delle opere in concorso

E-mail Stampa PDF

Roma, 18 ottobre 2017 – La giuria della V edizione del Premio nazionale “Salva la tua lingua locale”, concorso letterario nazionale per le opere in dialetto e in lingua locale, si è riunita presso la sede dell’Unpli (Unione Nazionale delle Pro Loco) ed ha iniziato la valutazione delle opere in concorso per le cinque sezioni: poesia edita e inedita, prosa edita e inedita e musica. Gli elaborati in gara sono 301, con un incremento del 36% rispetto alla precedente edizione, e provenienti in maggior numero dalle regioni: Puglia 40 partecipanti; Sicilia 38 ; Lazio 33 e Lombardia 28. La giuria è composta da esperti linguisti e ed è coordinata dal presidente onorario Giovanni Solimine e dal presidente Pietro Gibellini, entrambi docenti universitari.

Il concorso è organizzato dall’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia (Unpli) e Legautonomie Lazio, in collaborazione con il Centro di Documentazione per la poesia dialettale “Vincenzo Scarpellino”, il Centro Internazionale ‘Eugenio Montale’ e l’EIP – “Scuola Strumento di Pace”.

Vincitori e finalisti del Premio saranno proclamati il prossimo 14 dicembre in Campidoglio a Roma, presso la sala della Protomoteca.

C’è ancora tempo, invece, per gli studenti delle scuole primarie e secondarie di I° e II° grado che vorranno partecipare al concorso per la sezione scuola: le iscrizioni si chiudono il 31 ottobre.

Crescita Digitale in Comune, gli enti locali e il Piano BUL

E-mail Stampa PDF

Crescita digitale in Comune è l'iniziativa di Legautonomie finalizzata ad ampliare la rete che mette insieme Comuni e territori per la realizzazione di programmi di crescita del Paese, tali da contribuire allo sviluppo del Piano BUL, nella interazione tra il MISE, i soggetti attuatori individuati dal MISE e i Comuni.

Il Ministero dello Sviluppo economico ha, infatti, individuato in Legautonomie il principale promotore del Piano Banda Ultra Larga del Governo (BUL) mediante la realizzazione di azioni integrate di informazione, formazione e comunicazione per il rafforzamento della capacità amministrativa e di sviluppo della domanda pubblica di servizi di connettività ultra veloce.

Al convegno del prossimo 22 settembre a Roma, presso la Sala del Tempio di Adriano, interverrà il Sottosegretario Antonello Giacomelli oltre ai rappresentanti degli enti locali e delle Regioni.

Per info contattare la segreteria organizzativa di Legautonomie – Tel.: 06 697 6601 Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

In allegato il Programma dei lavori con il link al modulo per l'iscrizione.

La partecipazione è gratuita.

Salva la tua lingua locale, le iscrizioni entro il 15 settembre

E-mail Stampa PDF

Roma - C’è ancora un mese di tempo per partecipare alla quinta edizione del premio letterario nazionale "Salva la tua lingua locale" rivolto alle opere edite ed inedite in dialetto o lingua locale. Il termine per presentare la domanda di partecipazione scade il 15 settembre; per la categoria “Scuola”, invece, l’ultimo giorno utile è il 31 ottobre.

Sei, in totale, le categorie previste dal bando dedicato agli appassionati di dialetto e alle numerose forme espressive in cui viene ancora oggi utilizzato: poesia edita (libro di poesia edito a partire dal 1 gennaio 2015); prosa edita (storie, favole, racconti, dizionari, rappresentazioni teatrali) e libro di prosa edito a partire dal 1 gennaio 2015; poesia inedita; prosa inedita; musica e scuola. Da quest’anno le modalità di partecipazione sono ancora più semplici grazie alla scheda di adesione che può essere compilata direttamente dal sito www.unpli.info o collegandosi a www.legautonomielazio.it .

All’ultima edizione del premio hanno preso parte oltre 220 partecipanti con 550 elaborati, coinvolte anche 40 scuole e 800 studenti. Il Premio è promosso e realizzato dall’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia e Legautonomie Lazio, in collaborazione con il Centro di documentazione per la poesia dialettale “Vincenzo Scarpellino”, il Centro Internazionale Eugenio Montale e l’EIP – “Scuola Strumento di Pace”. Sin dalla prima edizione ha registrato la convinta adesione del Prof. Tullio De Mauro (Presidente onorario del Premio fino alla sua scomparsa) e di numerose altre personalità del mondo della cultura e dello spettacolo.

La Giuria del Premio Nazionale “Salva la tua lingua locale” è composta da: Giovanni Solimine (presidente onorario), Pietro Gibellini (presidente di Giuria), Franco Loi, Vincenzo Luciani, Luigi Manzi, Plinio Perilli, Giancarlo Schirru, Cosma Siani, Salvatore Trovato, Ugo Vignuzzi, Angelo Zito.

Gli elaborati dei vincitori e dei finalisti delle singole categorie vengono raccolti ogni anno in un’apposita antologia. Tratto caratteristico dell'iniziativa è la registrazione audio e l’archiviazione, a futura memoria, di tutti gli elaborati inediti presentati. I contributi audio entrano infatti a far parte dell’inventario “Memoria Immateriale" un canale che costituisce l’inventario on line delle tradizioni italiane: un prezioso archivio, unico nel suo genere, voluto ed implementato dall’Unione Nazionale delle Pro Loco, accredita dal 2012 presso l'UNESCO.

Il Premio ha ricevuto tra gli altri il patrocinio del Senato della Repubblica, della Camera dei Deputati, del Mibact e della Commissione nazionale UNESCO, dell’Assessorato alla Crescita culturale del Comune di Roma. Il Presidente della Repubblica ha invece conferito una medaglia celebrativa all'iniziativa.

Per maggiori informazioni: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Congresso Legautonomie Lazio, eletti i nuovi organismi dirigenti

E-mail Stampa PDF

In occasione del Congresso di Legautonomie Lazio che si è svolto in data 24 luglio 2017, i componenti dell'assemblea congressuale oltre ad aver riconfermato Bruno Manzi alla presidenza dell'Associazione  hanno eletto i nuovi organismi dirigenti.

Legautonomie Lazio, Manzi confermato Presidente

E-mail Stampa PDF

Roma, 25.07.2017.  Bruno Manzi è stato rieletto presidente di Legautonomie Lazio dall'assemblea congressuale dell'associazione di enti locali, che si è riunita nella sede centrale romana. Manzi, eletto per la prima volta alla presidenza di Legautonomie Lazio nel 2007, ha espresso soddisfazione per la conferma del suo incarico: «Ricevere la conferma di questa investitura mi rende orgoglioso - ha commentato Manzi - Sono onorato di rappresentare e dar voce ai sindaci e agli amministratori locali del Lazio e, insieme a loro, dar risposta alle domande che i cittadini pongono alle istituzioni loro più vicine, quelle istituzioni che costituiscono le fondamenta della costruzione democratica. Legautonomie Lazio - ha concluso Manzi - porterà avanti il proprio impegno nella realizzazione del progetto politico finalizzato alla costruzione di una Regione basata sulla centralità e il protagonismo delle Autonomie locali».

Pag 5 di 63