Tuesday, Jul 23rd

Last update08:45:07 AM GMT

Sei qui: News Legautonomie

Legautonomie

Legautonomie Lazio e l'accordo con FUIS e UNPLI per la valorizzazione del patrimonio artistico e culturale

E-mail Stampa PDF

Iniziative volte alla promozione della scrittura e dei suoi autori ed anche dei libri e della letteratura. Questi gli obiettivi al centro del protocollo d’intesa siglato oggi dalla Fuis (Federazioni Unitaria Italiana Scrittori), dall’Unpli (Unione Nazionale Pro Loco d’Italia) e Legautonomie. L’accordo è stato sottoscritto nella sede della Fuis, a Roma, alla presenza dei presidenti delle tre associazioni.

“È con piacere che la Federazione Unitaria Italiana Scrittori sottoscrive un Protocollo di intesa con due validi soggetti, attenti alla politica culturale italiana e attivi sui territori del nostro Paese” afferma il presidente della Fuis, Natale Rossi. Sul tavolo una serie di iniziative e manifestazione artistiche e culturali, alcune organizzate secondo precisi filoni tematici.

“L'occasione del patrocinio morale concesso alla importante iniziativa "Salva la tua lingua locale" – prosegue Rossi - è il primo segno di una collaborazione da cui gli scrittori italiani potranno trarre il meglio, confidando nelle sinergie che si attiveranno sin da subito, a tutto vantaggio della comunità intellettuale, della società civile e del mondo dell'associazionismo”. Il presidente dell’Unione Nazionale delle Pro Loco, Antonino La Spina, sottolinea “l’importanza di un percorso di collaborazione nato al fianco del premio nazionale “Salva la tua lingua locale” e che prosegue con la rilevante intesa siglata con Fuis e Legautonomie Lazio, al fine di avviare azioni comuni per esaltare ancora di più il patrimonio artistico e culturale italiano”. Per il presidente di Legautonomie Lazio, Bruno Manzi, “la firma di questo accordo segna il punto di partenza per un impegno che punti alla valorizzazione del patrimonio artistico e culturale italiano, affinché si rafforzi il legame con la cultura dei nostri territori e anche le generazioni più giovani riscoprano l’importanza del patrimonio culturale immateriale”.

La FUIS Federazione Unitaria Italiana Scrittori è l’associazione di categoria degli scrittori italiani maggiormente rappresentativa, come certificato dal Ministero del Lavoro. La FUIS tutela, consiglia e promuove gli scrittori italiani di tutte le forme espressive dell’arte: dalla letteratura al teatro, dal cinema alle arti visive, dalla musica alla fotografia. Oltre a svolgere le attività di rappresentanza presso enti pubblici e privati, presso organismi nazionali ed internazionali, la FUIS svolge numerose attività di supporto alla vita professionale degli Autori: organizza festival, rassegne e presentazioni di opere dell’ingegno, corsi di formazione, convegni e giornate di studio, realizza indagini e ricerche, sostiene attività progettuali presentate dai propri soci e da enti che hanno sottoscritto con la FUIS protocolli di collaborazione.


Mobilità sostenibile, dagli obiettivi alle azioni

E-mail Stampa PDF

Si è svolto questa mattina il 2° Workshop con gli amministratori locali dedicato al tema della mobilità sostenibile. Nel corso dell'incontro sono stati chiariti i dettagli tecnici sui PUMS, quali strumenti di pianificazione del sistema della mobilità territoriale.

Obiettivo prioritario della mobilità sostenibile è soddisfare i bisogni della società, garantendo la possibilità di muoversi liberamente, comunicare, stabilire relazioni, commerciare. Bisogni che devono esser garantiti senza trascurare altri aspetti fondamentali per la società e il territorio, quali l'ecologia e i valori umani.

«È necessario, pertanto, adottare politiche per la realizzazione di un Piano di mobilità sostenibile per di soddisfare le esigenze di mobilità dei cittadini e delle imprese, al fine di migliorare la qualità della vita nei nostri centri urbani» ha sottolineato il Presidente di Leganet, Alessandro Broccatelli. Il nuovo approccio di pianificazione, come chiarito nel corso del dibattito, dovrà essere focalizzato sull'individuo valutando anche il coinvolgimento degli stakeholder.

Al dibattito hanno partecipato gli amministratori locali del Lazio, provenienti da Viterbo, Civitavecchia, Monterotondo e dal Frusinate.

A fornire agli amministratori il supporto tecnico per l'elaborazione e l'implementazione dei Piani Urbani per la Mobilità Sostenibile glì esperti di FIT Consulting, società leader nelle strategie per lo sviluppo, soluzioni a rete e mobilità sostenibile: Massimo Marciani e Luca Lucietti.

Tra gli altri, sono intervenuti Gabriele Astolfi e Andrea Scolastri.

Scarica le slide del Workshop.

Allegati:
Scarica questo file (Seminario_PUMS 24 05 2017.pdf)Seminario_PUMS 24 05 2017.pdf[ ]1942 Kb

Giovanni Solimine nuovo presidente onorario di 'Salva la tua lingua locale'

E-mail Stampa PDF

Torino 19 maggio – Giovanni Solimine è il nuovo presidente onorario del premio nazionale “Salva la tua lingua locale”. Docente universitario, direttore del Dipartimento di Scienze documentarie, linguistiche e filologiche dell’Università La Sapienza e presidente della Fondazione Bellonci, organizzatrice del Premio Strega, Solimine, 65 anni, ha accolto la proposta avanzata dall’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia e Legautonomie Lazio che promuovono il Premio in collaborazione con altre associazioni.

L’indicazione di Solimine è stata resa nota oggi nella conferenza stampa tenutasi nello stand della Fuis (Federazione Unitaria Scrittori Italiani) nell’ambito del “Salone del Libro” in svolgimento a Torino.

“La tutela e la valorizzazione dei dialetti e delle lingue locali – ha dichiarato il prof. Giovanni Solimine – è un’operazione culturale di grande rilievo. Infatti, come hanno ricordato Andrea Camilleri e Tullio De Mauro, dialogando qualche anno fa, il dialetto è la lingua degli affetti, il modo di esprimersi più autentico ed intimo, ma non è solo la lingua delle emozioni: i dialetti sono la linfa dell’albero della lingua”. Profonda soddisfazione è stata espressa dal presidente delle Pro Loco d’Italia, Antonino La Spina e del consiglio di Legautonomie, Bruno Manzi.

“Siamo lieti – hanno detto La Spina e Manzi – che il prof. Solimine abbia accolto la nostra proposta, avviandosi a proseguire il prezioso lavoro svolto da Tullio De Mauro”. La Spina ha proseguito sottolineando che “dialetti e lingue locali rappresentano il Dna che ci lega al nostro territorio, un patrimonio culturale che le Pro Loco tutelano e valorizzano con eventi ed iniziative”.

Oltre al premio “Salva la tua Lingua Locale” le Associazioni sono promotrici della “Giornata nazionale del dialetto”, che ricorre il 17 gennaio di ogni anno, e custodi del patrimonio culturale immateriale italiano anche attraverso il canale youtube “Memoria Immateriale” che con oltre 1300 video costituisce l’inventario on line delle tradizioni italiane. “I dialetti e le lingue locali – ha affermato il presidente del consiglio di Legautonomie, Bruno Manzi – rappresentano uno dei patrimoni culturali immateriali del nostro Paese assolutamente da tutelare, come continua a ricordarci l’UNESCO, a fronte del rischio estinzione di alcune lingue locali italiane”.

La conferenza è stata aperta dall’intervento introduttivo del presidente della Fuis (Federazione Unitaria Scrittori Italiani), Natale Rossi. “La Fuis – ha detto Rossi – è lieta di promuovere e ospitare nel proprio stand una manifestazione dedicata alle lingue locali che nel passato sono state forma espressiva prevalente della cultura del lavoro. Oggi tali espressioni linguistiche sono, anche per il valore letterario, forme di una cultura del quotidiano che va conservata e promossa”.

Il Premio letterario “Salva la tua lingua locale”, aperto a tutti gli autori in lingua locale e articolato in diverse sezioni in una delle lingue locali o dialetti d’Italia, è organizzato dall’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia e Legautonomie Lazio in collaborazione con il Centro di documentazione per la poesia dialettale “Vincenzo Scarpellino”, il Centro Internazionale Eugenio Montale e l’ong “EIP – Scuola Strumento di Pace” ( per la sezione scuola).

Si tratta di uno dei più importanti premi nazionali per le opere in dialetto o in lingua locale, giunto alla 5° edizione (il bando è scaricabile dai siti www.unpli.info e www.legautonomielazio.it). La partecipazione è gratuita; nelle edizioni che si sono susseguite in questi anni, hanno preso parte circa duemila autori.

I materiali audio e videoaudio dei partecipanti al premio sono stati pubblicati sul canale/inventario “Memoria Immateriale” di YouTube in un’apposita playlist che permette di ascoltare anche l’audio (caratteristica originale del Premio) dei componimenti inediti per la prosa e la poesia.

Video ed interviste saranno disponibili al seguente link https://www.dropbox.com/sh/kh2x9d53yt347zb/AABnjNujUyKN6eu86s7CrMoZa?dl=0

Presentazione del nuovo Presidente Onorario del Premio Salva la tua lingua locale

E-mail Stampa PDF

Comunicato stampa

ROMA – Venerdì 19 maggio si terrà la conferenza stampa di presentazione del nuovo presidente onorario del Premio nazionale “Salva la tua lingua locale”. L’incontro con i giornalisti si svolgerà nello stand della Fuis (Federazione Unitaria Italiana Scrittori) presso il “Salone Internazionale del libro” in corso a Torino, alle ore 15.30 (padiglione 3, stand T29).

L’evento sarà aperto dai saluti del presidente della Fuis, Natale Rossi; a seguire gli interventi del presidente dell’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia, Antonino La Spina, del presidente di Legautonomie Lazio, Bruno Manzi e del presidente della Fondazione Bellonci, Giovanni Solimine.

Il Premio letterario “Salva la tua lingua locale”, aperto a tutti gli autori in lingua locale e articolato in diverse sezioni in una delle lingue locali o dialetti d’Italia, è organizzato dall’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia e Legautonomie Lazio, in collaborazione con il Centro di documentazione per la poesia dialettale “Vincenzo Scarpellino”, il Centro Internazionale Eugenio Montale e l’ong “EIP – Scuola Strumento di Pace”, per la sezione scuole

Si tratta di uno dei più importanti premi nazionali per le opere in dialetto o in lingua locale, giunto alla 5° edizione. I materiali audio e videoaudio dei partecipanti al premio sono stati pubblicati sul canale/inventario “Memoria Immateriale” di YouTube, in un’apposita playlist che permette di ascoltare anche l’audio (caratteristica originale del Premio) dei componimenti inediti per la prosa e la poesia.

“Memoria Immateriale” è il canale youtube con oltre 1300 video e che costituisce l’inventario on line delle tradizioni italiane: un prezioso archivio, unico nel suo genere, voluto ed implementato dall’Unione Nazionale delle Pro Loco.

Forum Terzo Settore Lazio, Manzi (Legautonomie): buon lavoro a Francesca Danese

E-mail Stampa PDF

Comunicato Stampa

Roma, 10 APR - «Vorrei esprimere le mie più vive congratulazioni a Francesca Danese, neo eletta Portavoce del Forum Terzo Settore del Lazio, con l’augurio di buon lavoro per il suo nuovo incarico. Certo dell’esperienza e della grande professionalità di Francesca Danese, l’augurio si coniuga all’auspicio di portare avanti la collaborazione e rafforzare la partnership tra le due Associazioni, intrapresa qualche anno fa con il Portavoce uscente, Gianni Palumbo, al fine di sperimentare e sviluppare forme innovative di welfare. L’obiettivo comune, supportato da quella che è la mission stessa di entrambe le Associazioni, è la promozione di sistemi di sviluppo locale, di un nuovo indirizzo condiviso del principio di sussidiarietà, la lotta contro la povertà e per l’inclusione sociale, anche grazie al progetto di realizzazione delle Case della Sussidiarietà e del Bene Comune». Con queste parole il Presidente di Legautonomie Lazio, Bruno Manzi, ha commentato in una nota l’elezione della nuova Portavoce del Forum Terzo Settore Lazio, Francesca Danese.

Legautonomie Lazio e Forum Terzo Settore Lazio: presentato il Protocollo d'Intesa

E-mail Stampa PDF

Comunicato Stampa

Roma, 24 marzo 2017. È stato presentato oggi il Protocollo d’Intesa sottoscritto da Legautonomie Lazio e il Forum Terzo Settore del Lazio, finalizzato ad avviare politiche integrate e sistemi di sviluppo locale con azioni che mirano ad un nuovo indirizzo condiviso del principio di  sussidiarietà, in vista della concreta eliminazione delle barriere che impediscono fisicamente e culturalmente la partecipazione delle persone con disabilità; del contrasto delle povertà ed assicurando la sicurezza alimentare mediante l’informazione, l’educazione e la conoscenza sugli stili di vita alimentare più appropriati.

«Il tema del welfare e, in particolare, delle Case della Sussidiarietà e del Bene Comune rappresenta una vera e propria sfida per gli amministratori locali, i quali dovrebbero misurarsi su una visione a 360 gradi» ha detto il Presidente di Legautonomie Lazio, Bruno Manzi, introducendo il dibattito. «Le Amministrazioni locali devono gestire il welfare in una logica di unitarietà con il resto della loro attività amministrativa sia essa in campo ambientale, urbanistico, infrastrutturale. In un contesto di limitazione delle risorse quelle destinate al welfare devono essere intese come investimenti e non come spesa. L’azione politica locale deve contribuire a superare la dimensione del singolare per acquisire quella del plurale, puntando a ricostruire e rafforzare le comunità locali».

«È necessario rimettere al centro la persona e puntare sugli elementi che possono realizzare una sempre maggiore qualità della vita. Il nostro obiettivo è, in tempi di crisi, giungere ad una partnership effettiva, efficace, sinergica tra le competenze del pubblico e del Terzo settore, così come dei soggetti privati responsabili: quindi non solo il benessere materiale, ma anche la vivibilità delle comunità, aria, mobilità, sicurezza alimentare, salute, servizi, accoglienza» ha spiegato il Portavoce del Forum Terzo Settore del Lazio, Gianni Palumbo.

Al convegno sono intervenuti amministratori locali, docenti universitari ed esperti del Terzo Settore, che hanno riportato la propria esperienza sulle tematiche. Tra questi, Cristina Maltese, Vice Presidente di Legautonomie Lazio; Alessandro Broccatelli, Presidente di Leganet; Silvia Marongiu, Consigliera comunale; Lucina Caravaggi, che ha trattato l’argomento dei paesaggi socialmente utili; Angela Gentili, con il tema della sicurezza alimentare e sostenibilità; Eugenio De Crescenzo, cooperative e politiche settoriali.

Comuni fino a 15 mila abitanti e obbligo di pubblicazione dei redditi

E-mail Stampa PDF

I Comuni con popolazione inferiore ai 15 mila abitanti non hanno l'obbligo di pubblicazione dei documenti relativi alla situazione reddituale e patrimoniale dei dirigenti, degli amministratori e delle posizioni organizzative.

E' stato fornito dall'Autorità Nazionale Anticorruzione il chiarimento con le linee guida approvate con la determinazione 241/2017, relative all'attuazione dell'articolo 14 del decreto trasparenza, sulla base delle modifiche approvate con il dlgs 97/2016.

Le linee guida, come specificato dall'Anac, si applicano alle amministrazioni pubbliche demandando le misure specifiche per le società. Rientrano anche gli enti pubblici non economici, come le aziende speciali, per i quali gli obblighi di pubblicità previsti dalla norma si applicano al presidente, ai componenti del consiglio di amministrazione, ai dirigenti apicali, agli altri dirigenti e alle posizioni organizzative titolari di funzioni dirigenziali.

In allegato la delibera dell'Autorità Nazionale Anticorruzione e l'elencazione esemplificativa.


Legautonomie: dopo il Referendum rilanciamo la riforma organica dell'ordinamento delle autonomie locali

E-mail Stampa PDF

Dopo il Referendum: rilanciare la riforma organica dell'ordinamento delle autonomie locali. È la proposta di Legautonomie per una riforma dell'ordinamento delle autonomie locali che tenga conto anche dei cambiamenti legati alle riforme degli ultimi anni.

Sarà questo il tema del Seminario organizzato da Legautonomie per il prossimo 14 marzo, presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

La proposta, elaborata dal Professor Vandelli, è incentrata sulla funzione dei Comuni, relativamente alle modifiche alle norme sulla cooperazione intercomunale e la gestione associata delle funzioni e dei servizi, ai processi di fusione, agli aspetti legati ai rapporti con le Regioni, affronta, inoltre, il nodo delle Province e il tema dell'ordinamento delle Città metropolitane.

Tra i relatori: Marco Filippeschi, Sindaco di Pisa e Presidente di Legautonomie; il professor Luciano Vandelli; Antonio Misiani, comm.ne Bilancio Camera; Matteo Ricci, Sindaco di Pesaro, Responsabile del PD per le Autonomie locali; Nicola Sanna, Sindaco di Sassari e Coordinatore delle Città medie dell’Anci; Achille Variati, Sindaco e Presidente Provincia di Vicenza, Presidente dell’Upi; Roberto Bruno, Sindaco di Pachino; Francesco Casciano, Sindaco di Collegno; Cristina Maltese, Consigliera municipale di Roma Capitale; Bruno Manzi, Presidente Consiglio Nazionale Legautonomie e Paolo Perenzin, Sindaco di Feltre. Il seminario, con inizio alle ore 10:00, sarà moderato dal Sindaco di Cusano Milanino e Vicepresidente di Legautonomie, Lorenzo Gaiani.

Allegati:
Scarica questo file (ProgrammaZinZprogress.pdf)ProgrammaZinZprogress.pdf[ ]621 Kb
Scarica questo file (SchedaZdiZIscrizione.doc)SchedaZdiZIscrizione.doc[ ]474 Kb

Associazionismo comunale: i contributi della Regione Lazio

E-mail Stampa PDF

"Associazionismo Comunale. I contributi della Regione Lazio" è il Seminario di studi che si svolgerà il 7 marzo dalle ore 15 alle ore 17 presso la sede di Legautonomie Lazio.

L'incontro, organizzato da Legautonomie Lazio e Leganet, mira ad approfondire tutti i dettagli tecnici e operativi del bando della Regione Lazio, in particolare: obiettivi, destinatari, azioni finanziabili, criteri di valutazione, risorse e scadenze. Verranno approfondite, inoltre, tematiche relative a funzioni e servizi gestiti dalle Unioni di Comuni.

Scarica il programma del Seminario di studi.

Allegati:
Scarica questo file (programma_7_marzo.pdf)programma_7_marzo.pdf[ ]895 Kb

Pag 9 di 66