Sunday, Dec 16th

Last update12:49:12 PM GMT

Sei qui: News Legautonomie

Legautonomie

Avviso per l'inclusione sociale: il Seminario di approfondimento

E-mail Stampa PDF

Legautonomie Lazio, in collaborazione con il Forum Terzo Settore Lazio e Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio organizza il Seminario di approfondimento "Avviso per l'inclusione sociale - POR FSE Lazio 2014-2020".

L'incontro, che si terrà il 19 gennaio alle ore 16 presso il Roma Scout Center, in Largo dello Scautismo, 1, sarà l'occasione per approfondire tutti i dettagli relativi all'Avviso che si inserisce nell'Asse II Inclusione sociale e lotta alla povertà del POR FSE Lazio, che prevede uno stanziamento di 24 milioni di euro in tre anni per la presentazione di progetti di presa in carico, orientamento e accompagnamento a percorsi di inclusione sociale attiva.

Parteciperanno all'iniziativa, tra gli altri, l'Assessora alle Politiche sociali, Sport e Sicurezza della Regione Lazio, Rita Visini. Tra gli invitati, Tiziana Biolghini (Area Terzo Settore della Regione Lazio) ed Elisabetta Longo (Autorità di Gestione POR FSE Lazio).

Per partecipare gratuitamente al seminario clicca qui

De Mauro, Manzi: immensa gratitudine per tutela dialetti e lingue locali

E-mail Stampa PDF

Roma, 5.01.2017. «La scomparsa del Professor Tullio De Mauro lascia un vuoto incolmabile, ma, allo stesso tempo, un grande patrimonio nel mondo letterario e culturale italiano» ha dichiarato Bruno Manzi, Presidente di Legautonomie Lazio, dopo aver appreso dalla stampa nazionale la notizia della morte del linguista. «L’immensa stima e gratitudine che da anni nutro nei confronti di De Mauro trova la sua ragion d’essere anche nella sua disponibilità e nel suo grande contributo nel valorizzare e tutelare il patrimonio culturale immateriale dei dialetti e delle lingue locali».

De Mauro, docente universitario, saggista e Ministro della Pubblica Istruzione dal 2000 al 2001, era Presidente Onorario del Premio Letterario “Salva la tua Lingua locale”. Il concorso letterario, giunto quest’anno alla sua 4° edizione, era stato ideato nel 2013 da Legautonomie Lazio, dall’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia (UNPLI), in collaborazione con il Centro di documentazione per la poesia dialettale “Vincenzo Scarpellino”, il Centro Internazionale Eugenio Montale e l’EIP, con l’obiettivo di contribuire a valorizzare i dialetti e le lingue locali, avvalendosi, appunto, della collaborazione di Tullio De Mauro.

 

Giovani amministratori locali: il nuovo corso di alta formazione

E-mail Stampa PDF

È rivolto a tutti gli amministratori locali il nuovo Corso di alta formazione in "Politica e amministrazione negli enti locali", organizzato da Legautonomie e dalla Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa.

Il Corso prenderà il via il 25 febbraio e sarà articolato in 8 incontri, con cadenza bisettimanale, per un totale di 48 ore di formazione, che daranno diritto all'acquisizione di 3 Crediti Formativi Universitari e si concluderà il 24 maggio 2017.

Le lezioni, che si svolgeranno presso le aule della Scuola Superiore Sant'Anna, verteranno su tematiche di grande rilevanza per il mondo delle autonomie locali e saranno strutturate

 

  • in una parte teorico-didattica, affidata a due docenti universitari, nella quale i temi della giornata verranno approfonditi sotto il profilo normativo e giurisprudenziale;
  • in una parte pratico-comunicativa, affidata a personalità “interne” alla politica ed alla amministrazione dei vari livelli di governo, nella quale saranno proposte e approfondite le buone pratiche politico-amministrative, che saranno utilizzate anche per favorire un proficuo confronto con le esperienze concrete dei partecipanti ai corsi.

 

Il Comitato scientifico del corso è composto dal prof. Paolo Carrozza e dalla dott.ssa Cristina Napoli, della Scuola Superiore Sant’Anna, e dal dott. Nicola Pignatelli dell’Università di Bari.

Per informazioni relative alla partecipazione e all’iscrizione è necessario consultare il sito della Scuola Superiore Sant'Anna (http://www.santannapisa.it/it/formazione/politica-e-amministrazione-negli-enti-locali-i-edizione) e di Legautonomie (http://www.legautonomie.it/Agenda/Politica-e-Amministrazione-negli-enti-locali-I-Edizione).

 

Consulta il Programma del Corso in allegato.

Allegati:
Scarica questo file (PROGRAMMA_Formazione_agg.pdf)PROGRAMMA_Formazione_agg.pdf[ ]5501 Kb

Legautonomie Lazio e Forum Terzo Settore insieme per nuovi sistemi di sviluppo locale

E-mail Stampa PDF

È stato siglato questa mattina il Protocollo d’Intesa tra Legautonomie Lazio, Associazione di Enti locali, e il Forum Terzo Settore del Lazio, Ente che valorizza l’azione dell’associazionismo, del volontariato e della cooperazione sociale.

«In questo momento di crisi globale è sempre più necessario rivalutare un elemento che negli anni è andato ad affievolirsi: la cittadinanza intesa come relazione con le Istituzioni, al fine di restituire un valore all’essere società e allo stare in democrazia. Ridisegnando un rapporto tra Enti locali e Terzo Settore che vada oltre i temi della semplice coprogettazione dei piani di sviluppo degli interventi sociali, sarà possibile contribuire a un nuovo modo di concepire la Governance grazie anche alla ridefinizione di una responsabilità congiunta delle politiche locali» ha dichiarato il Presidente di Legautonomie Lazio, Bruno Manzi.

«L’interesse generale viene collegato direttamente al tema del benessere dei cittadini e del territorio, strettamente connesso al concetto di “sviluppo sostenibile”» ha dichiarato il Portavoce del Forum Terzo Settore Lazio, Giovanni Palumbo. «Non si può pensare di incanalare il bisogno emozionale e di identità solo nell’agonismo sportivo o nelle divisioni territoriali o nella differenza di razza, ma è necessario promuovere politiche di sviluppo proattive ed integrate rispetto alla crisi in atto che trasformino il disagio in risorsa e opportunità»

L’Accordo ha l’obiettivo di promuovere e supportare l’istituzione di “Case della Sussidiarietà e dei Beni Comuni per lo sviluppo locale” al fine di consentire, mediante lo scambio di esperienze diverse, la nascita di nuove politiche integrate e sistemi di sviluppo locale. Le azioni mirano alla eliminazione delle barriere che impediscono fisicamente e culturalmente la partecipazione delle persone con disabilità; al contrasto delle povertà assicurando la sicurezza alimentare mediante l’informazione, l’educazione e la conoscenza sugli stili di vita alimentare più appropriati. A tal fine il Forum del Terzo Settore Lazio metterà a disposizione il proprio progetto “La Casa dell’Alimentazione”.

Legautonomie presenta il volume 'Legautonomie 1916-2016. Cento anni di storia del riformismo per il governo locale'

E-mail Stampa PDF

Martedì 13 dicembre, ore 16, presso la Sala della Sacrestia della Camera dei deputati, Legautonomie presenterà il volume "La Lega delle Autonomie 1916-2016. Cento anni di storia del riformismo per il governo locale" di Oscar Gaspari, edito da Il Mulino.

Tra i relatori, il Presidente di Legutonomie e sindaco di Pisa, Marco Filippeschi; Guido Melis, Docente di Storia delle istituzioni politiche; Oriano Giovanelli, Ufficio Presidenza Legautonomie; Walter Tocci, Senatore e Direttore del Centro per la riforma dello Stato (CRS); Paolo Fontanelli, Ufficio Presidenza Camera dei Deputati.

Cambiamo rotta all'Europa

E-mail Stampa PDF

Un mondo di pace, solidarietà e giustizia esige più Europa di pace, di solidarietà e giustizia. Eppure l’Unione europea può disgregarsi per gravi errori di strategia politica ed economica, per l’inadeguatezza delle istituzioni e la mancanza di democrazia. Sono stati costruiti muri con i mattoni degli egoismi nazionali soffocando l’idea d’Europa che sanciva la libertà di circolazione delle persone. Così rischia di disintegrarsi la comune casa europea, disegnata nel “Manifesto di Ventotene”, che unisce la prospettiva dello stato federale alla democrazia europea, alla pace e alla lotta alle diseguaglianze. E così si cancellano le speranze di milioni di europei.

Negli ultimi dieci anni le politiche di austerità hanno frenato gli investimenti nell’economia reale, esasperato le diseguaglianze, creato precarietà e destrutturato il modello sociale europeo.

L’Europa deve essere terra di diritti, di welfare, di cultura, di innovazione. Dovrebbe aver appreso dalla parte migliore della sua storia e dalle sue tragedie i valori dell’accoglienza, della pace, dell’uguaglianza e della convivenza.

L’Unione europea deve affrontare le grandi sfide della nostra epoca restituendo all’idea d’Europa la speranza nel benessere per l’intera collettività, la forza dei diritti e della solidarietà. E’ indispensabile e urgente ridare senso alla politica per eliminare le disuguaglianze ponendo fine alle politiche di austerità e agli strumenti che le hanno attuate, creare coesione sociale e territoriale, dare priorità all’ambiente come motore dello sviluppo combattendo i cambiamenti climatici, ridurre il divario generazionale e di genere, favorire la partecipazione e la cittadinanza attiva con un welfare europeo, ripudiare le guerre e perseguire il rispetto dei diritti, garantire l’accoglienza dei rifugiati e la libertà di migrare, impegnarsi a risolvere i problemi globali che sono causa delle migrazioni.

Serve una democrazia europea, dove la sovranità appartiene a uomini e donne che eleggono un governo federale responsabile davanti al Parlamento europeo.

Per queste ragioni, intendiamo agire affinché si apra il 25 marzo 2017 una fase costituente che superi il principio dell’unanimità, coinvolga comunità locali, attori economici e sociali, movimenti della società civile insieme a rappresentanti dei cittadini a livello regionale, nazionale ed europeo e si concluda in occasione delle elezioni europee nella primavera 2019. Per queste ragioni abbiamo deciso di promuovere una forte partecipazione popolare il 25 marzo 2017 a Roma e di sollecitare analoghe iniziative in altre città europee.

L’Europa democratica si affermerà solo se i suoi cittadini le faranno cambiare rotta.

Fonte: Consiglio Italiano del Movimento Europeo - C.I.M.E.

I Piani di emergenza e la responsabilità dei Sindaci

E-mail Stampa PDF

In occasione dell'incontro formativo con i Sindaci per discutere dei Piani di Emergenza Comunali, Marco Incocciati, Agenzia Regionale di Protezione Civile, ha illustrato agli amministratori le normative, i dettagli tecnici e gli obiettivi dei PEC. L'esperto ha approfondito, in particolare, il tema della responsabilità di Protezione Civile.

Scarica le slide dell'intervento.

Legautonomie: le nuove regole in materia di appalti pubblici

E-mail Stampa PDF

Questa mattina presso la sede nazionale CIA, si è svolto il Seminario Nazionale di Legautonomie in materia di appalti pubblici.

Durante l'incontro sono stati approfonditi tutti gli aspetti normativi del nuovo Codice appalti, che interessano le amministrazioni e il mondo delle Autonomie.

Ad introdurre il dibattito, il Direttore generale di Legautonomie, Loreto Del Cimmuto, che ha sottolineato l'importanza di fare chiarezza sulla normativa al fine di scioglierne i nodi per garantire una corretta applicazione della stessa da parte degli amministratori.

A sottolineare l'importanza del nuovo codice appalti, l'intervento di Antonella Nicotra (MIT) che ha illustrato la normativa, ribadendone gli obiettivi di trasparenza e qualità per la pubblica amministrazione.

Il Consigliere dell'Autorità Nazionale Anticorruzione, Francesco Merloni, con il suo intervento ha chiarito il ruolo dell'Autorità quale guida nei confronti delle amministrazioni, in particolare relativamente agli "errori" nella fase di attuazione della legge. «Compito dell'ANAC è quello di fornire un aiuto alle amministrazioni nell'applicazione della legge, fornendo raccomandazioni cosiddette vincolanti e non vincolanti». Merloni ha specificato, inoltre, che dopo aver adottato atti di indirizzo, l'Autorità garantisce "autonomia autorizzativa" all'amministrazione. Il Consigliere ANAC ha ribadito, infine, il dovere dell'Autorità di presiedere ad una normazione secondaria "più flessibile", così come previsto dalla legge.

«Vi sono alcune parti del Codice che necessitano di una rivisitazione ed è un dovere del legislatore valutarlo e prenderne atto» ha dichiarato il Vice Ministro delle Infrastrutture, Riccardo Nencini, che ha ribadito, inoltre, l'importanza del Codice quale "strumento di supporto alla pubblica amministrazione" per garantire "trasparenza, progettualità e rispetto della normativa".

A conclusione dell'incontro il Presidente di Legautonomie, Marco Filippeschi, ha fatto sapere che l'incontro di questa mattina rappresenta il punto di partenza di un approfondimento e un monitoraggio sul tema, al fine di "promuovere e sostenere le buone pratiche adottate nei territori. "L'argomento è complesso e delicato" ha detto Filippeschi "tanto che andrà a caratterizzare l'attività della pubblica amministrazione nel prossimo futuro". 


Aggiornamento PEC, Legautonomie Lazio incontra i sindaci

E-mail Stampa PDF

Legautonomie Lazio organizza per venerdì 18 novembre alle ore 15 un incontro formativo dedicato ai sindaci.

L'incontro ha lo scopo di fornire tutte le competenze in materia di gestione delle emergenze, utili ai Comuni per la presentazione del Piano di Emergenza Comunale (obbligatorio come prescritto dalla Legge 100/2012 art. 5) e per poter accedere alle risorse economiche stanziate dalla Regione Lazio, mediante l'Agenzia Regionale di Protezione civile, per la predisposizione dei Piani in seguito agli eventi sismici che hanno colpito il Centro Italia.

Per accedere al beneficio del contributo regionale occorre presentare i Piani entro lunedì 5 dicembre 2016.

Scarica la lettera del Presidente di Legautonomie Lazio e il programma della giornata.

Allegati:
Scarica questo file (Programma_18Novembre.pdf)Programma_18Novembre.pdf[ ]568 Kb
Scarica questo file (Lettera_PEC.pdf)Lettera_PEC.pdf[ ]347 Kb

Pag 9 di 63